Non obbligate i bambini a finire quello che c'è nel piatto

Non obbligate i bambini a finire quello che c'è nel piatto

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre, 2016

Come genitori sapete quanto è importante che i vostri figli seguano un’alimentazione corretta. Sappiate però che è altrettanto importante non forzare i bambini a finire di mangiare tutto quello che hanno nel piatto. In questo articolo vi daremo alcune informazioni che vi aiuteranno ad alimentare i vostri bambini in maniera equilibrata e in tutta serenità.

E’ naturale che vi preoccupiate dell’alimentazione dei vostri figli, soprattutto se a prima vista vi appaiono troppo scarni, oppure se vi capita di sentire che alcune persone, guardando vostro figlio, commentino “Che bambino magro! Mangia a sufficienza? Sembra che stia male!”.  Solitamente, in questi casi, l’immediata reazione di un genitore è allarmarsi, credendo che il bambino sia davvero “troppo magro”.

Per prima cosa, allontanate dalla vostra mente questi pensieri, altrimenti sarete costantemente ossessionati dall’alimentazione di vostro figlio, arrivando al punto di obbligarlo a finire di mangiare tutto quello che c’è nel piatto.

Se il problema vi turba, accertatevi che il bambino non presenti qualche disordine alimentare, o che non sia affetto da qualche malattia. Solo in tal caso dovrete prendere in mano la situazione e consultare uno specialista.

Dopo aver ottenuto una diagnosi, positiva o negativa che sia, non sentitevi autorizzati a tormentarlo forzandolo a mangiare.

Come farlo mangiare spontaneamente

bambina-che-mangia-una-fetta-danguria

 

  • Scoprite quali sono i suoi piatti preferiti: cucinargli qualcosa che ama farà aumentare il suo appetito.
  • Ricordate che se il bambino mangia degli stuzzichini prima dei pasti principali, probabilmente non riuscirà a mangiare tutto quello che c’è nel piatto.
  • Cercate di presentargli un piatto gradevole alla vista, che faccia scattare in lui il desiderio di mangiarlo tutto. Senza dubbio, la predisposizione a mangiar poco è un vantaggio; dunque non forzatelo a mangiare di più.
  • Evitate che si distragga durante i pasti; non fatelo sedere a tavola con i giocattoli e non consentitegli di guardare la televisione mentre mangia. Questo tipo di distrazioni affievoliscono l’appetito.
  • A tavola non stabilite regole troppo severe, evitate per esempio di dirgli, una volta seduto: “ora devi mangiare tutto!”. Questo provocherebbe in lui una certa soggezione: è giusto invece che si senta libero di decidere quanto mangiare.

Un altro aspetto da non sottovalutare è il suo stato d’animo. Molti bambini non hanno appetito a causa di stress, delusioni e tristezza. Cercate di risollevargli il morale, magari anche presentandogli il suo piatto preferito!

Quello che stiamo cercando di dirvi è di non forzare i bambini a terminare interamente il loro pasto; è ovvio preoccuparsi per la loro salute e controllare la loro alimentazione ma, prima di tutto, è importante cercare di capire quali siano le ragioni per cui non mangiano con appetito o non finiscono mai i loro pasti. 

Chiedete il suo consiglio!

bambino-che-beve

 

  • Quando è ora di sedersi a tavola accogliete vostro figlio con parole stimolanti come: “Mamma ti ha preparato con amore un pranzetto buonissimo; ti aiuterà a crescere sano e forte”.
  • Chiedere a vostro figlio la quantità di cibo che desidera può essere una strategia efficace al momento di servire il pasto. Provate con: “Hai molta fame?”, “Quanto ne vuoi?”, “Ti piace quello che ho preparato o vuoi qualcos’altro?”. Obbligare i bambini non è mai la soluzione migliore.
  • E’ importante accompagnarlo a tavola; sedersi tutti insieme gli permetterà di osservare che tutta la famiglia termina i pasti, dunque apprenderà osservando.
  • Fargli dei complimenti quando mangia tutto quello che ha nel piatto lo riempirà di soddisfazione e lo motiverà.
  • Può capitare che per qualsiasi motivo non abbia voglia di mangiare. Cercate di comprenderlo e di non farglielo pesare.
  • Non bisogna forzarlo a terminare tutto il pasto: seguire un’alimentazione corretta è questione di tempo e pazienza.  
  • Fategli fare quotidianamente esercizio fisico: lo sport lo aiuterà ad acquisirà nuove competenze, a bruciare calorie e a tornare a casa sempre con molto appetito. In questo modo probabilmente mangerà di più.

Sappiate che le cose miglioreranno con la crescita e che il bambino supererà i capricci con il vostro aiuto.

Se ha continuamente fame è giusto che teniate sotto controllo la sua alimentazione per evitare il rischio obesità, ma se vostro figlio mangia porzioni adeguate, non è grave che lasci qualcosa nel piatto.



  • D’Auria E, Bergamini M, Staiano A, Banderali G, Pendezza E, Penagini F, Zuccotti GV, Peroni DG; Italian Society of Pediatrics. Baby-led weaning: what a systematic review of the literature adds on. Ital J Pediatr. 2018 May 3;44(1):49
  • Dorling J, Broom DR, Burns SF, Clayton DJ, Deighton K, James LJ, King JA, Miyashita M, Thackray AE, Batterham RL, Stensel DJ. Acute and Chronic Effects of Exercise on Appetite, Energy Intake, and Appetite-Related Hormones: The Modulating Effect of Adiposity, Sex, and Habitual Physical Activity. Nutrients. 2018 Aug 22;10(9):1140.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.