La gravidanza è più complicata quando si aspetta un maschietto, lo afferma uno studio

Uno studio ha rivelato che la gravidanza è più soggetta a complicazioni quando si aspetta un maschietto. Sarà vero?
La gravidanza è più complicata quando si aspetta un maschietto, lo afferma uno studio

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio, 2022

Ogni gravidanza è meravigliosa indipendentemente dal fatto che si tratti di una femminuccia o di un maschietto; tuttavia, alcuni studi affermano che nel secondo caso ci sono più probabilità che l’attesa si riveli complicata. Si ritiene che questa gravidanza possa portare più inconvenienti di ogni genere e che, in generale, il parto sia solitamente uno dei più complessi. Sebbene questa affermazione sia basata su uno studio di oltre 550.000 nascite, molti di noi concordano sul fatto che non vi siano differenze notevoli.

L’indagine prevedeva una serie di analisi dello stato di salute della futura mamma, che mostrava una notevole propensione a soffrire di ipertensione e diabete gestazionale. Per concludersi efficacemente, l’istruttoria è stata prorogata per un periodo di trent’anni. Cioè, un’analisi delle nascite avvenute tra gli anni 1981 e 2011 in Australia.

Non c’è molta ricerca focalizzata su aspetti come il sesso del bambino per determinare i possibili effetti sul benessere della gravidanza in quanto tale. Pertanto, alcuni problemi abbastanza frequenti nelle donne in gravidanza, il feto o il neonato, non sono mai stati associati a cause del genere.

La gravidanza è diversa quando si aspetta un maschietto

fa49d5ba32154b43b70191c4d9c38d58

Dopo aver ottenuto i campioni principali, gli specialisti affermano che il sesso del bambino può essere legato a complicazioni e caratteristiche della gravidanza. Tra i risultati più rappresentativi c’è il fatto che i bambini maschi sono quelli che più spesso nascono prematuramente.

Le cifre più significative rispondono alla probabilità di nascita prima delle 24 settimane, che secondo lo studio è superiore al 70%. Allo stesso modo, i parti precoci si riflettono nel 17% dei casi che sono avanzati fino a 34 e 36 settimane.

Altre differenze sono associate alla salute della madre. Ad esempio, sono stati identificati un aumento del 7% nello sviluppo della preeclampsia e almeno un rischio del 4% di sviluppare il diabete gestazionale. Una certa incidenza è stata riscontrata anche nell’eccessivo aumento di peso della madre durante la gravidanza. Un aspetto che forse ha a che fare con lo sviluppo di altri problemi di salute della donna incinta.

Per confermare che l’attesa di un maschietto può, infatti, essere collegata ad alcune complicazioni della gravidanza, gli specialisti hanno analizzato 550.000 casi. Con quell’universo sono stati in grado di determinare che si trattava di disturbi sorti a causa della gravidanza.

In altre parole, la maggior parte delle complicazioni che sono sorte non erano preesistenti, sono apparse come una diretta conseguenza della gravidanza e dei cambiamenti naturali in questa fase.

maschietto

Sfondo

In precedenza, altri specialisti australiani avevano affermato che c’erano chiare differenze tra le gravidanze di maschi e femmine. Ad esempio, la placenta delle gravidanze semplici differiva in almeno 140 geni da quelle più complicate. Per coincidenza, i processi più complicati osservati nel campione precedente erano i rappresentanti del sesso maschile.

Date le chiare differenze tra gravidanze probabilmente uguali, gli esperti hanno concluso che i medici potrebbero iniziare a trattare ogni caso in modo specifico. Pertanto, si raccomanda che gli interventi durante la gravidanza siano basati su differenze apprezzabili.

In altre parole, una gravidanza e l’altra non dovrebbero essere trattate allo stesso modo, per evitare conseguenze indesiderate in qualsiasi fase del processo.

Si consigliano ulteriori ricerche

I responsabili dello studio hanno potuto confermare la presenza di variazioni legate al dimorfismo sessuale. Questo concetto spiega le differenze morfologiche e fisiologiche in gravidanza tra maschi e femmine appartenenti alla stessa specie. Fino alla rivelazione dei risultati di questa indagine, non era noto che potesse essere una condizione presente nella gestazione umana.

D’ora in poi, gli esperti raccomandano di fare più ricerche su questo stesso aspetto, così da poter chiarire maggiori dubbi al riguardo. Ad esempio, è importante sapere come la differenza genetica in relazione alla placenta che protegge le bambine influisca sulla gravidanza di un maschietto. Oppure, per quanto riguarda le gravidanze meno complicate.

Allo stesso modo, l’invito alla comunità scientifica è quello di individuare le caratteristiche molecolari che causano le difficoltà della madre nella gravidanza di un maschietto. E, comunque, individuare e applicare meccanismi che consentano a mamma e bambino di affrontare la gravidanza in modo sano e di raggiungere il pieno termine.

Potrebbe interessarti ...
La nausea durante la gravidanza può farci capire il sesso del bambino?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La nausea durante la gravidanza può farci capire il sesso del bambino?

Anche se oggigiorno è facile sapere quale sia il sesso del bambino, è anche vero che il corpo di una donna incinta fornisce indizi sul sesso del ba...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.