5 consigli per non esagerare con i regali per i bambini

22 Settembre 2019
Coprire di doni i propri figli non è necessariamente una buona idea o una sana manifestazione di affetto. Ecco alcuni consigli per non esagerare con i regali per i bambini.

Quale madre non desidera riempire di regali la vita del proprio figlio? Qualunque genitore vuole che la vita di suo figlio sia dolce, piacevole e simile a un’eterna festa piena di allegria. Tuttavia, per esprimere l’amore che sentite per vostro figlio o festeggiare il suo compleanno, non è necessario esagerare con i regali, donandogli una montagna di giocattoli.

È vero che molte persone esprimono il proprio amore e la propria gioia per i risultati ottenuti dal proprio figlio attraverso un regalo o una grande festa. Per questa ragione, a volte, numerose feste, come il compleanno o il giorno di Natale, si prestano a diventare occasioni nelle quali i piccoli ricevono una grande quantità di regali.

Ed è altrettanto vero che spesso i genitori e i familiari del bambino cedono alla tentazione di comprare tante cose, al punto che a volte finiscono con l'”esagerare con i regali”. Non c’è nulla di male nel dare un regalo; ricordate, però, che attraverso ogni vostra azione state trasmettendo valori ed educando vostro figlio.

Come genitori, potrebbe esservi capitato di domandarvi se così tanti giocattoli siano poi davvero necessari. Ciononostante, al di là di questo aspetto, fino a quale punto è educativo che i nostri figli ricevano tanti regali? Se vi trovate di fronte a questo dubbio, è probabile che vi possa essere utile leggere la seguente serie di consigli da prendere in considerazione quando dovete decidere se fare un regalo a vostro figlio.

5 consigli per non esagerare con i regali alle feste più importanti

Ciò che conta davvero sono le persone che si trovano accanto al bambino

Ciò che conta non è esagerare con i regali per i bambini, ma trascorrere del tempo in loro compagnia

I regali donano molta gioia e fanno parte del rito celebrativo di un compleanno o del giorno di Natale. In fin dei conti, però, ciò che il bambino ricorderà saranno le persone con le quali ha festeggiato questo momento.

Indubbiamente, quando sarà adulto ricorderà di aver condiviso quella giornata con i suoi nonni, cugini o amici. Quei piacevoli momenti trascorsi in compagnia, le risate, i giochi e, chissà, il sapore della torta saranno gli elementi che più rimarranno impressi nella sua memoria.

Associarsi per comprare i regali può essere una buona idea

I vari invitati a una festa possono organizzarsi per comprare insieme il regalo. In questo modo il bambino non riceverà una valanga di cose e non correrà il rischio di avere doppioni. Inoltre, sarà possibile comprare qualcosa di più duraturo, di cui il bambino potrà godere per molto tempo.

Per non esagerare con i regali, pensate a quale giocattolo regalare

Il gioco rappresenta una parte fondamentale dell’apprendimento e dello sviluppo del bambino. Per questo motivo, i genitori ragionano a lungo sul genere di giocattoli che desiderano per i loro figli.

Quindi, per evitare che il piccolo riceva regali indesiderati o giochi che non verranno nemmeno utilizzati, potete orientare e consigliare i nonni e gli amici, oppure stendere un piccolo elenco di giocattoli funzionali e in accordo con l’età del bambino. Indubbiamente, il consiglio risulterà molto gradito.

Meglio pochi che tanti

Anche se può sembrare difficile da credere, i bambini non sono in grado di assimilare tutti i regali che ricevono. Ed è normale che, tra tutti i giocattoli nuovi, finiscano per preferirne solamente tre o quattro.

In alcuni casi, il loro interesse verrà catturato da un solo giocattolo. Di conseguenza, è meglio che ricevano pochi regali e di buona qualità, piuttosto di tanti che si rovineranno presto o che finiranno accatastati nell’armadio.

Invece di esagerare con i regali, ascoltate la sua opinione

Quando arriva il momento di preparare un elenco, non dimenticate che l’opinione del bambino conta: il parere dei figli deve essere sempre ascoltato. In fin dei conti, saranno loro i beneficiari di questi regali.

Potete anche presentare la possibilità di regalare i giocattoli dell’anno precedente o alcuni di quelli ricevuti adesso a un’organizzazione di beneficenza, in modo che possa mettere in pratica fin da piccolo il distacco dai beni materiali.

Non c’è bisogno di comprare, comprare e comprare regali

Se andate a una festa nella quale il festeggiato è più piccolo di vostro figlio, potete scegliere insieme a lui un giocattolo che ormai non usa più e che si trovi ancora in buono stato. In questo modo gli donerete una seconda vita, evitando che il giocattolo finisca relegato all’oblio sul fondo di un armadio. E, allo stesso tempo, offrirete a vostro figlio una buona lezione di educazione ambientale.

“Tutte le cose buone della vita scompigliano i capelli: fare l’amore, ballare, saltare, volare, ridere di gusto, baciare… e avere un figlio”.

– Ana María Simón –

La parola migliore che sia stata impiegata per descrivere la mente dei bambini è “spugna”, perché assorbono molto velocemente le informazioni, i modelli e tutto ciò che viene loro insegnato. Adottano e imitano tutto ciò che vedono con estrema facilità. Se permettiamo loro di ricevere regali in maniera eccessiva ogni volta che è il loro compleanno oppure a ogni festeggiamento, senza volerlo li introdurremo ad abitudini consumistiche che, inoltre, renderanno loro difficile apprezzare il valore delle cose e dei regali stessi.

Quando si tratta di ricevere e dare regali, la condivisione è sempre la cosa migliore e la più sana. Quindi, è il momento che noi adulti riconosciamo una cosa: a tutti noi piace usare, che sia anche solo per un breve momento, i nuovi regali del bambino. Ci sono adulti che arrivano a utilizzarli più del bambino stesso.

E se questo accade agli adulti, potete immaginare quanto più gli amici del bambino possano sentire il desiderio di usare i suoi nuovi giocattoli. Per questa ragione, il giocattolo perfetto è quello che piace a tutti, che può essere condiviso e che consente di trascorrere momenti piacevoli da passare in compagnia.