Mio figlio fa fatica a stringere amicizia

26 Giugno 2019
Ci sono bambini che fanno fatica a stringere amicizia. Per aiutarli a socializzare dobbiamo risalire all'origine di questa difficoltà e trovare delle soluzioni.

L’amicizia è importante in qualunque fase della vita. Eppure, vivere una sana e attiva vita sociale sin dall’infanzia migliorerà particolarmente l’autostima e la sicurezza. La maggior parte dei bambini non fanno fatica a stringere amicizia con i coetanei. Tuttavia, potrebbe succedere che vostro figlio abbia qualche problema a farsi degli amici. Se questo è il suo caso, questo articolo può interessarvi.

È fondamentale che nostro figlio abbia ben chiaro il concetto di amicizia, e cosa questo significhi. Le sue caratteristiche fondamentali sono:

  • L’amore verso il prossimo.
  • La reciprocità e il mutuo supporto. Sapere che anche l’altra persona percepisce la stessa sintonia con noi, e che è incondizionata.
  • La fiducia e la sincerità. Possiamo raccontare all’altro tutto ciò che ci preoccupa, senza per questo venire giudicati o valutati. Allo stesso tempo, però, l’altro avrà confidenza tale da saperci dare la sua opinione sincera.
  • La ricerca. C’è un interesse e una preoccupazione reciproca. Questo induce gli amici a comunicare tra loro, a trascorrere del tempo assieme o a scoprirsi a vicenda.

Prima di provare a dare una soluzione alla difficoltà dei figli nello stringere amicizia, conviene sapere quale può essere la causa reale. A seguire, elenchiamo delle possibile situazioni che potrebbero verificarsi.

Perché mio figlio fa fatica a stringere amicizia?

Maturazione

La capacità di stringere amicizia fa parte di un processo di maturazione. Essa viene raggiunta intorno ai 4-5 anni, sebbene ogni bambino abbia le sue tempistiche e sebbene essa possa dipendere da altri fattori.

Questione di personalità: uno dei possibili fattori per cui vostro figlio fa fatica stringere amicizia

Un bambino introverso tende a ricercare dei momenti di solitudine, o persino a fuggire dalla compagnia degli altri; si sente sopraffatto dal trambusto e dalla folla. D’altro canto, il bambino timido (o con bassa autostima) si mostrerà insicuro, e speranzoso che siano gli altri a fare il primo passo; gli costerà fatica esprimere le proprie preferenze e si lascerà trascinare.

Problemi comportamentali: un ostacolo per stringere amicizia

Un bambino che non ha regole, capriccioso o aggressivo farà davvero fatica a stringere amicizia. Gli altri non si sentiranno a loro agio in sua compagnia ed eviteranno di condividere con lui i propri giocattoli.

Anomalie fisiche (del linguaggio, dell’udito, motorie…)

Queste difficoltà possono generare problemi di comunicazione tra i nostri figli e gli altri. Questo farà sì che il resto dei bambini (meno sensibili) vedano il bambino in modo diverso e che non vogliano – o non sappiano – interagire con lui. Allo stesso modo, nostro figlio può non sentirsi capito. Su queste basi, risulta complicato stabilire una buona relazione.

Problemi di iperattività o di attenzione

Questi bambini danno la sensazione di essere particolarmente dirompenti o potrebbero manifestare un disinteresse per gli altri. Possono provocare un rifiuto tra i coetanei e persino da parte dei genitori.

Bambini plusdotati

Alcuni bambini con una capacità cognitiva superiore alla media possono sentirsi a disagio con i loro coetanei. Per loro è molto difficile trovare coetanei che condividano i loro interessi e il loro modo di vedere la vita. Questo li farà sentire fuori luogo, incompresi e persino rifiutati.

Bambini vittime di bullismo a scuola

Il fatto di venire maltrattati o ignorati a scuola favorirà il crollo dell’autostima. Costerà loro fatica avere fiducia negli altri ed eviteranno di avvicinarsi a nuovi bambini per paura di essere presi in giro o di venire maltrattati.

Stringere amicizia da bambino

Mio figlio fa fatica a stringere amicizia. Cosa posso fare per evitarlo?

I bambini imparano a socializzare e a capire il valore dell’amicizia attraverso i genitori. Siamo noi l’esempio migliore che possano avere. Dobbiamo ascoltarli, sapere di cosa hanno bisogno, come si sentono e come si comportano con il resto dei bambini.

Alcuni consigli per aiutare nostro figlio a superare i problemi che potrebbero insorgere quando si tratterà di stringere amicizia sono:

  • Innanzitutto, condividete con i vostri amici degli eventi sociali, ovvero fate in modo che vostro figlio apprenda le abilità sociali mediante la vostra esperienza. Fate in modo che a queste riunioni siano presenti bambini della sua età, con cui potrà condividere esperienze e giochi.
Bambina in disparte

  • Parlategli del significato dell’amicizia. Fategli capire che non tutti al mondo sono nostri amici e che potrebbero deluderci. Spiegategli che non tutte le amicizie durano per sempre, ma alcune sì, che dipenderà tutto dalle circostanze personali e dal tipo di relazione che si stabilirà.
  • Chiedetegli di parlarvi dei bambini che conosce e di quale tipo di rapporto abbia con loro. Quindi, mostrategli il vostro interesse per cosa pensa degli altri e soprattutto per come si sente rispetto ai suoi coetanei. Stimolate la comunicazione tra voi e lui e nutrite la sua sicurezza ed empatia.

Inoltre..

  • Cercate per lui delle attività extrascolastiche di suo gradimento o accompagnatelo a riunioni in cui ci siano bambini con i suoi stessi gusti e interessi. In tal modo, ci sono maggior possibilità che si senta integrato e stimolato a partecipare a più eventi sociali con i suoi coetanei.
  • Aiutatelo a risolvere i conflitti che potrebbero insorgere all’interno delle sue amicizie, ma non intervenite in modo attivo, a meno che non sia necessario. Dategli gli strumenti per risolvere i suoi problemi con le sue forze. In tal modo, la sua autostima aumenterà e guadagnerà una maggiore indipendenza.
  • Infine, nel caso in cui vostro figlio sia vittima di bullismo scolastico, informate la scuola e prendete i provvedimenti necessari.
  • Villarreal González E, Sánchez Sosa JC, Musito Ochoa G. (2010). Cómo mejorar habilidades sociales. Universidad Autónoma de Nuevo León, México.
  • Ruiz Lázaro, PJ. (1998). Promoviendo la adaptación saludable de nuestros adolescentes. Ministerio de Sanidad y Consumo, España.
  • Gallego Ortega, JL. (1994). Educación Infantil. Ed: Aljibe.
  • Parets Luque C. (2014). Mi lado de la bufanda. Ed: CreateSpace Independent Publishing Platform.