Quando si ha un bambino, il sonno è influenzato più nelle madri che nei padri

Quando si ha un bambino, il sonno è influenzato più nelle madri che nei padri

Ultimo aggiornamento: 26 dicembre, 2022

Mettere al mondo un figlio è un’esperienza entusiasmante, ma porta con sé stress e difficoltà. E alcuni dei momenti più difficili che i nuovi genitori sperimentano accadono a causa della mancanza di sonno. A maggior ragione le donne, che hanno difficoltà a dormire a causa dei cambiamenti fisici che si verificano durante la gravidanza e il parto. Questo accade perché, quando si ha un bambino, il sonno colpisce le madri più dei padri.

Le coppie sono sempre entusiaste di portare un nuovo bambino nella loro casa, ma essere genitori comporta molte responsabilità. I cambiamenti del tempo, la cura di una piccola creatura e il pianto dei bambini rendono difficile dormire. Tuttavia, le persone ben riposate tendono a stare meglio sia mentalmente che fisicamente dopo aver avuto un figlio.

L’arrivo di un bambino a casa può essere molto impegnativo

La maggior parte dei papà riferisce difficoltà a dormire dopo aver avuto un bambino. E spesso trovano difficile tornare ai loro normali programmi di sonno dopo mesi di veglia con un bambino piccolo. Questo perché i loro corpi si stanno ancora adattando ad avere un nuovo membro in casa e sono preoccupati per come dorme il loro bambino.

Il sonno è necessario per recuperare fisicamente dopo il parto
È essenziale che le madri si alleino con i loro partner in modo che entrambi possano riposare e prendersi cura del loro bambino.

Tuttavia, devono anche prendersi cura delle proprie esigenze di sonno. Quindi non sorprende che le neomamme spesso si sentano svuotate mentalmente e fisicamente dopo essersi prese cura del loro bambino. Potrebbe volerci del tempo per liberarsi della perdita di sonno prima di tornare a un buon riposo notturno.

Inoltre, i bambini rendono difficile ai genitori dormire a sufficienza; poiché tendono a svegliarsi a ore insolite della notte. La maggior parte dei bambini piange o viene svegliata facilmente da rumori forti. Questo rende difficile il riposo dei nuovi genitori. È molto utile imparare a calmare le paure dei bambini e ricordare loro che non saranno mai soli.

Il sonno è influenzato più nelle madri che nei padri

I cambiamenti fisici che si verificano durante la gravidanza sono molto faticosi per tutte le donne. Quindi le madri hanno bisogno di dormire le 8 ore raccomandate negli adulti a causa di alterazioni nel loro corpo. Che includono un aumento del grasso corporeo e della massa muscolare, nonché un aumento del volume del sangue e dei livelli di colesterolo.

I cicli del sonno si accorciano man mano che il corpo lavora di più per mantenere tutto senza intoppi. Dopo la nascita di un bambino, molte madri sentono di poter finalmente dormire di nuovo. Tuttavia, i loro corpi hanno ancora bisogno di tempo per riprendersi dallo stress fisico di mettere al mondo un bambino.

E mentre anche gli uomini hanno problemi a dormire dopo aver portato a casa un nuovo bambino, le donne hanno più difficoltà a dormire profondamente e riposando. Ed è che, sebbene entrambi siano entusiasti della nuova aggiunta del loro piccolo in casa, spesso si sentono responsabili del pianto del bambino nel cuore della notte.

Gli studi confermano che dopo il parto il sonno colpisce maggiormente le madri

La ricerca condotta dalla dottoressa Kelly Sullivan dell’American Academy of Neurology ha esaminato i dati di un sondaggio telefonico nazionale condotto su 5.805 persone. Che aveva lo scopo di indagare le abitudini di vita e la qualità del sonno. I risultati hanno mostrato che tra le quasi 3.000 donne partecipanti che avevano problemi di sonno, c’era qualcosa in comune. Avevano tutti figli piccoli che impedivano loro di dormire sonni tranquilli.

Mamma stanca con il suo bambino
I primi anni di crescita dei bambini sono uno dei più complicati a causa della mancanza di sonno su base giornaliera.

Inoltre, il 48% delle donne con figli ha dichiarato di riposare meno di sette ore. Rispetto al 62% di coloro che non hanno avuto figli. Questa mancanza di sonno, secondo lo studio, fa sì che le madri più giovani si sentano stanche in media 14 giorni al mese. Perché ogni bambino in casa aumenta le probabilità di non dormire a sufficienza di quasi il 50%.

Questi risultati potrebbero essere spiegati, poiché nella stragrande maggioranza dei casi sono le donne ad assumersi maggiori responsabilità nella cura dei bambini durante la notte. Qualcosa che a poco a poco sta cambiando, ma è ancora una realtà. A maggior ragione per il problema della lattazione, che costringe le mamme a sacrificare le ore di sonno per adempiere alle proprie responsabilità alimentari.

L’arrivo di un bambino a casa è pieno di sfide

Si stima che durante il primo anno di vita dei figli i genitori dormano in media 5,1 ore a notte. Uno scenario che è possibile solo quando si lavora in squadra per prendersi cura dei bambini. Ciò significa che i genitori perdono 2,9 ore ogni notte rispetto alle 8 ore consigliate. Il che si aggiunge a un totale di 20,3 ore settimanali che si sommano a ben 44 giorni insonni nei primi 12 mesi.

Quindi, se siete in dolce attesa e presto il vostro bambino sarà tra le vostre braccia, cogliete l’occasione per dormire sonni tranquilli e ricaricarvi di energia per tutto ciò che attende voi e il vostro partner. Ma non preoccupatevi, non significa che non dormirete mai più profondamente. Man mano che i bambini crescono e acquisiscono sane abitudini di sonno, tutti in famiglia possono godersi una notte di sonno ristoratore.

Potrebbe interessarti ...
Diventare genitori: come cambia la vita?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Diventare genitori: come cambia la vita?

Diventare genitori comporta una serie di situazioni nelle quali è necessario maturare emotivamente. Solo così si può garantire il benessere al bamb...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.