I principali disturbi alimentari nei bambini

Vi diremo quali sono i disturbi alimentari più frequenti nei bambini in modo che stiate attenti ai sintomi e possiate pianificare un trattamento precoce.
I principali disturbi alimentari nei bambini
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 21 dicembre, 2022

Anche i minori possono soffrire di disturbi alimentari. Questi problemi condizionano la dieta e l’alimentazione dei più piccoli e possono generare effetti nocivi di un certo impatto. Bisogna tener conto del fatto che se si verificano carenze nell’apporto di nutrienti durante le prime fasi della vita, la crescita può essere messa a rischio. Continuate a leggere per scoprire quali sono i principali disturbi alimentari nei bambini.

Questi sono i principali disturbi alimentari che si verificano nei bambini

I disturbi alimentari hanno un’importante componente psicologica, per questo motivo è fondamentale individuarli per tempo e affrontarli da un punto di vista multidisciplinare. Altrimenti, potrebbero lasciare conseguenze per tutta la vita e influenzare la sensazione di benessere. Scoprite, di seguito, i principali disturbi.

1. Anoressia nei bambini

L’anoressia è caratterizzata da una forte restrizione dietetica, come confermato da uno studio pubblicato sulla rivista Current Problems in Pediatric and Adolescent Health Care . Questo è associato a un pattern depressivo ed è essenziale iniziare un trattamento precoce per prevenirne la progressione. I segnali di allarme sono solitamente la mancanza di appetito e l’evitamento durante i pasti.

In questi casi si genera solitamente un deficit nell’assunzione di calorie e proteine, che rallenta la crescita. Inoltre, si verifica una situazione di peso ridotto che può sfociare in malnutrizione. D’altra parte, è possibile che il bambino che sviluppa questo problema tenda a essere solo e abbia problemi a livello sociale.

Bulimia e anoressia sono i disturbi alimentari più comuni. Sebbene siano più tipici dell’adolescenza, i casi nei bambini sono aumentati negli ultimi anni.

2. Bulimia, uno dei disturbi alimentari più comuni

La bulimia è solitamente caratterizzata dalla presenza di restrizioni dietetiche e successive abbuffate che sfociano in comportamenti purgativi. Lo dimostra una ricerca pubblicata anche sulla rivista Current Problems in Pediatric and Adolescent Health Care . Dopo aver consumato cibo senza controllo, tende a vomitare o ad applicare clisteri per stimolare i movimenti intestinali.

In questi casi, di solito si rileva un’alterazione a livello orale, soprattutto nello smalto dei denti. Non c’è sempre un peso ridotto, ma l’acidità di stomaco di solito lascia segni che consentono di identificare i comportamenti di eliminazione. I bambini con questi disturbi tendono ad essere socialmente più aperti, a differenza di quelli che sviluppano l’anoressia.

Come comportarsi di fronte a un disturbo alimentare?

Se viene rilevata la presenza di un disturbo alimentare, è necessario consultare uno specialista il prima possibile. È meglio optare per un trattamento multidisciplinare che includa un nutrizionista, uno psicologo e uno psichiatra. A volte, l’uso di farmaci è necessario per trattare anche episodi di ansia e depressione, frequenti in questi casi.

Siate pazienti e comprensivi con il bambino

Va tenuto presente che è essenziale sviluppare la pazienza e la comprensione con i bambini che soffrono di questi problemi. Normalmente la soluzione non è immediata e richiede un iter che può richiedere mesi. Tuttavia, un buon trattamento sarà in grado di prevenire danni collaterali durante l’età adulta.

Consultate un professionista

Allo stesso modo, bisogna tener conto che molti dei disturbi alimentari sono generati da eventi traumatici. L’abuso, la perdita di un membro della famiglia o una situazione di solitudine possono essere i principali fattori scatenanti. La verità è che l’incidenza nei bambini è aumentata negli ultimi anni, sebbene siano patologie più tipiche dell’adolescenza. In tutti i casi, la consultazione con un professionista è fondamentale.

L’abuso, la perdita di un membro della famiglia o una situazione di solitudine possono essere fattori scatenanti di un disturbo alimentare. La diagnosi precoce è la chiave per iniziare un trattamento appropriato.

Evitare di guardare determinati programmi TV

D’altra parte, non dobbiamo dimenticare l’influenza negativa che i media hanno sulla salute mentale dei più giovani. I canoni di bellezza e i comportamenti osservati nei programmi televisivi possono innescare questo tipo di disturbo, soprattutto quando si generano referenti malsani.

I principali disturbi alimentari nei bambini, un problema di salute in crescita

Come avete visto, i disturbi alimentari sono problemi complessi, sia nella diagnosi che nel trattamento. È essenziale individuarli in tempo per porvi rimedio durante le prime fasi. Altrimenti, potrebbero esserci sequele per tutta la vita che influiscono negativamente sulla dieta.

Nel caso dei bambini, dovete essere molto consapevole dei comportamenti considerati anormali. Se passano troppo tempo chiusi in bagno, se hanno poco appetito, se si confrontano con i fratelli o se sono restii ad avere rapporti con altri coetanei, si può sospettare questo tipo di problema.

Finché c’è il sospetto, è meglio consultare un professionista e affrontare il problema con una certa prudenza e pazienza. In caso contrario, potrebbe generare una risposta negativa da parte dei più piccoli e complicare il successivo trattamento.

Potrebbe interessarti ...
Anoressia e bulimia post-partum
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Anoressia e bulimia post-partum

L'anoressia e la bulimia post-partum possono mettere a rischio la salute e il benessere della madre e del bambino. Capiamo il perché.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.