Come evitare che il secondo figlio si senta meno importante

Il secondo figlio deve essere importante quanto il primo. Ecco alcuni suggerimenti relativi a questo argomento.
Come evitare che il secondo figlio si senta meno importante

Ultimo aggiornamento: 20 luglio, 2022

Quando un nuovo bambino arriva a casa, sappiamo che la maggior parte del nostro tempo sarà concentrato su di lui. In questo articolo spieghiamo come evitare che il secondo figlio si senta meno importante.
Il primogenito è un bambino molto speciale perché mamma e papà lo accolgono con grande entusiasmo e lo inondano di attenzioni e continue dimostrazioni di amore incondizionato.

Con il primo figlio ci diplomiamo come genitori, poiché assumiamo un ruolo che non avevamo mai vissuto. Il che significa che quando arriva un nuovo bambino, i test verrebbero ripetuti ma tutto sarà diverso dato che abbiamo un po’ più di esperienza e maturità, ma dobbiamo anche prestare particolare attenzione al nostro primogenito che ne avrà più che mai bisogno.

È normale che vostro figlio più grande si senta un po’ geloso e questo dovrebbe essere del tutto accettabile, poiché le attenzioni ora saranno condivise e il nuovo membro della famiglia avrà bisogno di un po’ più di attenzione e dedizione.

È per questo motivo che dobbiamo coinvolgere il nostro primo figlio dal momento in cui sappiamo di essere incinta e spiegargli che dopo la nascita del suo fratellino avrà bisogno di molte cure e attenzioni e che potrebbe collaborare a questo bellissimo compito. In questo modo inizieranno a crearsi i legami d’amore.

Come convincere il secondo figlio ad accettare il suo fratellino?

secondo figlio 2

Molti pensieri possono creare confusione: “il mio figlio maggiore è la mia vita, ma anche il secondo”, “il mio primo figlio è abituato alle attenzioni dei genitori tutte per lui, ma anche il mio secondo figlio ne ha bisogno e sicuramente non va bene che il papà stiano con uno e la mamma con l’altro”.

La mancanza di equità e la scarsa integrazione familiare potrebbero innescare importanti problemi psicologici in nostro figlio. Questo può fargli avere un atteggiamento indifferente e se non lo risolviamo in tempo, correggerlo potrebbe essere molto difficile.

Alcuni consigli

Quindi tenete a mente ciascuno dei seguenti consigli per assicurarvi che il vostro secondo figlio non si senta meno importante:

  • Equilibrio. Non dobbiamo commettere l’errore di prestare più attenzione al figlio maggiore perché crediamo che sarà lui il più colpito dall’arrivo del fratellino, sicuramente il fratello maggiore può provare un certo grado di gelosia ma non per questo dovrebbe monopolizzare tutta la sua attenzione.
  • Equità. Entrambi hanno bisogno di imparare e capire che sono fratelli e quindi saranno amati allo stesso modo. Bisogna garantire che ognuno abbia il suo spazio e il suo tempo. Non importa quanto siano impegnati, non trascuriamo le attività con il bambino più grande.
  • Opportunità. Non appena avremo la notizia che saremo di nuovo genitori, è obbligatorio parlare con il nostro figlio maggiore dell’arrivo di suo fratello, dell’amore che dovrebbe esserci tra loro e dell’amore dei genitori verso tutti i loro figli. L’idea è di farli sentire importanti indipendentemente da chi è nato prima o dopo.
  • Anticipare gli scenari. I bambini sono molto bravi a fare analogie e imparano attraverso di esse. Quindi potreste cercare film e libri che trattano il tema dell’arrivo di un bambino in casa. O anche andare a trovare un parente con bambini piccoli in modo che conoscano l’esperienza.
  • Dialogo. Tutto porta al dialogo, anche quando sono molto piccoli hanno la capacità di capire e comprendere tutto secondo le loro tappe, spiegare cosa succede. Diciamogli che può parlarci di ciò che sta provando, forse le sue paure verranno fuori e potremo aiutarlo a ritrovare la fiducia.
  • No ai paragoni. Un errore comune nei genitori è fare paragoni: non è salutare per nessuno dei bambini sentirsi paragonato, o sentire frasi come: “tuo fratello maggiore fa meglio”, anche quando conosciamo i punti di forza e di debolezza di ciascuno.
  • Prendersi cura delle parole. Dobbiamo stare attenti alle parole che diciamo, poiché i nostri figli potrebbero trarre conclusioni sbagliate. Parliamo responsabilmente, evitando di farli sentire colpevoli e inferiori.

 

incinta-madre-con-ragazza

Cose da tenere a mente

Forse con il nuovo bambino è tutto più complicato, due bambini di età diversa, pasti a casa, più responsabilità, tutto si duplica. Ma non dovremmo far stare male il nostro secondo figlio, in questo modo gli invieremo indirettamente un messaggio inappropriato.

In generale, tutto ciò che lascia il bambino più grande (giocattoli o vestiti) va al più piccolo. Ma bisogna fare attenzione con questo: è ragionevole per una questione economica ma il vero problema è impedirgli di creare nella sua mente l’idea di non avere diritto a cose nuove che gli piacciono, evitare di farlo sentire così.

Come genitori non abbiamo un manuale per essere perfetti, ma abbiamo abbastanza consapevolezza per non creare due prototipi di bambini nelle nostre case. Ognuno di loro sarà unico e irripetibile, ogni nascita è anche unica. Equilibrare, amare e non fare paragoni è la chiave.

Potrebbe interessarti ...
Film sui fratelli che i vostri figli dovrebbero vedere
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Film sui fratelli che i vostri figli dovrebbero vedere

Se vuoi che inizino a creare un legame d'amore per la vita, non perdere questi 4 film sui fratelli che i tuoi figli devono vedere.



  • Arranz Freijo, E. B. (2000). Interacción entre hermanos y desarrollo psicológico: una propuesta educativa. Innovación educativa. https://redined.educacion.gob.es/xmlui/handle/11162/70217
  • Fernández, A., Gamarra, A., Izal, C., Betelu, M., & Pamplona, E. (2001). La familia ante los celos infantiles: pautas y orientaciones. Recuperado de http://www. clinicajuandeborbon. com/CELOS% 20INFANTILES. pdf.
  • Monzo Climent, E. (2017). Análisis de los factores predisponentes en los celos infantiles (Doctoral dissertation). https://riucv.ucv.es/handle/20.500.12466/1547
  • Vega-Rodríguez, A. M. (2015). Los cuentos de los Hermanos Grimm y el valor educativo en la literatura infantil.