Mal d'orecchie nei bambini: 3 rimedi casalinghi

In questo articolo troverete una serie di rimedi casalinghi che possono aiutare a ridurre il mal d'orecchie nei bambini prima di adottare misure farmacologiche.
Mal d'orecchie nei bambini: 3 rimedi casalinghi

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2021

Il mal d’orecchie può essere molto fastidioso e frequente durante l’infanzia, sia a causa di processi infiammatori che infettivi. In certe occasioni è una causa molto comune del pianto incontrollato e, quindi, conviene valutare una serie di rimedi casalinghi per alleviarlo. In ogni caso, quando l’intensità del dolore è elevata e non cede con misure naturali, è necessario consultare il medico.

Innanzitutto è necessario sapere che alcune pratiche quotidiane possono causare fastidi all’orecchio, come graffiare il condotto uditivo, l’uso di bastoncini (o tamponi) e anche, l’ingresso di acqua durante un bagno in piscina. Tutti questi fattori possono irritare la pelle del canale o della membrana timpanica ed è meglio risolvere il problema il prima possibile.

Rimedi casalinghi per alleviare il mal d’orecchie

I rimedi che andremo a presentare nei paragrafi seguenti possono aiutare ad alleviare il mal d’orecchie; ma se questo non si interrompe o si ripresenta nel tempo, sarà necessario recarsi dallo specialista per effettuare i relativi esami.

la bambina si tiene il viso mal d'orecchi angoscia piangendo

1. Asciugare con un asciugacapelli

Applicare calore al condotto uditivo può essere lenitivo. È necessario che l’aria non sia molto calda e che venga applicata a una certa distanza dalle orecchie, per non più di 2 o 3 minuti. L’applicazione non deve mai essere diretta per evitare ustioni e l’obiettivo è quello di asciugare la parte esterna dell’orecchio.

Attraverso l’aria secca è possibile far evaporare il liquido che si è accumulato all’interno dell’orecchio e in questo modo ridurre la sensazione fastidiosa o dolorosa.

2. Mettere l’olio di lavanda nel condotto uditivo esterno

È possibile applicare localmente alcune gocce di olio di lavanda o estratto di fiori di calendula per alleviare il mal d’orecchie nei bambini. Ci sono alcune prove in questo senso, come commentato da una revisione sistematica preparata dalla Cochrane Collaboration.

Anche l’integrazione di alcune vitamine potrebbe essere considerata una misura preventiva. Nello specifico, una carenza di vitamina D può aumentare il rischio di soffrire di malattie respiratorie, come l’otite. Pertanto, l’inclusione nel regime nutrizionale di un integratore di questo micronutriente potrebbe essere vantaggiosa. Tuttavia, in ogni caso è consigliabile consultare prima lo specialista e non medicare il bambino senza il suo consenso.

3. Applicare alcune gocce di zenzero in acqua sull’orecchio

Lo zenzero è una delle spezie con le proprietà più benefiche esistenti. È in grado di favorire la perdita di peso e anche di aiutare a controllare alcuni meccanismi infiammatori e ossidativi.

Allo stesso modo, potrebbe ridurre il rischio di sviluppare alcune infezioni, come quelle respiratorie, se ingerito nelle infusioni. Lo afferma uno studio pubblicato su Clinical Nutrition ESPEN.

Per combattere il mal d’orecchie, è sufficiente mescolare un po’ di polvere di zenzero in acqua, lasciare riposare per qualche minuto. Quindi scolare e applicare un paio di gocce sulla zona dolorante. Vale la pena ricordare che questo rimedio casalingo non ha prove scientifiche che lo sostengono. 

Altre precauzioni per alleviare il mal d’orecchie nei bambini

Il mal d’orecchie può essere prevenuto adottando una serie di misure precauzionali, come impedire all’acqua di entrare nel condotto uditivo quando i bambini fanno il bagno in piscina o in mare. Per questo esistono una serie di tappi molto efficaci e che si adattano facilmente a questa cavità.

Inoltre, l’abitudine di pulire le narici con acqua di mare può essere utile, poiché impedisce l’accumulo di sporco e germi. Questo si traduce in un minor tasso di infezioni e un controllo più efficiente dei meccanismi infiammatori nel corpo.

Infine, è sconsigliato l’uso di cotton fioc o tamponi per rimuovere il cerume dall’orecchio esterno a causa del rischio di lesioni traumatiche a questo organo.

Quando andare dal dottore per un mal d’orecchie?

medico pediatra femmina esamina le orecchie della bambina otoscopio otoscopia mal d'orecchi otite

Se il mal d’orecchie diventa un problema frequente e sempre più grave, potrebbe essere necessario consultare un medico per una diagnosi accurata. In questo caso, è opportuno escludere qualsiasi patologia infettiva, come l’otite, che richiede altri tipi di cure.

Provare con i rimedi casalinghi, prima di ricorrere ai farmaci

Come avete potuto vedere, ci sono alcuni semplici rimedi casalinghi che possono aiutare il nostro bambino a migliorare la sensazione dolorosa all’orecchio. Sono abbastanza efficaci e sono minimamente invasivi, quindi vale la pena provarli.

Non sono però una soluzione per tutti i tipi di mal d’orecchie, in quanto in alcuni casi è necessario ricorrere ad altri trattamenti.

Ricordiamo infine che per mantenersi in buona salute è necessario mantenere delle corrette abitudini sin dalle prime fasi della vita. Mangiare bene, fare esercizio fisico regolarmente, dormire almeno 7 ore a notte ed essere esposti alla luce solare sono azioni chiave per il futuro. Queste usanze riducono anche le possibilità di soffrire di malattie o infezioni nel corpo.

Potrebbe interessarti ...
Perché non bisogna usare i cotton fioc per pulire le orecchie del bebè?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Perché non bisogna usare i cotton fioc per pulire le orecchie del bebè?

Per quale motivo non bisogna usare i cotton fioc per pulire le orecchie del bebè? E in quale modo, quindi, possiamo prenderci cura delle orecchie?