Si può mangiare foie gras in gravidanza?

Il consumo di cibi crudi di origine animale in gravidanza è sconsigliato. Vi diremo se il foie gras può far parte delle linee guida della donna incinta o meno.
Si può mangiare foie gras in gravidanza?

Ultimo aggiornamento: 26 giugno, 2022

Il foie gras è un prodotto a base di grasso animale, solitamente anatra o oca. Nonostante sia un alimento nutriente, durante alcune fasi della vita il suo apporto deve essere limitato, in quanto aumenta il rischio microbiologico. Oggi vi diciamo se la gravidanza è uno di quei momenti in cui vale la pena escluderlo dalla dieta.

Prima di iniziare, va notato che l’ottimizzazione della dieta durante il periodo gestazionale è fondamentale, poiché è necessario garantire un apporto sufficiente di nutrienti essenziali per il feto. In caso contrario, si potrebbe mettere a rischio il loro sviluppo futuro e la loro salute.

Detto questo, iniziamo!

Benefici del foie gras per il corpo

Da un punto di vista nutrizionale è da evidenziare la presenza di acidi grassi insaturi nel foie gras. Questi composti aiutano a modulare i meccanismi infiammatori del corpo. Questo si traduce in una migliore conservazione della salute cardiovascolare, come dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Circulation. Anche l’assunzione di questo tipo di grasso migliora il profilo lipidico di chi lo consuma.

Oltre ai benefici cardiovascolari, l’assunzione di acidi grassi offre altri benefici. Ad esempio, servono come mezzo di trasporto per le vitamine liposolubili, che previene le carenze di nutrienti chiave per il mantenimento della salute. Questi includono la vitamina D, che viene prodotta attraverso la pelle, ma viene anche ingerita attraverso il cibo. In generale, la popolazione è spesso carente di questo nutriente cruciale, soprattutto dopo il confinamento della pandemia di COVID-19.

Alimenti con grassi sani.
Non tutti i grassi sono dannosi. Al contrario, quelli sani, come gli acidi grassi insaturi e la serie omega-3, dovrebbero far parte della dieta regolare delle donne in gravidanza.

Consumo di foie gras in gravidanza

Al supermercato si possono trovare diverse varietà di foie gras ed è questo che determinerà la possibilità o meno di inserirlo nella dieta delle donne in gravidanza.

Quel prodotto fresco, semicotto o sotto forma di paté è da evitare durante il periodo gestazionale, in quanto potrebbe contenere batteri patogeni in grado di nuocere al feto. Proprio come i salumi.

Esiste però anche l’alternativa di acquistare un foie gras in scatola che ha superato un precedente processo di sterilizzazione, con cottura a temperatura superiore a 110 gradi. In questo caso il rischio microbiologico viene eliminato, poiché i germi presenti negli alimenti vengono distrutti con questo livello di calore.

Altri cibi da evitare durante la gravidanza

Il foie gras fresco o semicrudo non è l’unico commestibile che dovrebbe essere eliminato dalle linee guida delle donne in gravidanza. È sconsigliato anche il consumo di salumi, salse a base di uova crude o formaggi freschi o erborinati. Il motivo è lo stesso: aumenta il rischio di contaminazione batterica del cibo e questo può danneggiare il feto o portare ad aborto spontaneo.

Normalmente, gli alimenti di origine animale hanno un rischio microbiologico maggiore rispetto alle verdure. Per evitare un esito negativo, è sufficiente garantire una cottura completa di carne, uova, latticini e loro derivati. Naturalmente sarà necessario evitare totalmente il consumo di preparazioni come steak tartare e simili.

Lo stesso di cui abbiamo parlato prima vale per il pesce, poiché può essere contaminato anche da batteri e parassiti. Anche l’assunzione di pesci di grossa taglia è sconsigliata, perché al loro interno si accumulano metalli pesanti.

Il calore distrugge i microrganismi patogeni, ma oltre a prestare attenzione alla cottura e alla lavorazione, è necessario prestare molta attenzione alla conservazione degli alimenti.

Guida alla dieta per le donne in gravidanza.
È importante prestare attenzione ai processi di cottura degli alimenti di origine animale per prevenire l’avvelenamento. Ma è anche fondamentale garantire una corretta conservazione degli stessi per prevenire successive contaminazioni.

Alcuni tipi di foie gras possono essere mangiati durante la gravidanza

Come avete visto, ci sono alcune varietà di foie gras che possono essere consumate durante la gravidanza, a patto che siano vendute in scatola e abbiano subito un processo di sterilizzazione termica. In caso contrario, potrebbero esserci dei batteri al suo interno in grado di colpire il feto e sua madre.

Per finire, ricordate che è fondamentale proporre una dieta ottimale durante la gravidanza, che soddisfi le esigenze nutrizionali del binomio. Alcuni integratori sono obbligatori, come l’acido folico. È consigliabile anche considerare un apporto extra di ferro, poiché questo minerale ha un basso tasso di assorbimento e modula il trasporto di ossigeno attraverso il sangue. Un suo deficit può portare all’anemia.

Potrebbe interessarti ...
Consumare finocchio in gravidanza: sì o no?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Consumare finocchio in gravidanza: sì o no?

Il consumo di finocchio durante la gravidanza può essere utile purché sia fatto a livello alimentare e nelle quantità raccomandate.



  • Sacks FM, Lichtenstein AH, Wu JHY, Appel LJ, Creager MA, Kris-Etherton PM, Miller M, Rimm EB, Rudel LL, Robinson JG, Stone NJ, Van Horn LV; American Heart Association. Dietary Fats and Cardiovascular Disease: A Presidential Advisory From the American Heart Association. Circulation. 2017 Jul 18;136(3):e1-e23. doi: 10.1161/CIR.0000000000000510. Epub 2017 Jun 15. Erratum in: Circulation. 2017 Sep 5;136(10 ):e195. PMID: 28620111.
  • Holick MF. The vitamin D deficiency pandemic: Approaches for diagnosis, treatment and prevention. Rev Endocr Metab Disord. 2017 Jun;18(2):153-165. doi: 10.1007/s11154-017-9424-1. PMID: 28516265.