La maternità: non è magia, ma rende la vita molto più bella

15 Giugno 2019
La maternità non è una favola in cui tutto va sempre bene, ma riempie la vita di gioia.

La maternità non è una favola, a volte ci fa soffrire, esaurisce le nostre energie e ci riempie di paure e innumerevoli dubbi. Tuttavia, c’è qualcosa che tutte sappiamo, qualcosa che ci dice il cuore, che i nostri sensi sentono e che tutte le cellule del corpo ci comunicano: mai fino ad ora abbiamo vissuto una realtà così bella, intensa e piena di significato.

È molto probabile che nella vostra famiglia si sia parlato in più di un’occasione di vostra nonna o della vostra bisnonna. Quella donna coraggiosa che è stata in grado di crescere dieci o dodici figli e che, date le difficoltà dei tempi, ha dovuto affrontare anche la perdita di qualcuno dei suoi figli. Quando ascoltiamo quelle storie, così belle, intense e disincantate, non possiamo fare a meno di rimanere colpiti.

Come facevano allora? Com’era la maternità? Come riuscivano a crescere tutti quei figli mentre per noi, con solo uno o due bambini, ci sono dei giorni che pensiamo di non farcela? Che ci crediate o no, anche le donne di allora avevano gli stessi dubbi, le stesse preoccupazioni e le stesse paure che avete voi. Rimane la loro eredità, la loro discendenza, di cui fate parte e che state portando avanti con i vostri stessi figli.

La maternità non è di certo il paradiso. Lo capirete subito: lo intuirete durante la gravidanza, lo scoprirete durante il parto e ne avrete conferma durante l’educazione dei vostri figli. In compenso, ogni giorno, succederà qualcosa di bello e di eccezionale che vi segnerà per sempre: aumenterà l’amore che provate per quella nuova vita, così piccola e così perfetta…

La maternità non è facile, magica o perfetta

maternità magica di una sirena e il suo bambino

Non esiste nessuna mamma (o nessun papà) che abbia le soluzioni a portata di mano per tutti i problemi che possono sorgere. Quando siete dei neo-genitori, ogni giorno, per svariate ragioni, vi troverete di fronte ad una sfida.

Eccovi alcuni esempi.

Il corpo non si riprende subito dopo il parto come per magia.

Questa è una delle realtà più difficili di cui non si parla spesso. Quando nasce un figlio, tutto ciò che ci riguarda dipende da questa nuova vita. Si raccomanda alla mamma di allattare il prima possibile e di non ritardare questa decisione, di rispondere immediatamente quando il bambino piange, di fare questo e di stare attenta a quest’altro…

  • E chi si cura del corpo della donna che ha appena partorito? Non fanno male solo le ferite esterne, dovute al parto cesareo o al parto vaginale, ma anche quelle interne. Gli organi si riposizionano, le gambe sono doloranti; per non parlare della stanchezza accumulata dovuta alle ore di sonno mancanti. Questi sono tutti aspetti da prendere in considerazione.

Tuttavia, l’amore per il bambino ci dà la forza per superare questi momenti.

Il bambino ha bisogno di molte attenzioni

bambino angelo

A prima vista potrebbe sembrare un angelo, ma avete già capito che non vive solamente per mangiare e dormire. I bambini hanno molti bisogni che dovete imparare a riconoscere e soddisfare.

Giorno dopo giorno, imparerete a conoscere le loro abitudini, quello che a loro piace, quello che riempie loro il sorriso di gioia e come farli addormentare. Tuttavia, quando pensate di sapere tutto, inizia una nuova fase, con nuove sfide e nuovi bisogni che spesso si manifestano nel peggiore dei modi attraverso urla, tirate di capelli o lanci di oggetti da una parte all’altra.

Il vostro bambino non è un essere magico, è fatto della stessa materia di qualsiasi altra persona: ha le sue paure e un grande bisogno d’affetto.

La maternità non è magia, è l’amore che vi ha reso giorno dopo giorno delle persone migliori

maternità in un disegno

Ogni difficoltà superata, ogni paura vinta e ogni progresso raggiunto dai vostri bambini vi definiscono per quello che siete: una madre ed un padre eccezionali che, pur essendo consapevoli di commettere degli errori, si sforzano ogni giorno per dare il meglio.

Non siete più quelle persone che volevano conquistare il mondo. Oggi, quello che desiderate maggiormente è vivere la vita con le persone che amate di più: il vostro partner e i vostri figli. Adesso, vi piacciono le cose semplici: vedere il vostro bambino dormire, sorridere e osservarlo mentre conosce il mondo scoprendo sempre cose nuove. Questo piccolo essere è diventato il centro della vostra felicità.

Nel vostro presente l’amore è rappresentato da un essere concreto e tangibile, una creatura con gli occhi grandi che vi chiama mamma e papà e che vi ha fatto capire che avere un figlio non è la favola così perfetta che vi hanno raccontato, ma è senza dubbio la cosa più grande ed importante che vi sia mai capitata.