Denti da latte: quando iniziano a cadere e in che ordine

· 17 novembre 2018
Il processo di caduta e crescita dei denti è una fase molto importante che può variare a seconda dello sviluppo del singolo bambino. Anche se i denti da latte non sono definitivi, aiutano il piccolo a masticare e parlare in modo corretto.

I denti da latte di solito iniziano a cadere a partire dai cinque anni, quando vengono gradualmente sostituiti da quelli permanenti. Dalla comparsa del primo dente da latte fino a quella dell’ultimo trascorrono all’incirca tre anni. Probabilmente i denti spuntati per primi saranno anche i primi a cadere.

In ogni caso, per evitare dubbi, è meglio sapere in che ordine cadono i denti da latte e quando vengono sostituiti da quelli permanenti.

Quando iniziano a spuntare i denti da latte?

La dentizione inizia quando il bambino compie cinque mesi. Tuttavia, è solo al sesto o ottavo mese che iniziano a vedersi i primi dentini.

Alcuni neonati sfoggiano i loro denti prima di altri, in quanto ciò dipende dal ritmo di crescita. La prima dentatura non serve solo a parlare e mangiare, ma ha anche un altro scopo ugualmente importante: mantiene lo spazio che in seguito verrà occupato dai denti permanenti.

Ordine in cui spuntano i denti da latte

Per primi spuntano gli incisivi inferiori, di solito intorno ai sei mesi di vita. Subito seguiti dagli incisivi superiori, intorno agli otto mesi.

Generalmente a questi seguono gli incisivi laterali e poi i molari. Gli ultimi a spuntare sono i secondi molari, a volte non prima dei tre anni.

Come cadono?

L’indebolimento dei denti da latte inizia quando il dente permanente inizia a esercitare una certa pressione su quello temporaneo. In seguito a ciò, il dente si indebolisce a causa dell’usura nella radice, fino a cadere o a essere estratto per evitare che il bambino lo ingoi.

Dopodiché, resta disponibile uno spazio che verrà occupato dal nuovo dente.

Bambino con dente da latte in mano

In quale ordine cadono?

Dopo i cinque anni, il bambino inizia a notare che qualche dente si muove. Questo indica che ha avuto inizio il fenomeno fisiologico che conduce alla formazione della dentatura definitiva.

Bisogna chiarire che, nonostante le stime, non si sa con certezza in che ordine cadono i denti da latte. Come già detto, su questa fase di transizione influiscono diversi fattori.

Denti inferiori

  • Incisivi centrali: spesso sono i primi a cadere, tra i cinque anni e mezzo e i sei anni.
  • Incisivi laterali: cadono dopo quelli centrali, verso i sei anni e mezzo.
  • Canini e primo molare: cadono a nove anni e mezzo.
  • Secondi molari: cadono un anno dopo, verso i dieci anni e mezzo.

Denti superiori

  • Incisivi centrali e laterali: di solito cadono insieme a quelli inferiori, ovvero verso i sei anni e mezzo.
  • Molari e canini: i primi cadono a nove anni e mezzo; i canini verso i dieci anni e mezzo.
  • Secondi molari: sono gli ultimi a cadere, a dieci anni e mezzo.

La dentatura dei bambini inizia a formarsi a partire dai cinque mesi. Tuttavia, è solo al sesto o ottavo mese che iniziano a vedersi i primi denti.

7 dati interessanti sui denti da latte

Se pensavate di sapere tutto sui denti da latte, resterete sorpresi dalle seguenti curiosità:

  • Alcuni bambini nascono già con alcuni denti.
  • La radice dei denti da latte esiste.
  • Alcuni bambini soffrono di una condizione durante la comparsa dei denti permanenti nota come “denti da squalo“. Ciò si verifica quando il dente permanente spunto dietro a quello da latte prima ancora che questo sia caduto.
Bambina con bocca aperta

  • I denti permanenti non sono bianchi come quelli da latte e sono meno affilati.
  • I nuovi denti sono più grandi di quelli da latte.
  • I denti permanenti iniziano a spuntare a sei anni.
  • I denti da latte sono venti, mentre quelli permanenti trentadue, se si contano anche i denti del giudizio.

Per mantenere i denti sani, bisogna lavarli in modo corretto e questo vale sia per quelli da latte sia per quelli permanenti. Spiegare al bambino in che ordine cadono i denti da latte può calmare la sua ansia. Ricordate infine che i denti permanenti non vengono sostituiti naturalmente.