Punture a mare ai bambini: cosa fare in ogni caso?

La gravità delle punture a mare può variare a seconda dell'agente causale e delle difese immunitarie della vittima. Pertanto, sapere come gestire ogni caso è il segreto per una migliore prognosi. Qui trovate di più sull'argomento.
Punture a mare ai bambini: cosa fare in ogni caso?

Ultimo aggiornamento: 08 agosto, 2022

Le punture a mare sono frequenti durante il bagnetto dei bambini o durante una passeggiata in spiaggia. A seconda dei casi, l’intensità può variare, ma in alcune circostanze può influire sul resto della vacanza.

La gestione e le cure che dovrebbero essere messe in pratica in ogni situazione dipendono dal tipo di puntura, dall’agente responsabile e dalla risposta immunitaria del bambino. Pertanto, vi diremo quali sono quegli accorgimenti che non potete ignorare in base al quadro clinico che presenta vostro figlio. Non perdetevi questo post!

Misure di prevenzione per le punture dei bambini in mare

Sebbene si verifichino in modo relativamente frequente, è importante non sottovalutare i danni causati dalle punture in mare. Poiché, ad esempio, quando una punta o una spina rimangono nella pelle, il quadro clinico può peggiorare nel tempo e forzare la fine delle vacanze.

Fortunatamente, la maggior parte delle punture si verificano in acqua salata e di solito non sono gravi o fatali. Tuttavia, alcuni dei sintomi spiacevoli che producono sono i seguenti:

  • Bruciore.
  • Dolore.
  • Rigonfiamento.
  • Eritema (arrossamento) o sanguinamento nella zona lesa.

Nello spazio che segue commenteremo brevemente alcune caratteristiche degli infortuni più frequenti che colpiscono i più piccoli in spiaggia. Scopriamo di cosa si tratta!

Puntura di medusa

neonato bambino tocca una medusa sulla spiaggia curiosità di riva del mare
Le meduse attirano l’attenzione di bambini e anziani, perché il loro aspetto gelatinoso le fa sembrare un oggetto inerte. Tuttavia, il contatto con loro può danneggiare la pelle di esseri umani e animali.

Come regola generale, cercate di evitare di fare il bagno ai vostri piccoli in acque dove si trovano meduse o altre creature marine. Se siete già in acqua e notate la loro presenza, uscite con cautela e il più rapidamente possibile.

Secondo una pubblicazione di Wilderness Environmental Medicine, mentre alcune meduse sono praticamente innocue, altre possono causare reazioni locali intense (prurito e dolore) o altre più generalizzate e gravi.

Le misure di cura che si consiglia di attuare sulle punture di meduse variano a seconda della specie in questione. Tuttavia, in ogni caso, è sconsigliato graffiare o sfregare l’area cutanea interessata, poiché ciò esacerba la reazione infiammatoria locale.

Subito dopo la puntura la pelle non va pulita con acqua dolce, poiché questa soluzione è ipotonica e questo favorisce l’eliminazione dei resti del veleno della medusa.

Infatti, in prima battuta si consiglia di bloccare l’azione della tossina con acido acetico o aceto al 10%.

Quindi, se si osservano dei tentacoli, devono essere rimossi utilizzando guanti e pinzette, seguite dall’applicazione di un antisettico topico 3 volte al giorno per 3 giorni.

Puntura di tracina o pesce ragno

Sebbene la spiaggia non sia l’habitat abituale del pesce ragno, questa specie può apparire sepolta nella sabbia, poiché è molto brava a nascondersi nel suo ambiente. Le punture di questo animale provocano dolore intenso e gonfiore locale, anche se i suoi effetti possono diffondersi in pochi minuti.

La lesione cutanea della vittima si genera quando la vittima calpesta accidentalmente il dorso del pesce, che è parzialmente sepolto nella sabbia. Questa pressione stimola l’aggressività di tre punte, che penetrano nel derma della vittima.

Una volta avvenuta la puntura, si consiglia di sciacquare la pelle lesa con acqua salata, rimuovere le spine con pinzette e guanti e applicare calore locale. Nel caso in cui il dolore persista , si consiglia di assumere analgesici orali, come l’ibuprofene o il paracetamolo.

