Il contatto pelle a pelle di mamma e bambino

Quando una madre prende il suo neonato tra le braccia impara una forma di amore che si consuma pelle a pelle.
Il contatto pelle a pelle di mamma e bambino

Ultimo aggiornamento: 30 novembre, 2020

Quando la pelle di una madre incontra quella del suo bambino per la prima volta, scatta la scintilla. Questo contatto deve verificarsi non appena il bambino lascia l’utero materno e deve essere prolungato su base regolare e, se possibile, per tutta la vita. Il vantaggio del contatto pelle a pelle di mamma e bambino si manifesta per entrambi, e in molti modi. Tra tutti, rende il bambino sicuro e stimola anche la produzione di latte materno.

Sembra che, a poco a poco, l’umanità capisca – e con una consapevolezza sempre più profonda – che la natura è saggia. Quando veniamo al mondo, la natura ci dona tutto ciò di cui abbiamo bisogno: dobbiamo solo approfittare delle esperienze che la vita ci offre per imparare ad amare. La maternità è una di quelle esperienze che insegnano alle donne ad amare incondizionatamente.

Quando una madre prende il suo neonato tra le braccia impara una forma di amore che si consuma pelle a pelle. Viene da lì, dall’unione della vostra carne con quella del vostro partner. E sarà grazie a questo calore che vi accorgerete che un neonato è in grado di strisciare sul petto di sua madre come un piccolo verme per trovare il suo petto e iniziare a nutrirsi.

Questa è un’attività guidata dal suo istinto di sopravvivenza. Attraverso di esso, non solo può nutrirsi del cibo fornito dal seno di sua madre, ma riceve anche il calore e “l’attaccamento” di cui ha bisogno per crescere in modo sano.

Mamma con bambino sul petto.


Il contatto pelle a pelle è miracoloso

Il contatto pelle a pelle, al di là della storia d’amore implicita che viene dal suo nome, è una procedura medica a tutti gli effetti. Dopo la nascita, infatti, il neonato viene messo nudo e a faccia in giù sul petto della madre. È in quel momento che ogni madre scopre che suo figlio è in grado di strisciare sul suo corpo, riconoscere il suo petto, trovare il seno e succhiare correttamente.

Il bambino dovrebbe essere tenuto in questo modo per almeno i primi 50 minuti di vita (potrebbe durare fino a 120 minuti, periodo in cui il neonato è generalmente vigile). Per promuovere questo contatto pelle a pelle, è necessario evitare la separazione ordinaria dopo la nascita del bambino, una pratica moderna che lungi dal favorire il bambino, interrompe il primo contatto con la madre e gli impedisce percepisce il suo odore e calore.

Al contrario, quando questa pratica viene promossa, il bambino viene incoraggiato a sviluppare i suoi sensi e il suo istinto. A sua volta, il corpo della madre risponde positivamente al contatto pelle a pelle: diminuisce il rischio di provare ansia perché non sa dove si trova il bambino, ma anche il dolore al seno e l’emorragia post partum.

Contatto mamma con bambino.


Il contatto pelle a pelle libera ossitocina

Il contatto pelle a pelle è un potente stimolante che rilascia una sostanza, l’ossitocina materna, che a sua volta produce un aumento della temperatura cutanea del seno e dona calore al neonato. Inoltre, questa ossitocina contrasta l’effetto di lotta/fuga, che riduce l’ansia materna e aumenta la tranquillità e la ricettività sociale.

Durante le prime ore dopo la nascita, l’ossitocina può anche stimolare i comportamenti genitoriali. Il suo effetto è benefico anche per l’inizio dell’allattamento al seno: infatti, il contatto pelle a pelle favorisce il legame madre-figlio, diminuisce il pianto del bambino e migliora i livelli di glucosio nel sangue e la stabilità cardio respiratoria.

Per molti anni, il primo contatto pelle a pelle tra madre e figlio è stato interrotto dalle routine ospedaliere. Per fortuna, negli ultimi anni questa pratica ancestrale volta a conservare un momento così speciale e irripetibile, viene incoraggiata, favorendo l’interazione tra il neonato e sua madre.

L’amore è per il bambino come il sole per i fiori: non è mai abbastanza, ha bisogno di carezze per essere buono ed essere forte.

Un amore che nasce spontaneo

Questo amore – come lo è il vero amore – nasce spontaneamente senza forzature e non è una questione di moda. Eminenti studi dimostrano che queste implicazioni influenzano il legame madre-figlio, ma, cosa più importante, influenzano lo sviluppo fisico ed emotivo del futuro adulto. Una madre e un neonato sono una cosa sola e l’ambiente normale di un neonato è accanto a sua madre, e nessun altro.

Il contatto pelle a pelle può essere effettuato in modo professionale, facendo in modo che il bambino e la madre rimangano puliti dopo il parto. Naturalmente, può essere fatto senza separare il bambino dalla madre.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza del contatto pelle a pelle dopo il parto
Siamo MammeRead it in Siamo Mamme
L’importanza del contatto pelle a pelle dopo il parto

Il contatto pelle a pelle dopo la nascita consiste nel collocare il neonato sul corpo nudo della madre, evitando qualunque separazione non necessaria.