Perché i bambini preferiscono stare con i nonni piuttosto che con i genitori?

Il legame che i nipoti hanno con i nonni è spesso profondo e speciale. I bambini spesso preferiscono trascorrere del tempo con se stessi piuttosto che con i genitori. Questo dovrebbe preoccuparci?
Perché i bambini preferiscono stare con i nonni piuttosto che con i genitori?

Ultimo aggiornamento: 16 novembre, 2022

Quando i bambini stanno insieme ai nonni, tutto è divertimento, tenerezza e regali. Perché il rapporto tra gli anziani e i loro nipoti è solitamente intriso di una magia molto speciale. Certo, a volte i bambini preferiscono stare con i nonni invece che con i genitori. Questa dovrebbe essere una preoccupazione? Ve lo diciamo in questo articolo.

Oggi i nonni svolgono un ruolo rilevante in termini di compiti legati alla cura e all’educazione dei nipoti, poiché noi, i loro genitori, li lasciamo con loro per andare al lavoro. È così che il loro legame diventa sempre più forte. A tal punto che non sorprende che un bambino si addolori quando deve dire addio a uno dei suoi nonni o esprime il desiderio di andare a vivere con loro dopo aver litigato con noi.

Il rapporto tra nonni e nipoti, un legame di qualità

Una fonte di benessere e di amore incondizionato. Complici negli scherzi, arbitri tra genitori e figli, compagni di gioco, saggi consiglieri e i migliori per la preparazione delle merende. Tutto ciò sono i nonni, o la maggior parte di loro, quindi sono una parte vitale dell’infanzia.

Questo collegamento è stato anche studiato. Uno studio condotto nel 2011 ha stabilito che un nonno spagnolo su quattro si prende cura dei nipoti in media 7,1 ore al giorno, compresi i fine settimana. Sia l’aumento della speranza di vita che l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro hanno dato vita a un ruolo più significativo per i nonni, che ora possono trascorrere qualche decennio con i nipoti.

bambini che preferiscono i nonni
L’atteggiamento dei genitori sarà la chiave per determinare il tipo di relazione che il bambino avrà con i nonni e la quantità di tempo che potrà condividere.

Atteggiamento dei genitori

Tuttavia, l’atteggiamento dei genitori influenza notevolmente il rapporto tra nonni e nipoti, poiché sono loro che determinano il tempo che trascorrono insieme. In questo senso, finché il legame tra i nonni ei propri figli è stretto, è più probabile che il legame con i nipoti sia forte e intimo.

Valori trasmessi dai nonni

Coloro che sono cresciuti vicino ai nonni sanno che la loro presenza ha lasciato loro grandi insegnamenti. Una delle funzioni più importanti che svolgono è la trasmissione di valori. Attraverso la narrazione delle loro storie di vita, parlano di gentilezza, rispetto e perseveranza. Inoltre, sono i principali riferimenti quando si tratta di mitigare le tensioni familiari, soprattutto quando i nipoti sono adolescenti.

Cosa hanno i nonni, a differenza dei genitori?

Per cominciare, i nonni sono esentati da una delle questioni più complesse della genitorialità: la definizione dei confini. I responsabili dell’educazione e dell’educazione dei bambini sono i genitori. Sappiamo che questo include molti no. “Non puoi mangiare caramelle tutti i giorni”, “non puoi uscire quando vuoi”, “Non ti comprerò quel cellulare”. I no, sono una parte fondamentale di una sana genitorialità.

“Ogni generazione si ribella ai genitori e fa amicizia con i nonni”

-Lewis Mumford-

Ma i nonni sono per qualcos’altro, ottengono la parte migliore. Non sopportano la pressione dell’insegnamento, quindi il loro intervento è molto più spensierato. Questo fa sì che i momenti condivisi siano quasi sempre di puro godimento. A spese dei genitori, spesso coccolano i nipoti.

Non assumendosi la responsabilità della genitorialità, il tempo che i nonni condividono con i nipoti è spesso puro divertimento.

Bambini che preferiscono i nonni: perché?

Ogni incontro diventa infinite consegne d’amore sotto forma di abbracci, cibo e regali. Ci sono nonni più permissivi degli altri, ma mai meno dei genitori. Giustamente, non vogliono avere nulla a che fare con l’imposizione di regole o il divieto di comportamenti discutibili. Lo hanno già fatto quando hanno esercitato il loro ruolo di genitori.

Questo problema potrebbe spiegare perché vostro figlio preferisce spesso trascorrere del tempo con i nonni, piuttosto che con voi. È valido che provate rabbia, gelosia o tristezza. Tuttavia, tenete presente che è naturale che ciò accada e che non significa in alcun modo che non vi amino.

Ogni legame ha le sue particolarità

È allettante comportarsi come i nonni quando siamo genitori, giusto? In questo modo eviteremmo discussioni forti che di solito provocano quella dolorosa sensazione di sentirsi rifiutati dai propri figli. Possiamo immaginare che in questo modo tutto rimarrebbe armonioso. Tuttavia, prendere la tolleranza che i nonni hanno con i nostri figli e farla propria non è esattamente l’alternativa migliore.

Al contrario, i nostri figli hanno bisogno dei nostri “no” e del ” sì” dei loro nonni (o di altri adulti significativi) per crescere sani.

Trovare l’equilibrio perfetto

Mentre impara a tollerare la frustrazione e a superare gli ostacoli, il bambino scopre il valore del divertimento e della complicità. Naturalmente, i ruoli di genitori e nonni possono variare. A volte i genitori saranno più permissivi e a volte i più grandi fisseranno dei limiti. Ma, come genitori, non dobbiamo lasciarci sedurre dalle caratteristiche dei nonni.

Potrebbe interessarti ...
Un bambino dovrebbe vivere con i nonni?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Un bambino dovrebbe vivere con i nonni?

Un bambino dovrebbe vivere con i nonni? Se crescete vostro figlio a casa dei nonni, possono esserci complicazioni e vantaggi.



  • Badenes, N. &  López, C.V.(2011) Doble dependencia: abuelos que cuidan nietos en España. Zerbitzuan, 49, 107-125. doi:10.5569/1134-7147.49.09
  • García, C. N., & Vega, C. V. (2013). Relaciones abuelos-nietos: una aproximación al rol del abuelo. Sociedad y Utopía. Revista de Ciencias Sociales, 41, 464-482. https://estaticos.qdq.com/swdata/files/619/619320697/relacionesabuelosnietos.pdf
  • Rico, C,. Serra, E., Viguer, P. & Meléndez, M. (2000) Las relaciones abuelos-nietos al final del milenio: la visión de los niños. Geriátrika, 16(9), 329-336.