Punture a mare: il tocco dei ricci di mare

Sebbene la stragrande maggioranza dei ricci di mare non sia velenosa, alcune delle raccomandazioni che The Journal of Dermatological Treatment fornisce per le loro punture includono le seguenti misure:

  1. Uscite dall’acqua e rimuovete i resti delle spine con una pinzetta, mai con le dita o con i denti.
  2. Aggiungere l’aceto per facilitarne la rimozione.
  3. Se il dolore persiste dopo aver rimosso i corpi estranei visibili dalla pelle, è consigliabile rivolgersi al medico per escludere che non siano rimaste spine nella zona interessata. Le punte spesso si rompono all’interno dello spessore del derma, causando dolore cronico e predisponendo alle infezioni.

Se a pungere è l’anemone

Questo tipo di animale invertebrato è molto simile alle meduse. Infatti il solo contatto con i suoi tentacoli provoca lo sviluppo di orticaria, prurito ed eritema localizzato.

Una volta avvenuta la puntura, si consiglia di lavare la ferita con la stessa acqua di mare e di assumere un antistaminico orale per combattere il prurito.

Puntura di un “pomodoro di mare”

Questo animale marino si trova nelle regioni rocciose delle coste e il contatto diretto con esso provoca prurito ed eritema sulla pelle dei bambini, quasi istantaneamente. Sebbene siano molto rari, le reazioni allergiche gravi dovute al loro veleno meritano di essere prese in considerazione.

Punture a mare: il tocco della razza

la manta nuota in acque poco profonde
Le mante possono nuotare in acque poco profonde e possono anche essere parzialmente coperte dalla sabbia sulla riva. Quando vengono calpestati accidentalmente, si difendono con gli aculei della coda e si inoculano la pelle con il loro veleno.

Secondo una pubblicazione della Società spagnola di medicina d’urgenza e di emergenza (SEMES), la puntura della manta è causata dal calpestare accidentalmente l’animale. Ciò è dovuto al fatto che si difende con le spine della coda e inocula la pelle dei bambini con il suo veleno.

In generale, la lesione provocata dalla punta tende a sanguinare e a lasciare una superficie irregolare sulla pelle. Sebbene il dolore avvertito dal bambino sia immediato, di solito scompare spontaneamente tra le 6 e le 48 ore.

Tuttavia, è necessario prestare particolare attenzione affinché non rimangano resti di spine velenose, al fine di evitare infezioni. Inoltre, possono essere necessari un’iniezione antitetanica, antibiotici o, in casi estremi, punti di sutura.

L’importanza di andare dal medico dopo ogni puntura

In conclusione, nel caso in cui un animale punga i bambini a mare, non devono essere usati lacci emostatici o non devono essere aspirate le ferite. Va sempre tenuto presente che la gravità della condizione dipenderà dal veleno inoculato e dalla risposta del corpo del bambino ad esso.

L’ideale è recarsi al pronto soccorso più vicino, in modo che gli specialisti locali possano determinare le misure più appropriate da adottare in ogni caso. Soprattutto se il morso richiede un trattamento urgente o cure mediche importanti.

Potrebbe interessarti ...
Punture di insetto: come influiscono sui bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Punture di insetto: come influiscono sui bambini

Come curare e prevenire le punture di insetto in bambini e neonati è una delle maggiori preoccupazioni di una madre. Oggi rispondiamo alle vostre d...



  • Picaduras de animales marinos. [Internet] Disponible en: http://semesdivulgacion.portalsemes.org/picaduras-de-animales-marinos/
  • Lakkis NA, Maalouf GJ, Mahmassani DM. Jellyfish Stings: A Practical Approach. Wilderness Environ Med. 2015 Sep;26(3):422-9. doi: 10.1016/j.wem.2015.01.003. Epub 2015 Apr 29. PMID: 25935311.
  • Schwartz Z, Cohen M, Lipner SR. Sea urchin injuries: a review and clinical approach algorithm. J Dermatolog Treat. 2021 Mar;32(2):150-156. doi: 10.1080/09546634.2019.1638884. Epub 2019 Jul 11. PMID: 31259638.
  • Madio B, King GF, Undheim EAB. Sea Anemone Toxins: A Structural Overview. Mar Drugs. 2019 Jun 1;17(6):325. doi: 10.3390/md17060325. PMID: 31159357; PMCID: PMC6627431.