Perché gli adolescenti sono più influenzabili?

23 Giugno 2019
Oggi parleremo del perché gli adolescenti sono più influenzabili degli adulti e di come questo dipenda dalla fase della crescita in cui si trovano.

In questo articolo affronteremo un tema complesso e delicato, quello del perché gli adolescenti sono più influenzabili rispetto agli adulti.

L’adolescenza è una tappa durante la quale cominciamo a formare la nostra identità, ciò che ci definisce e gli attributi che ci rendono diversi dagli altri allo stesso tempo. Tuttavia, non c’è nulla che un adolescente teme di più che essere diverso dagli altri. Il timore di essere diverso porta ad insicurezza ed emotività, questo rende i ragazzi e le ragazze di questa età maggiormente esposti all’influenza delle persone intorno a loro.

Gli adolescenti desiderano solo potersi inserire nel loro contesto sociale, sentirsi parte della società o di un gruppo di loro simili (che occupa un posto molto importante nella loro vita). Fino ad ora, i genitori sono stati le uniche figure alle quali fare riferimento e hanno costituito l’unico modello da seguire. Durante il periodo dell’adolescenza, i loro simili acquisiscono un ruolo di riferimento, oltre alla figura materna e paterna.

Parlando del perché gli adolescenti sono più influenzabili è anche giusto menzionare che ciò non ha una connotazione totalmente negativa. Per esempio, un adolescente spesso decide di intraprendere determinati studi all’università proprio perché è stato positivamente influenzato da un professore durante il liceo. Molti adolescenti, ad esempio, scelgono di giocare a calcio o pallavolo per seguire i propri amici.

Perché gli adolescenti sono più influenzabili?

Gli psicologi P.G Zimbardo e Michael Leippe hanno studiato l’influenza della società e lo definiscono come un processo. Un processo attraverso il quale il comportamento di una persona cambia il comportamento, il modo di vedere e di pensare di un’altra persona. Quindi, si può dire che l’influenza della società arriva a modificare il modo di pensare, i sentimenti e il comportamento.

La psicologia sociale riconosce due tipi di influenza sociale:

  • Informativa. Riguarda gli adolescenti, i quali sono maggiormente esposti a questo tipo di influenza in vari contesti. Per esempio, quando osservano i propri simili per acquisire informazioni riguardo all’ambiente intorno a sé stessi o quando si sentono insicuri riguardo ad una determinata situazione.
  • Normativa. Come sappiamo, l’adolescenza è un periodo nella vita di una persona caratterizzato da un sentimento di ribellione. Inoltre,  gli adolescenti hanno un istinto di sopravvivenza molto sviluppato. I giovani usano il loro istinto per adattarsi all’ambiente circostante, per inserirsi all’interno della società e per far ciò ne accettano le norme.
Giovani giocano

Il conformismo sociale di Ash

Salomon Asch fu il primo a studiare il conformismo sociale. Nel suo sperimento è riuscito a dimostrare che un individuo si comporta diversamente a seconda che sia solo o parte di un gruppo. Per questo sperimento si è scelto un individuo al quale venivano poste determinate domande da solo e poi in gruppo ( il gruppo era costituito da attori volontari).

I risultati dimostrano che l’opinione del gruppo influisce sulla persona. Il gruppo fa pressione sull’individuo fino a riuscire a cambiare la sua opinione per renderla più simile a quella desiderata, anche se sbagliata.

Il conformismo sociale è un tipo di influenza normativa. Grazie a questa teoria, si spiega il perché gli adolescenti sono più influenzabili e il motivo per il quale il loro comportamento cambia a seconda se si trovino a casa o con i loro amici.

L’adolescente, malgrado abbia una propria opinione, la modifica a seconda delle pressione che gli altri esercitano su di lui. In questo modo, l’adolescente si comporta in modo diverso a come si comporterebbe se preso singolarmente.

I motivi che portano al conformismo sociale sono vari. Per esempio, un adolescente non ha dei criteri oggettivi e fa riferimento agli amici per un termine di paragone, accettando le loro opinioni e i loro criteri. Oppure anche solo per evitare di sentirsi ridicoli davanti alla società e di rimanere isolati.

«Avere fiducia in sé stessi non garantisce il successo, ma non averne garantisce la sconfitta»

-Albert Bandura-

Aiutate i vostri figli a gestire la pressione della società

Quando un adolescente avverte la pressione da parte del proprio gruppo di amici, corre il rischio di comportarsi diversamente da come farebbe usando il proprio giudizio. Un adolescente cambia i suoi valori perché vuole sentirsi accettato e apprezzato dai suoi amici. Si adatta per sentirsi parte di un gruppo.

Per tutti questi motivi, è importante che i genitori sappiano aiutare i propri figli a gestire le pressioni esterne:

  • Insegnargli a dire di no. Se vostro figlio non trova il modo giusto per dire che non vuole fare una cosa, insegnategli un modo semplice ed utile per dire di no. Per esempio, se subisce pressioni per fumare, può dire: «No, non mi piace il gusto della sigaretta» oppure «No, non mi piace l’odore di sigaretta».
  • Ampliare la propria rete sociale. Aiutate vostro figlio a sviluppare amicizie in vari circoli sociali. Se ha diversi gruppi di amici, avrà più opzioni e un appoggio al quale far riferimento in caso si senta rifiutato da alcuni dei suoi simili.
  • Essere sé stessi. Molte volte riuscire ad essere sé stessi aiuta a subire meno la pressione sociale. Se vostro figlio non è soddisfatto di sé stesso e del suo modo di pensare, aiutatelo a trovare un modo per essere felice.
  • Fomentate la loro autostima. Aumentare l’autostima di vostro figlio lo aiuta a resistere alla pressione sociale del gruppo e rende la comunicazione con l’ambiente esterno più semplice.
raduno di adolescenti

Un adolescente non solo cambia il suo comportamento per adattarsi all’ambiente che lo circonda ma modifica la sua identità a causa del conformismo sociale. Quando ci si chiede perché gli adolescenti sono più influenzabili è bene guardare alle reti sociali e all’importanza che ricoprono nell’universo dei giovani.

Alla domanda riguardo il perché gli adolescenti sono più influenzabili deve far seguito una riflessione sulla pressione delle reti sociali, durante un momento molto delicato nella vita di un individuo. Durante l’adolescenza si cerca di scoprire la propria identità e si cerca il proprio posto nella società. Per questo i giovani devono trovare un equilibrio per essere sé stessi e adattarsi all’ambiente esterno.

  • Asch, S. (1956). Studies of independence and conformity: I. A minority of the one against a unanimous majoriy. Pshychological Monographs, 70 (9): 1-70.
  • Zimbardo, P.G., y Leippe, M.R. (1991). McGraw-Hill series in social psychology. The psychology of attitude change and social influence. New York, NY, England: Mcgraw-Hill Book Company