Frullati proteici durante la gravidanza, sono sicuri?

Non riuscite a soddisfare il tuo fabbisogno proteico giornaliero durante la gravidanza? In tal caso, l'inclusione di un integratore di questi nutrienti potrebbe essere utile.
Frullati proteici durante la gravidanza, sono sicuri?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2022

Il consumo di frullati proteici è diventato popolare negli ultimi anni. Questi prodotti sono in grado di fornire nutrienti di qualità, necessari per la formazione e il recupero della parte magra del corpo. Vi è il dubbio se siano adatti o meno all’inclusione nella dieta delle donne in gravidanza.

In generale possono essere considerati prodotti adatti in determinate occasioni poiché è sempre preferibile coprire il fabbisogno nutritivo attraverso il cibo.

Per saperne di più sui tipi di integratori proteici, sulla loro presenza in gravidanza e su come scegliere un prodotto adatto, vi invitiamo a continuare a leggere l’articolo.

Proteine in gravidanza

Durante la gravidanza, il cibo e l’assunzione di alcuni nutrienti specifici sono solitamente motivo di preoccupazione in molte donne. Una dieta varia, equilibrata e sufficiente è il modo migliore per soddisfare queste esigenze.

Nel caso delle proteine, queste sono necessarie sia per lo sviluppo delle strutture corporee che per la sintesi di enzimi, ormoni o il trasporto di amminoacidi. Inoltre, facilitano la crescita del tessuto uterino e mammario nelle madri.

Gli esperti raccomandano un’assunzione compresa tra 75 e 100 grammi di proteine al giorno durante il secondo e il terzo trimestre. Le sue principali fonti alimentari sono i legumi, la carne, il pesce e le uova. Sono presenti anche in quantità minori nei latticini e nelle noci.

Benefici dei frullati proteici

frullatore proteico banana mirtillo frullatore metro

I frullati proteici vengono spesso consumati nel contesto dell’esercizio fisico, per migliorare il recupero post-allenamento. È stato dimostrato che l’integrazione proteica negli anziani sani (insieme a un adeguato esercizio fisico) rallenta la perdita di massa muscolare (sarcopenia). Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients.

Per questo si può affermare che l’integrazione proteica è in grado di migliorare la composizione corporea, soprattutto quando la dieta non soddisfa il fabbisogno giornaliero di questo nutriente.

Sono stati, infatti, abbattuti i miti che mettevano in relazione l’assunzione di questi frullati proteici con la possibilità di sviluppare danni renali o epatici a medio termine. Questo sì, purché siano assunti nelle dosi appropriate e adattate ad ogni particolare situazione.

Come regola generale, i frullati proteici sono considerati prodotti sicuri per l’intera popolazione. Ma è bene assicurarsi che questo integratore alimentare contenga un sigillo che ne attesti che è privo di sostanze che potrebbero essere nocive.

Oggi la loro regolamentazione non passa attraverso gli stessi organismi degli alimenti, poiché in realtà sono classificati come integratori alimentari. Pertanto, i produttori stessi sono responsabili di garantire la sicurezza di questi prodotti.

Un rapporto del gruppo senza scopo di lucro Clean Label ha rilevato che molti marchi disponibili in commercio contenevano anche metalli pesanti, bisfenolo-A, pesticidi e altri contaminanti. Pertanto, se volete prenderli, dovete scegliere bene il prodotto.

Frullati proteici durante la gravidanza

Come accennato prima, in linea di principio i frullati proteici che si possono trovare in commercio non contengono nessuna sostanza particolare che potrebbe essere pericolosa per la madre o per il feto.

In termini generali, questi prodotti sono sicuri ed efficaci nel migliorare l’assunzione di proteine nella dieta, cosa molto necessaria per il corretto sviluppo del feto. Occorre però sapere che al momento non esistono studi specifici che valutino i benefici della somministrazione di frullati proteici nelle donne in gravidanza.

L’ideale sarebbe ottenere un apporto sufficiente di proteine attraverso il cibo, poiché è così che viene fornito il resto dei nutrienti. Ma nel caso in cui ciò non fosse possibile o se ci fossero segni di malnutrizione, potrebbero essere utili i frullati proteici.

Alcune di queste situazioni sarebbero le seguenti:

  • Quando il disagio digestivo in gravidanza (ad esempio nausea) non consente l’assunzione di altre fonti proteiche e i frullati sono ben tollerati.
  • Se ci sono restrizioni dietetiche o allergie significative che non facilitano l’ottenimento dei requisiti minimi.
  • Se i frullati proteici fossero già utilizzati per coprire i bisogni quotidiani.

In ogni caso, prima di optare per l’introduzione di questi integratori nella vostra dieta, consultate un nutrizionista e la vostra equipe medica.

Negli ultimi decenni, alcuni studi hanno dimostrato che le diete ad alto contenuto proteico in gravidanza potrebbero essere correlate ad alcuni problemi come nascite premature, basso peso alla nascita o ipertensione nelle madri.

