Crampi da impianto: cosa sono e come riconoscerli?

I crampi da impianto sono disagi tipici dei primi giorni di gravidanza. Scopri perché si verificano e come identificarli.
Crampi da impianto: cosa sono e come riconoscerli?

Ultimo aggiornamento: 13 ottobre, 2022

Le prime settimane di gravidanza sono solitamente accompagnate da alcuni sintomi alquanto strani, come i crampi all’impianto. Questi disagi addominali sono percepiti come leggeri punti di sutura nell’addome inferiore, che ricordano i crampi mestruali. Ma se coincidono con un ritardo, possono suggerire una gestazione in corso .

Sebbene questi crampi siano comuni, non tutte le donne li sperimentano. Pertanto, ti diremo cosa aspettarti e come identificarli se stai cercando un bambino. Non smettere di leggere!

Cosa sono i crampi da impianto?

I crampi all’impianto, chiamati anche colica dell’impianto dell’embrione, sono dolori lancinanti di intensità da lieve a moderata che compaiono nell’addome inferiore. Questi si verificano in conseguenza dell’adesione dell’uovo fecondato all’endometrio, lo strato più superficiale della cavità uterina, a pochi giorni dal concepimento.

Una volta nello spessore dell’endometrio, l’embrione viene rifornito di ossigeno e nutrienti presenti nel sangue materno e questo ne favorisce lo sviluppo e la sopravvivenza.

Durante il processo di impianto, la futura madre potrebbe provare un certo disagio a causa della rottura dei vasi sanguigni e della formazione di nuovi. In questo modo, i crampi da impianto sono solitamente accompagnati da una leggera perdita di sangue, chiamata sanguinamento da impianto, che dura dai 2 ai 5 giorni. Questo differisce dalle mestruazioni per essere scarso e rosso scuro o marrone.

La gastrulazione avviene intorno alla settimana 4
Dopo essere stato impiantato nell’endometrio uterino, l’embrione allo stadio di blastocisti inizia a modificare la sua struttura per dare origine alla placenta e all’organismo del futuro bambino.

Quando compaiono i crampi?

Il momento in cui compaiono i crampi all’impianto varia da una donna all’altra, poiché dipende dalla regolarità del ciclo mestruale.

In generale, se una donna ha un ciclo mestruale regolare di 28 giorni, possono essere necessari da 6 a 10 giorni prima che l’ovulo si impianta dopo la fecondazione. Cioè, tra 10 e 14 giorni dopo l’ovulazione.

Il solito periodo di presentazione dei crampi coincide solitamente con la data prevista per le mestruazioni, quindi è comune che entrambi i fenomeni vengano confusi. In effetti, molte donne non si rendono conto di essere incinte e presumono di avere le mestruazioni, quando in realtà hanno avuto un’emorragia da impianto.

Caratteristiche dei crampi da impianto

I crampi all’impianto sono percepiti in modi diversi. Di solito avvertono un lieve disagio o un dolore lancinante nell’addome inferiore. Sono simili ai crampi mestruali, ma non così intensi come questi ultimi.

Altre donne riferiscono di averle sentite come una spinta alla pancia, accompagnata da formicolio. Questi crampi possono comparire solo per un momento o in modo intermittente per un giorno o due.

Allo stesso modo, i crampi all’impianto possono essere accompagnati da altri sintomi tipici dell’inizio della gravidanza :

  • Lieve dolore nella parte bassa della schiena.
  • Sanguinamento da impianto.
  • Sensibilità e dolore al seno.
  • Nausea e vomito.
  • Sensazione di pienezza nell’addome.
  • Fatica.
  • Sonnolenza.
  • Rifiuto di alcuni odori o cibi.

I crampi da impianto sono comuni?

Come abbiamo anticipato, non tutte le donne avvertono il disagio dell’impianto e infatti per molte passa del tutto inosservato. In questo modo non è possibile stimare una frequenza e non viene assunta come segno cardinale di gravidanza.

Se stai cercando un bambino e noti questi disagi, fai un test di gravidanza per rilevare la presenza di gonadotropina corionica umana (hCG) nel sangue o nelle urine. Certo, devi farlo qualche giorno dopo l’assenza della regola, in modo che la sua concentrazione aumenti notevolmente e possa essere rilevata con questi test.

donna dolore addominale inferiore utero attacco tubo ovarico impianto gravidanza aborto aborto spontaneo
I dolori da impianto si manifestano nella parte inferiore del ventre e talvolta possono assomigliare a comuni disagi mestruali, anche se più lievi.

È necessario assumere farmaci per attenuare i fastidi?

I crampi all’impianto non diventano così forti da richiedere farmaci. A volte basta fare una pausa o mettere un po’ di calore nell’addome per farli cedere.

Non dovresti preoccuparti di loro, poiché indicano che tutto sta andando come previsto in questa prima fase della gravidanza. L’utero si prepara a formare la placenta e quindi a nutrire e mantenere in vita il bambino.

Dovresti sapere che durante la gravidanza è normale sentire lievi punture o crampi nell’utero e nel bacino, poiché rispondono ai cambiamenti fisiologici che si generano in questi tessuti. Ma assicurati che siano temporanei e di bassa intensità.

Se, al contrario, persistono per più di 2 giorni o sono accompagnati da febbre o sanguinamento intenso, richiedere una valutazione medica il prima possibile.

Potrebbe interessarti ...
Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe in gravidanza: utili consigli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe in gravidanza: utili consigli

Prevenire i crampi ai piedi e alle gambe durante la gravidanza è possibile, con una buona dieta e un corretto esercizio quotidiano.



  • American pregnancy association (2022). ¿Qué Es El Sangrado De Implantación? Recuperado de: https://americanpregnancy.org/es/pregnancy-symptoms-es/what-is-implantation-bleeding/
  • Gutiérrez, R. et al (2019) Implantación embrionaria. Algunos aspectos moleculares en la receptividad endometrial. Revisión Bibliográfica. Multimed vol.23 no.1 Granma ene.-feb. 2019. Recuperado de: http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1028-48182019000100167#:~:text=La%20implantaci%C3%B3n%20embrionaria%20es%20un,y%20posterior%20invasi%C3%B3n%20del%20blastocisto.
  • Serna N. (2012). Biología del desarrollo. Cuaderno de trabajo. Capítulo 9: Implantación. McGraw-Hill 2012; ISBN: 978-607-15-0657-3