Che cosa fare se mio figlio ingoia un oggetto?

· 16 giugno 2018

Un bambino che ingoia un piccolo oggetto è un incidente relativamente banale. Se dovesse verificarsi, non dovete cadere nel panico: limitatevi ad agire con prontezza in quei casi di eccezionale importanza che richiedono un intervento medico.

Se mio figlio ingoia un oggetto, la prima cosa che devo fare è mantenere la calma e verificare bene ciò che è accaduto, per sapere con esattezza che cosa ha ingoiato. Nella maggior parte dei casi non c’è alcun bisogno di allarmarsi, dal momento che, in assenza di sintomi negativi, non ci sarà bisogno di ricorrere all’intervento urgente di un medico. Generalmente, il corpo estraneo verrà espulso attraverso i canali naturali dopo 24-48 ore o, al più tardi, entro 5 giorni.

In alcuni casi, dovrete correre all’ospedale affinché venga realizzata una radiografia che permetta di localizzare l’oggetto all’interno del corpo del piccolo e controllare, così, la gravità della situazione. Tutto dipende dalle dimensioni e dalla forma dell’oggetto in rapporto con l’età del bambino.

Dovete tenere conto del fatto che solo i corpi estranei situati nell’esofago, così come quelli il cui volume risulta incompatibile con il transito lungo il tratto digestivo, verranno estratti tramite endoscopia.

Se non ci sono sintomi negativi, generalmente, ingoiare un oggetto non comporta alcuna emergenza medica. Tuttavia, in caso di dubbi, è meglio consultare un professionista. D’altra parte, nel caso di ingestione di oggetti tossici, è fondamentale rivolgersi con un urgenza a un medico, in modo da evitare qualunque complicazione.

Che cosa devo fare se mio figlio ingoia un oggetto?

Nei casi in cui il bambino non riesca a parlare o faccia fatica a respirare, è necessario che mettiate in pratica i seguenti suggerimenti:

  • Collocatevi alle sue spalle e mettetegli le braccia sul petto.
  • Inclinate il bambino in avanti all’altezza della cintura, fino a quando le vie respiratorie superiori non assumono una posizione parallela al suolo.
  • Con l’altra mano, dategli cinque colpi decisi sulle scapole.
  • Se l’oggetto non viene espulso, formate un pugno con una mano e collocatelo proprio sopra il suo ombelico. Mettete l’altra vostra mano sopra al pugno e date 5 colpi veloci sull’addome, verso l’interno e verso l’alto.
  • Proseguite il ciclo sopra descritto fino a quando l’oggetto non viene espulso, oppure fino a quando il bambino non inizia a respirare o a tossire.
  • Se perde conoscenza, cercate assistenza medica di emergenza.
  • Eseguite la rianimazione cardiopolmonare, nel caso in cui sappiate come farla.
  • Se il piccolo riesce a parlare, tranquillizzatelo e domandategli che cosa ha ingoiato.
Se vostro figlio ingoia un oggetto, è fondamentale non perdere la calma

Che cosa non devo fare se mio figlio ingoia un oggetto?

  • Non cadete nel panico: dovete mantenere la calma, nonostante l’ansia e l’angoscia, in modo da non innervosire vostro figlio, e comportarvi in maniera efficace.
  • In nessuna maniera cercate di estrarre il corpo estraneo impiegando manovre pericolose: queste azioni sono destinate al fallimento.
  • Non cercate di farlo vomitare: in tal caso, esporreste il bambino all’inalazione di contenuto gastrico.
  • Non dategli colpi sulla schiena e non somministrategli liquidi: queste azioni possono spostare l’elemento ingerito e trasformare un’ostruzione parziale in un’ostruzione completa.

Generalmente, il corpo estraneo verrà espulso attraverso i canali naturali dopo 24-48 ore o, al più tardi, entro 5 giorni.

In quali casi devo correre all’ospedale se mio figlio ingoia un oggetto?

Se vostro figlio ingoia un oggetto, dovete fare costantemente attenzione, perché, in presenza dei seguenti sintomi, dovete ricorrere all’assistenza di un medico:

  • Dolore alla gola e al collo.
  • Tossisce e respira con difficoltà, perché l’oggetto può essere alloggiato nelle vie respiratorie.
  • Vomita e ha dolori di stomaco.
  • Non riesce a ingoiare la saliva.
  • L’oggetto ingerito è una batteria o una calamita, oppure è appuntito.
  • Ha la pelle pallida o bluastra.
  • Presenta sintomi di asfissia.

Come posso evitare che mio figlio ingoi un oggetto?

  • Non permettetegli di giocare con oggetti troppo piccoli.
  • Sorvegliate il bambino durante i pasti e tagliate gli alimenti in piccoli pezzi.
  • Introducete alimenti solidi nella sua dieta.
  • Insegnategli a mangiare con calma, a non parlare con la bocca piena e a masticare bene.
Ingoiare un oggetto rappresenta un incidente relativamente banale, nei bambini

  • Evitate che i bambini camminino, corrano o giochino tenendo in bocca cibo o giocattoli.
  • I bambini di età inferiore ai 4 anni non devono mangiare alimenti che non possano digerire facilmente, come caramelle, pop corn o frutti secchi interi.
  • Non dovete dare loro da mangiare quando stanno mangiando.
  • Fate in modo che giochi con giocattoli adatti alla sua età e che non contengano elementi di piccole dimensioni.

Per concludere, dovete tenere conto del fatto che la maggior parte degli oggetti ingoiati verranno eliminati con le feci uno o due giorni dopo che vostro figlio ha ingoiato l’oggetto. Quindi, sarà sufficiente controllare gli escrementi per alcuni giorni per verificare che l’oggetto sia stato espulso. In alcuni casi però, l’espulsione può richiedere fino a 3 settimane di tempo.