Quando preoccuparsi se vostro figlio non parla

26 Settembre 2019
Quando un figlio non parla, i genitori si preoccupano enormemente. Ma quando è il caso di farlo davvero? Ve lo diciamo qui.

Non tutti i bambini iniziano a parlare durante gli stessi mesi di vita, quindi non bisognerebbe preoccuparsi. Tuttavia, se ritenete che sia troppo tardi e vostro figlio non parla ancora, tenete a mente alcuni segnali. Vediamo insieme quando preoccuparsi se vostro figlio non parla.

Quando preoccuparsi se vostro figlio non parla

Se vostro figlio, ad esempio, ha due anni e parla a malapena o dice poche parole vaghe, sicuramente avrete iniziato a preoccuparvi. È una situazione abbastanza comune tra i genitori, talvolta più comune di quanto si possa pensare.

Tuttavia, a meno che non siano stati osservati ritardi anche in altre aree dello sviluppo iniziale, in linea di principio non si dovrebbe cercare un aiuto professionale. Comunque, bisogna considerare lo sviluppo normale del bambino per capire se è il caso di rivolgersi ad un medico.

Se un figlio non parla prima dei 12 mesi

Sebbene siano ancora molto piccoli, è essenziale osservare i bambini per rilevare possibili indicatori che ci diano indizi sul loro sviluppo. A questa età, è normale per loro usare la voce per relazionarsi con l’ambiente circostante.

Balbettare e gorgheggiare costituiscono le fasi iniziali. Intorno ai 9 mesi inizieranno ad unire i suoni e usare le diverse intonazioni del linguaggio. Sarà in questo momento in cui inizieranno a dire parole come “mamma” e “papà”, nonostante non sappiano ancora cosa significhi.

«Prendere la decisione di avere un bambino è decidere di far uscire il tuo cuore dal tuo corpo per sempre.»

-Elizabeth Stone-

In genere, i bambini sono molto ricettivi ai suoni in questa fase di sviluppo. È normale che inizino a riconoscere i nomi di oggetti come il biberon, il ciuccio, ecc. Se notate che il vostro bambino osserva da vicino ciò che lo circonda ma non reagisce al suono, potrebbe avere qualche problema di udito.

Quando preoccuparsi se vostro figlio non parla

Tra 12 e 15 mesi

I bambini a questa età emettono più suoni attraverso il loro particolare balbettio. A questo punto il vostro bambino dovrebbe essere in grado di dire parole come bebè, papà, mamma, ecc. In ogni caso, deve già comprendere e seguire istruzioni semplici e di base. Esempi sono “per favore passami la palla”, ecc.

Da 18 a 24 mesi

Sebbene in questa fascia di età ci siano molte differenze, la verità è che la maggior parte dei bambini dice circa 20 parole quando ha circa 18 mesi. Intorno ai 2 anni riusciranno a raggiungere un vocabolario di circa 50 parole.

In quel momento, iniziano a combinare due parole in frasi semplici. A questa età, il bambino dovrebbe essere in grado di identificare oggetti comuni. Potete provare a menzionare i suoi occhi, orecchie e naso e vedere se riesce a indicarli.

Da 2 a 3 anni

I bambini dai due ai tre anni sperimentano grandi progressi nel linguaggio. Il vocabolario del bambino dovrebbe aumentare considerevolmente. Inoltre, dovrebbe sistematicamente combinare tre o più parole in frasi più lunghe.

Quando raggiungeranno i tre anni, la loro comprensione sarà notevolmente migliorata. In questa fase il bambino dovrebbe capire cosa significano determinati ordini. Questo è il caso di frasi come “mettilo sul tavolo” o “mettilo sotto il letto”.

Allo stesso modo, in questa fase il bambino deve iniziare a identificare i colori. Comincia anche a comprendere concetti descrittivi, come qualcosa di grande o qualcosa di piccolo, ecc.

Bambino che balbetta

Andare dal pediatra risolverà i vostri dubbi

Se notate che vostro figlio non parla o non segue un ritmo simile a quello descritto, forse dovreste andare da uno specialista per ascoltare il suo parere. A volte ci sono altri problemi dietro i ritardi nel linguaggio dei bambini. Questi potrebbero includere un possibile disturbo del linguaggio ricettivo o altri deficit associati che potrebbero richiedere un’attenzione personalizzata.

Inoltre, dovrete osservare se ci sono altre serie di problemi aggiuntivi. Il più comune è che se il bambino comprende gli altri, cioè la lingua, i gesti e molte cose che lo circondano, ma non è in grado di esprimersi, ciò avrà conseguenze sul suo comportamento.

Questo perché un ritardo del linguaggio di solito porta a problemi comportamentali a causa della frustrazione di non essere in grado di farsi capire. Ecco quando preoccuparsi se vostro figlio non parla.

Se vostro figlio non parla, dovete stare molto attenti e capire al più presto se si tratta di un problema o meno. Altrimenti, potrebbe persistere al di là del fatto che il bambino acquisisce finalmente la capacità di parlare e non ha più questo handicap.