Non è il sangue, ma il cuore che ci rende famiglia

Il valore della famiglia sta nei sentimenti, nell'affetto e nei sacrifici. Al di là di un legame di sangue, questi sono i principali mezzi di sussistenza di una relazione familiare. Esploreremo questa idea in questo articolo.
Non è il sangue, ma il cuore che ci rende famiglia

Ultimo aggiornamento: 09 gennaio, 2022

Molti dei nostri figli non sono cresciuti nel nostro grembo, sono figli del nostro cuore. Perché ciò che fa la famiglia non sempre sono il sangue o i geni: è la forza di un legame che ogni giorno viene curato e rispettato come un tesoro di immenso valore.

Sappiamo che nel nostro spazio Siamo Mamme si parla spesso di amore per quei bambini che una mamma mette al mondo, quelle creature che crescono dentro di noi per 9 mesi e sono il risultato della nostra unione con un’altra persona. Tuttavia, negli ultimi anni le adozioni hanno continuato a crescere molto positivamente. È una realtà meravigliosa a cui dobbiamo dare voce, perché in essa si mescolano tante realtà, tante sensazioni e non poche sfide.

Un bambino adottato è amato quanto il proprio. In molti casi, sono bambini tanto attesi e molto desiderati che arrivano tra le nostre braccia dopo lunghe procedure. Quello che una coppia o una persona deve affrontare per formalizzare e realizzare l’adozione è qualcosa di cui non sempre si parla.

Ci sono spesso delusioni, molto dure e profonde. Ci sono molti casi in cui si crea l’illusione per un bambino specifico di un determinato paese per cui dopo poco tempo le procedure vengono sospese. Ci sono aree in cui i confini delle adozioni si chiudono improvvisamente, portando delusione e tristezza ai futuri papà e alle future mamme che già si erano creati delle illusioni.

È una situazione molto complicata; tuttavia, nella maggior parte dei casi, tutto finisce per andare bene. Con un nuovo membro in casa, con quella persona speciale che viene da lontano per starci vicino, molto vicino ai nostri cuori. Oggi vi suggeriamo di riflettere su questo bellissimo argomento.

Nonostante la distanza, il colore della pelle e le origini, siamo una famiglia

Sappiamo che la parola “famiglia” è qualcosa di sacro. In molti paesi e in molte culture la famiglia è un’istituzione. Tuttavia, vale la pena ricordare che quando il legame instaurato è dannoso e porta più sofferenza che felicità, non potremo considerare quella determinata persona “famiglia”.

Inoltre, una cosa che tutti sappiamo è che ci sono amici che consideriamo anche parte del nostro “clan”, di quella tribù familiare dove entrano solo quelli che fanno parte del nostro cuore per la loro autenticità, il loro affetto e la loro grandezza.

Quindi, non è obbligatorio portare un bambino in grembo per amarlo come nostro. L’amore non conosce geni o gruppi sanguigni. L’affetto più pieno si crea e si dimostra ogni giorno, e ancor più in questi bambini tanto desiderati e attesi.

felice bambino coreano con la famiglia

Il passo più importante della nostra vita

L’adozione è senza dubbio uno dei passi più importanti che possiamo intraprendere. Secondo uno studio condotto presso l’Università di Cadice e pubblicato sulla rivista “Psicothema“, il 92% delle famiglie la percepisce così: una decisione saggia, meravigliosa e preziosa nella propria vita.

  • Il 78% delle persone intervistate ha dichiarato di non essere mai stato così felice da quando quel bambino o quella bambina sono entrati nella loro vita.
  • Il 92% afferma che li ha fatti crescere come persone e che le ripercussioni che l’adozione ha portato nella loro vita quotidiana sono molto positive.
  • I casi in cui le famiglie vedono l’adozione come qualcosa di complicato sono quelli in cui i bambini che portano a casa sono più grandi. L’adattamento, a volte, è complicato e, senza dubbio, richiede di lavorare su molti più aspetti per i quali non sempre si è preparati.
  • A sua volta, un altro dato da tenere in considerazione è che una buona percentuale di bambini adottati ha qualche tipo di problema di salute o psicologico. Sono bambini a più alto rischio di esclusione e debolezza sociale nei loro paesi di origine, motivo per cui in molti casi viene privilegiato questo tipo di adozione.
madre e figlia in famiglia

Tuttavia, solo perché è impegnativo non significa che i genitori non provino lo stesso amore per loro. È una sfida quotidiana più complessa, ma altrettanto appagante, importante e preziosa.

Sono tante, infatti, le famiglie che vogliono accogliere bambini con ritardi di maturazione o con determinate malattie per offrire loro l’opportunità che meritano e l’amore di cui hanno bisogno.

Non abbiamo bisogno che crescano dentro di noi per amarli

La decisione di adottare un bambino non è dovuta solo all’infertilità. In molti casi ci sono coppie o addirittura persone senza coniuge che vogliono fare il passo perché ne hanno voglia.

Perché qualcun altro si inserisce nel suo cuore, indipendentemente dal fatto che non sia del suo sangue o che non sia cresciuto nel suo grembo. Gli esseri umani hanno una meravigliosa capacità di offrire amore. Quel legame, quella forza basata sull’attaccamento, sul bisogno di cura e protezione, è ciò che darà a questi bambini l’opportunità che meritano.

Sono tante le creature che arrivano tra le braccia delle loro madri adottive con poco peso o con poco pianto. Ricordiamo che il pianto è un istinto naturale del bambino che sa che sarà accudito, che riceverà abbracci, carezze… Perché non solo il cibo soddisfa un bambino.

mamma con suo figlio consapevole di non averlo trattato bene

Tuttavia, il fatto di trascorrere i primi mesi di vita in un orfanotrofio significa che, a volte, e nei casi più estremi, ci sono bambini che non piangono più perché si sono resi conto che un attaccamento così intimo e stretto non si raggiungerà.

Avere una madre, un padre e anche dei fratelli farà riacquistare a questi bambini quell’istinto, e torneranno ad essere ciò che si meritano: creature degne di affetto e felicità.

This might interest you...
Il sentimento di appartenenza alla famiglia
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il sentimento di appartenenza alla famiglia

Il sentimento di appartenenza alla famiglia è uno dei bisogni dei bambini. Appartenere significa avere la certezza di non essere soli.



  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.