Chi condiziona il sesso del bebè? Tutte le informazioni

7 agosto 2018
Ogni futuro genitore è incerto sul sesso del nascituro. Sarà maschio o femmina? In vista della nascita poi, spesso ci si chiede: chi condiziona il sesso del bebè?

Molti genitori desiderano avere un figlio con una certa preferenza di sesso. Per questo molte volte ci si chiede chi condiziona il sesso del bebè, in modo da poter ottenere che il nascituro abbia il sesso desiderato. Fortunatamente esistono molti metodi con diverse probabilità di riuscita. Oggi vi parliamo di tutte le informazioni su chi condiziona il sesso del bebè nella coppia.

Chi condiziona il sesso del bebè nella coppia?

Il sesso del bebè si determina al momento del concepimento grazie al cromosoma depositato dallo spermatozoo. Vale a dire, gli spermatozoi hanno due cromosomi, X (il femminile) e Y (il maschile). Nella donna invece gli ovuli sono dotati di due cromosomi femminili, XX.

L’unione tra l’ovulo X e uno spermatozoo dal cromosoma X origina uno zigote XX, cioè una bambina. Al contrario l’unione dell’ovulo X e uno spermatozoo dal cromosoma Y, da vita ad uno zigote YX, cioè un maschio.

Trattamenti di fertilità e scelta del sesso

I trattamenti di fertilità permettono di conoscere chi condiziona il sesso del bebè. Pertanto sono una buona opzione se desiderate scegliere il sesso del vostro bebè. Esistono due trattamenti: l’inseminazione artificiale (IA) e la fecondazione in vitro (FIV).

Attraverso queste tecniche viene impiantato l’embrione del sesso prescelto. Con la FIV, ad esempio, si può portare a termine una diagnosi genetica pre impiantatale con la quale si può stabile il sesso dell’embrione.

Occorre ricordare che questi tipi di trattamenti hanno quasi il 100% di effettività. Nonostante necessitino di investimento di tempo e soldi, essendo molto costosi. Questo perché richiedono l’uso di farmaci per la fertilità ad alto costo.

In Spagna ad esempio è legale scegliere il sesso del bebè solo per fini terapeutici. Soprattutto per evitare la trasmissione di malattie genetiche relazionate con il sesso. In paesi come il Belgio, Messico e Stati Uniti è legale le selezione del sesso per gusto personale.

Neonato

Metodo di intimità per condizionare il sesso del bebè

Per sapere chi condiziona il sesso del bebè esistono altri metodi tramite i quali decidere il sesso del vostro futuro figlio. Anche se, tuttavia, sono meno affidabili.

Programmare gli incontri sessuali

Questo metodo si basa sulla velocità degli spermatozoi; occorre sapere che i cromosomi Y sono piccoli e leggeri ma muoiono rapidamente. D’altra parte i cromosomi X sono più grandi e lenti, ma vivono più a lungo.

Un altro fattore che si prende in considerazione è la vita dell’ovulo da fecondare che è approssimativamente di 12 ore. Per questo è vitale conoscere il momento in cui la donna sta ovulando.

Pertanto, se desiderate avere una bambina, voi e il vostro partner dovrete avere relazioni intime nei giorni precedenti l’ovulazione. Di modo che gli spermatozoi X possano arrivare all’ovulo mentre gli Y moriranno nell’intento.

Se volete invece un bambino, dovrete avere relazioni sessuali nel momento stesso dell’ovulazione; in modo che gli spermatozoi Y arrivino velocemente a fecondare l’ovulo.

“Il sesso del bebè si determina al momento del concepimento grazie al cromosoma depositato dallo spermatozoo.”

Le ragioni per cui molti genitori scelgono il sesso del bebè

Succede di frequente nelle coppie che hanno già figli e desiderano ottenerne uno di un determinato sesso. La cultura, la posizione sociale, principi patrimoniali e l’intenzione di preservare il cognome paterno sono fattori influenti in questa decisione.

Inoltre, in molti hanno delle credenze relazionate al sesso. In questo senso, pensare che il sesso femminile sia il sesso debole può portare ad orientarsi verso un maschietto. D’altra parte c’è chi pensa che i maschi si affezionino di meno e quindi desiderano solo femmine.

Due bambini giocano

Se non si ottiene il sesso desiderato?

Quando ci si fa un’idea concreta di un figlio e l’ecografia rivela tutto il contrario, è normale sentirsi tristi o delusi per un breve periodo di tempo. Il processo è simile a quello dell’elaborazione del lutto.

A volte, nella donna incinta la delusione può essere così forte da affliggere la scena psicologica. Quindi pone anche il bebè a rischio.

I sintomi di questo male sono essenzialmente una sensazione di tristezza prolungata che incide sui rapporti personali e con gli altri. Si può provare rifiuto per la gravidanza, e senso di colpa per il bambino. Davanti a questa situazione è necessario recarsi dallo psicologo di coppia.

In conclusione, indipendentemente da chi condiziona il sesso del bebè, dovete godere al massimo dell’esperienza di essere genitori. Alla fine un dettaglio come il sesso del nascituro non cambierà l’amore che proverete verso questo piccolo essere.

Guarda anche