Pensiero laterale: cos'è e come esercitarlo nei bambini

Il pensiero laterale aiuta i bambini a trovare soluzioni innovative, a essere creativi e più tolleranti. Scoprite di cosa si tratta.
Pensiero laterale: cos'è e come esercitarlo nei bambini
Elena Sanz Martín

Scritto e verificato da lo psicologo Elena Sanz Martín.

Ultimo aggiornamento: 06 marzo, 2023

Ciò che chiamiamo pensiero include una serie di diverse funzioni cognitive. Dalla pianificazione e analisi alla generazione di idee e al prendere decisioni, ci sono molti compiti che la mente mette in moto giorno per giorno. Man mano che i bambini crescono e il loro cervello matura, avanzano e perfezionano questi processi. Tuttavia, ce n’è uno che non sempre viene curato correttamente: il pensiero laterale.

Prima di dirvi in cosa consiste, devi sapere che è uno strumento fondamentale, non solo nell’infanzia ma per tutta la vita. Ciò consente di apprendere in modo più divertente e significativo, trovando la soluzione a diversi problemi e persino migliorando le relazioni sociali. Ogni genitore desidera che il proprio figlio goda di questi benefici, ma per questo è importante insegnargli ad usare il pensiero laterale.

Cos’è il pensiero laterale?

Questo concetto è stato proposto dallo psicologo Edward de Bono nel 1969 ed è inteso in contrasto con il pensiero verticale. Questo, che è quello che tutti conosciamo e usiamo di più, è logico e lineare. Parte da una serie di conoscenze precedenti, segue una sequenza e arriva a una soluzione unica. È così che ci viene insegnato a pensare nella scuola tradizionale e come abbiamo imparato a farlo dai nostri stessi genitori.

Al contrario, il pensiero laterale è creativo, caotico e spontaneo. Apre a diverse prospettive e molteplici soluzioni, per questo è sinonimo di innovazione. Questo è ciò che chiamiamo pensare fuori dagli schemi ed è un modo di pensare molto tipico dei bambini. Hanno il coraggio di esplorare, sperimentare e scoprire tutte le alternative. Tuttavia, man mano che invecchiano, è comune per noi guidarli lungo il sentiero del pensiero verticale.

Naturalmente, questi processi sono necessari e il pensiero logico è indiscutibilmente utile nella vita di tutti i giorni. In effetti, la mente umana è progettata per fare affidamento su ciò che già sa per prendere decisioni e saltare a conclusioni affrettate. È ciò che conosciamo come euristica del pensiero o scorciatoie mentali, che ci sono di grande beneficio. Tuttavia, è importante bilanciare questa convergenza con un pensiero più divergente.

Nelle scuole i bambini ricevono istruzioni e informazioni che devono poi ricordare e riprodurre. Invece, il pensiero laterale fa appello alla spontaneità e alla creatività.

Come stimolare il pensiero laterale nei bambini?

Come abbiamo detto, i bambini tendono ad essere creativi e spontanei, anche se ci sono differenze individuali. Tuttavia, per esercitare il pensiero laterale dobbiamo incoraggiarli ad applicare una creatività deliberata ; cioè sanno come rivolgersi ad esso volontariamente quando si risolve un problema. Per questo, possiamo applicare varie linee guida.

Dare al bambino un ruolo attivo nel suo apprendimento

Il vero apprendimento significativo non avviene quando il bambino riceve passivamente informazioni da un adulto, ma quando le fa proprie; e questo può essere ottenuto in molti modi. Consentire ai più piccoli di sperimentare, esplorare, interagire con i materiali e testare le proprie ipotesi è un ottimo modo per contribuire al loro pensiero laterale.

Essere meno direttivo

Gli adulti spesso dirigono sempre i bambini, diciamo loro come stanno le cose, come dovrebbero comportarsi e quali passi fare in ogni momento. Ciò incoraggia l’obbedienza, la routine e il pensiero logico, ma smorza la creatività e la spontaneità. Per questo motivo è positivo dare ai bambini maggiore autonomia e incoraggiarli a riflettere e raggiungere le proprie risposte e conclusioni.

Ad esempio, invece di dare indicazioni, possiamo chiedere: come pensi che potremmo fare questo?, come possiamo risolvere questo problema?, o quali idee hai per raggiungere questo obiettivo?

Insegnare dinamiche e strategie utili

Ci sono alcune dinamiche che possono essere molto utili per i bambini quando usano il pensiero laterale. Questi possono essere praticati inizialmente a casa oa scuola, ma col tempo diventeranno parte delle risorse proprie del bambino. In questo modo li avrai assimilati e saprai come usarli quando ne avrai bisogno.

Uno dei più efficaci è il brainstorming. Conosciuto anche come brainstorming, è particolarmente efficace quando i bambini sono bloccati quando si tratta di risolvere un problema o prendere una decisione. Invece di ripercorrere gli stessi pensieri, l’idea è quella di proporre tutte le soluzioni che vengono in mente, non importa quanto folli o fantasiose.

pensiero laterale
La libertà di pensare senza vincoli logici può scatenare buone idee, alcune delle quali possono essere applicabili alla risoluzione dei problemi.

Praticare esercizi e giochi

Infine, possiamo sostenere il pensiero laterale dei bambini proponendo puzzle, indovinelli e altri giochi che aiutino a risvegliare la loro ingegnosità e originalità. Puoi trovare più opzioni su Internet, così come nei libri di attività per bambini. Ma puoi anche creare le tue proposte: devi solo raccontare una situazione in cui ci sono diverse opzioni e chiedere a tuo figlio di elencare tutte quelle che ti vengono in mente.

Ad esempio: per cosa può essere utilizzata una scatola di fiammiferi? Le risposte possono variare dall’usarlo come contenitore per piantare una lenticchia, usarlo come portagioie per orecchini e anelli o metterlo come tavolo nella scatola di una bambola.

Il pensiero laterale è uno strumento per tutta la vita

Insomma, si tratta di aiutare i bambini a capire che non sempre esiste un’unica soluzione valida. Quindi, non c’è motivo di rimanere con la prima opzione che viene in mente. Si tratta di incoraggiarli ad essere originali nel loro pensiero, a sviluppare la loro ingegnosità ea pensare e proporre per se stessi oltre ciò che già sanno o gli è stato detto.

La capacità di usare il pensiero laterale sarà loro molto utile negli anni scolastici e nelle relazioni personali, poiché li renderà più empatici e tolleranti potendo vedere prospettive diverse. Ma, inoltre, è una risorsa molto apprezzata e richiesta nel mondo professionale, motivo per cui, in futuro, sarà molto utile.

Potrebbe interessarti ...
La noia stimola la creatività dei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La noia stimola la creatività dei bambini

Una serie di studi dimostrano che la noia stimola la creatività dei bambini, spingendoli ad esplorare il proprio subconscio e a riflettere.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.