Tipi di frullati proteici

frullati proteici

Ci sono molti diversi tipi di frullati proteici sul mercato. La maggior parte di essi si trova in polvere da mescolare con acqua, latte o bevanda vegetale.

I più comuni sono il siero di latte. Sono anche i più economici. Questi sono differenziati in due tipi: isolati e concentrati. I primi non contengono lattosio, mentre i secondi lo fanno.

È anche possibile optare per frullati proteici a base di caseina. Queste sono una buona opzione per la somministrazione notturna, prima di coricarsi. Poiché si tratta di un nutriente a lenta digestione in grado di aumentare la propria produzione di proteine durante le ore di riposo.

Ci sono anche frullati proteici che non provengono dal latte. È il caso di quelli a base di uova, canapa, piselli o riso. Tra le fonti vegetali vanno evitate quelle di soia. Contiene quantità significative di fitoestrogeni e i suoi possibili effetti sulla gravidanza sono sconosciuti.

Cosa considerare quando si scelgono gli integratori proteici

La maggior parte degli ingredienti utilizzati come fonte proteica in questo tipo di prodotti sono considerati sicuri per la popolazione generale. Pertanto, la scelta dell’uno o dell’altro dipenderà dalle preferenze personali, dal tipo di dieta seguita (come nel caso dei vegani) o dall’eventuale esistenza di allergie.

Tenete presente che alcuni di essi (soprattutto quelli aromatizzati) potrebbero avere ingredienti aggiunti. Per quanto possibile, è consigliabile evitarli.

Ad esempio, la presenza di dolcificanti artificiali al suo interno potrebbe alterare il microbiota intestinale delle donne. È inoltre preferibile che non contengano aromi, aromi, coloranti artificiali, addensanti o stabilizzanti.

È inoltre essenziale assicurarsi che non si tratti di integratori proteici arricchiti con vitamine e minerali. Questi, aggiunti agli integratori già consigliati in gravidanza, potrebbero supporre una quantità superiore a quella consigliata di alcuni di questi nutrienti.

In riferimento alla somministrazione, è necessario guardare le raccomandazioni di ciascun produttore e seguire alla lettera le dosi consigliate. Ricordate che di più non è sempre meglio e che i frullati proteici non dovrebbero sostituire (in ogni caso) un pasto principale.

Infine, si raccomanda di non abusarne durante la giornata e di utilizzarli solo come contributo in più. Altrimenti potrebbe sostituire l’assunzione di altri nutrienti necessari.

È possibile consumare frullati proteici durante la gravidanza

Come avrete visto, consumare frullati proteici durante la gravidanza è sicuro. Potrebbe anche presentare dei vantaggi in quanto permetterebbe in determinati momenti di coprire i fabbisogni proteici, che sono alquanto aumentati durante la gravidanza.

Anche così, non dovrebbe essere la prima opzione da considerare e non è una strategia necessaria per tutte le donne. Soprattutto, deve essere avviato quando il fabbisogno nutritivo non viene soddisfatto attraverso la dieta o quando si rilevano segni di malnutrizione.

In caso contrario, si potrebbe fare un’assunzione superiore a quella raccomandata (che sarebbe dannosa) e sostituire altri alimenti necessari. Tenete presente che la maggior parte delle donne in gravidanza può coprire il proprio fabbisogno giornaliero attraverso il cibo.

E, come abbiamo già accennato, prima di introdurlo nella vostra dieta, vi consigliamo di consultare un nutrizionista. Sapranno consigliarvi il prodotto più adatto alle vostre esigenze e le dosi giuste per voi. In questo modo eviterete di incorrere in quei potenziali rischi derivanti da una errata scelta dell’integratore, o da un eccessivo apporto di proteine nell’assunzione giornaliera.

Potrebbe interessarti ...
3 vantaggi di mangiare le bietole in gravidanza
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
3 vantaggi di mangiare le bietole in gravidanza

Il consumo di bietole in gravidanza è importante, poiché genera una serie di benefici per la salute della mamma e del bambino.



  • American Pregnancy Association. Pregnancy Nutrition.
  • Blumfield M. L, Collins C. E, et al. High-protein diets during pregnancy: healthful or harmful for offspring? The American Journal of Clinical Nutrition. Septiembre 2014. 100 (4): 993-995.
  • Clean Label Project. The best & worst protein powder products.
  • Harvard Health Publishing. The hidden dangers of protein powders. Harvard Medical School. Agosto 2022.
  • Liao CD, Chen HC, Huang SW, Liou TH. The Role of Muscle Mass Gain Following Protein Supplementation Plus Exercise Therapy in Older Adults with Sarcopenia and Frailty Risks: A Systematic Review and Meta-Regression Analysis of Randomized Trials. Nutrients. 2019 Jul 25;11(8):1713. doi: 10.3390/nu11081713. PMID: 31349606; PMCID: PMC6723070.
  • Mousa A, Naqash A, Lim S. Macronutrient and Micronutrient Intake during Pregnancy: An Overview of Recent Evidence. Nutrients. 2019 Feb 20;11(2):443. doi: 10.3390/nu11020443. PMID: 30791647; PMCID: PMC6413112.