Per godersi la maternità è necessario avere delle priorità

21 Aprile 2019
Per fare sì che essere genitori siano un'esperienza bella e appagante, occorre avere delle priorità. Basta fare battaglie inutili, riempiendo la vita di discussioni e litigi. Imparate a godervi il tempo.

La maternità è un percorso in cui potrete godervi molte cose, ma per riuscirci è necessario avere delle priorità. Crescere un bambino richiede amore, forza, costanza e soprattutto pazienza. Questa esperienza, anche se non si tratta di un cammino facile, non deve essere un calvario, ma tutto il contrario.

Avere delle priorità è la cosa migliore. Tutti devono imparare a gestire il tempo e l’energia per poter raggiungere qualsiasi obiettivo che ci si pone. Stabilire una routine e alcune priorità renderà la maternità più piacevole e felice.

Una delle migliori strategie per definire quello che è importante e ciò che non lo è, è imparare a gestire il tempo con vostro figlio. A volte magari potreste sentirvi oppresse per i compiti che dovete svolgere per prendervene cura, ai quali si aggiungono le faccende di casa e il lavoro.

È normale che ciò accada, la questione è che, quando deciderete cosa è veramente importante o urgente, alleggerirete quel carico mentale ed emotivo che sentite quando non riuscite a fare tutto ciò che avevate programmato. Se vi capita, allora è il momento di prendere una matita e un foglio e di definire delle priorità.

Non si possono vincere tutte le battaglie

genitori con figlio

Molte volte, senza che ve ne rendiate conto, la vostra casa diventa uno scenario di guerra dove abbondano le discussioni per il disordine, per i compiti di scuola, per il rumore che fanno i vostri figli mentre giocano con gli amichetti, per le brutte risposte tra voi e i vostri familiari, etc.

E sebbene sia chiaro che tutta la famiglia deve rispettare le regole della casa, a volte le dinamiche vanno contro la felicità di chi ci abita.

Se scoprite che sono presenti delle dinamiche poco costruttive e siete poco soddisfatti, allora è il momento di valutare quello che sta accadendo.

Per rompere questo tipo di circolo vizioso è necessario che vi fermiate a riflettere e che facciate il seguente esercizio:

Prendete un foglio di carta, dividetelo in 4 parti uguali e annotate quello che è importante, quello che è imprescindibile, quello che desiderate e quello che è rimandabile nella vostra routine giornaliera. Scrivete in ognuna di queste sezioni quelle attività che rivendicate, oltre a quelle che fanno nascere delle discussioni giornaliere e che convertono la vostra vita familiare in un caos.

Questo semplice esercizio può farvi capire che spesso si litiga per cose poco importanti e neanche tanto urgenti. Ciò vi farà rendere conto che tutti i bambini apprendono – con i propri tempi – a fare i compiti e a mettere a posto la loro stanza.

E il fatto che non facciano sempre quello che gli chiedete non deve farvi sentire amareggiate perché, anche se vorreste che vi obbediscano, la verità è che a volte le attività che gli chiedete di fare non sono così importanti.

Avere delle priorità vi aiuterà ad organizzare le vostre giornate

mamma con figlio

Fare una lista delle priorità vi farà capire che a volte gli adulti sono molto esigenti e che spesso è favorevole adattare le vostre aspettative alla realtà, che include l’età di vostro figlio, il tempo che dedicate alle cose che non sono così importanti e l’energia che sprecate nel non dare la giusta priorità ai vostri obiettivi o ai vostri compiti.

Molte volte la maternità viene sovraccaricata da delle responsabilità autoimposte e da pressioni esterne basate su degli standard che, secondo la società, le madri devono rispettare.

Questi standard mettono molte madri sotto pressione e sotto stress; questo stato d’animo gli impedisce di godersi il ruolo che svolgono per crescere i propri figli.

Il vostro bambino vi chiede solo amore, compagnia e di fargli da guida. Godetevi appieno il tempo che passate insieme poiché passa molto velocemente. Scegliete bene le battaglie che volete affrontare e cercate di non rimanere delusi dalle cause perse o dal fatto di esigere da vostro figlio delle cose che per la sua età, per la sua maturità o per qualsiasi altra circostanza non possa fare.

Ricordate che la cosa più importante in questo percorso è di stare accanto a vostro figlio. Fatelo con rispetto e non fossilizzatevi sulle questioni non importanti, ma concentratevi su quelle fondamentali e cercate di creare un bel clima in casa. Questo sarà sempre uno dei migliori alleati per godervi il vostro ruolo di genitori.