La vostra casa deve essere un rifugio emotivo

18 Giugno 2019
Per essere felice, un bambino deve sentirsi protetto. Leggete questo articolo per scoprire in che modo potete rendere la vostra casa un rifugio emotivo.

Tutti noi abbiamo bisogno di sentirci protetti, per essere felici. Questa protezione la troviamo nella sicurezza, la sicurezza che ci offre una casa. Una casa, infatti, oltre a essere un rifugio fisico, deve anche anche essere un rifugio emotivoNon c’è miglior rifugio di quello nel quale ci sentiamo valorizzati, compresi, appoggiati e, soprattutto, amati.

Il rifugio emotivo della casa

Il rifugio emotivo non solo è importante per gli adulti, ma risulta indispensabile anche per i bambini. I bambini sono esseri fragili e innocenti che stanno ancora formando la propria personalità, la propria identità, che imparano da ciò che vedono e i cui più importanti esempi sono i genitori… Senza alcun dubbio, per fare in modo che i bambini crescano sani e felici, è necessario lavorare su una casa come rifugio emotivo.

Se desiderate che i vostri figli crescano e si sviluppino sani e felici, dovete creare in casa un clima emotivo che li aiuti a essere se stessi e a sapere che sono persone rispettate per ciò che sono e nel quale possano sentirsi bene oppure male, se è di questo che hanno bisogno… E dove possano sentire, inoltre, che accanto a loro c’è sempre la loro famiglia, nel bene e nel male… La famiglia sarà il loro più importante pilastro.

La casa come rifugio emotivo possiamo essere noi stessi. Possiamo svilupparci senza giudizi, senza etichette, senza dita puntate. In una casa esistono fiducia, abitudini, routine e regole che vanno comprese e che non devono essere trascurate. Il rispetto degli uni per gli altri, la comprensione e il buon operato sono molto importanti. I membri di una famiglia devono sapere che nella loro casa l’amore è nell’aria.

Intelligenza ed educazione emotiva

una famiglia emotivamente sana è fondamentale per crescere bambini felici

 

Ci sono alcuni elementi che in una casa come rifugio emotivo non possono assolutamente mancare: empatia, assertività, autocontrollo, bontà, rispetto, fiducia, comunicazione e amore. È importante fare attenzione alle proprie emozioni per il benessere comune di tutte le persone che abitano in una stessa casa. Proprio per questo, l’intelligenza emotiva deve fare parte della vita quotidiana.

Inoltre, in una casa nella quale sono presenti dei bambini non può mancare l’educazione emotiva. I bambini hanno bisogno di imparare a comprendere le proprie emozioni e quelle degli altri. I bambini sono quelli che soffrono con maggiore intensità, quando in casa si vivono dei conflitti… Loro ne subiscono la parte peggiore, perché è possibile scavare nella loro personalità aspetti negativi in grado di far gravare su di loro un pesante carico emotivo.

I conflitti sono inevitabili. Anche le migliori famiglie possono presentare dei conflitti nella propria casa. Il segreto, però, consiste nell’apprendere a gestire questi conflitti, nell’imparare da essi per trovare delle soluzioni e fare in modo che quello stesso conflitto, in futuro, non torni a colpire così negativamente l’ambiente domestico. Un modo di affrontare i conflitti consiste nel discuterne con onestà e sincerità, parlando delle emozioni e dei sentimenti che quel particolare conflitto ha generato in noi.

Come fare in modo che la vostra casa sia un buon rifugio emotivo

la casa come rifugio emotivo

Per riuscire a fare in modo che la vostra casa sia un buon rifugio emotivo, per prima cosa dovrete guardare dentro il vostro cuore e rendervi conto che meglio vi sentite e più siete felici, migliore sarà l’armonia che si sprigionerà da voi. Se vi sentite bene, agirete bene, e anche le persone che vi circondano se ne accorgeranno. Se invece vi sentite male, bisognerà cercare delle soluzioni per fare in modo che questi sentimenti negativi non si impossessino di voi. Fate attenzione ai momenti che trascorrete con gli altri e con voi stessi.

Altrettanto importante è che siate capaci di trattare la vostra famiglia come se vi stessero riprendendo con una videocamera. Perché? Perché se sapete che altre persone vi stanno guardando e giudicando, è probabile che sfoggiate la vostra espressione migliore e tutta la vostra amabilità, e che trattiate la vostra famiglia e voi stessi con tutto il vostro amore. Per fare tutto ciò, però, non è necessario che vi riprendano davvero: siamo certi che sappiate riuscirci in modo consapevole.

Potete anche iniziare a fare attenzione a ciò che dite e a come lo dite. Se potete, cercate di dire ogni cosa con affetto e rispetto. A tutti noi piace che ci si rivolga a noi con affetto. Non permettete che lo stress, la routine o il cattivo umore vi abituino a parlare con durezza alle persone alle quali più volete bene. La fiducia si guadagna con il rispetto. Quindi, rispettate gli altri e parlate loro con lo stesso affetto con il quale vorreste che loro parlassero a voi.

  • Carpena, A. (2008). Emociones y salud. Aula de Innovación Educativa, 173-174 (pp. 61-64).
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Navas, M. D. C. O. (2010). La educación emocional y sus implicaciones en la salud. Revista Española de orientación y psicopedagogía, 21(2), 462-470. https://www.redalyc.org/pdf/3382/338230785025.pdf