Anomalie nell'ombelico del neonato: ernie ombelicali e molto altro

Le tipologie di anomalie nell'ombelico del neonato vanno da un problema di guarigione a un'infezione potenzialmente grave. Sapere cosa sta succedendo è importante per capire come intervenire immediatamente.
Anomalie nell'ombelico del neonato: ernie ombelicali e molto altro
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Il cordone ombelicale è la struttura che unisce il bambino alla madre durante la gravidanza e gli permette di essere nutrito e ossigenato all’interno dell’utero. Alla nascita, questa unione fisica viene interrotta e in seguito la sua cicatrice lascerà il posto all’ombelico che tutti conosciamo. Se questo non avviene, potrebbero esserci anomalie nell’ombelico del bambino.

Durante il periodo di asciugatura e caduta del resto del cordone possono sorgere inconvenienti, alcuni dei quali potenzialmente gravi. Per questo motivo, oggi vogliamo parlarvi delle anomalie nell’ombelico del neonato, in modo che possiate conoscerle e sapere come agire quando le rilevate.

1. Caduta tardiva del cordone ombelicale

Di solito, il moncone (o residuo) del cordone ombelicale si asciuga e cade entro 7-10 giorni dalla nascita. Tuttavia, se questo processo si prolunga e impiega più di 15 giorni per staccarsi, si parla di caduta tardiva del cordone.

In quei bambini senza alcuna malattia pregressa, questo fenomeno può essere correlato ad alcune pratiche igieniche inadeguate o ad un’alterazione dell’adesione dei globuli bianchi. Quest’ultimo non è un problema di per sé, tuttavia la valutazione del pediatra è fondamentale.

Altre volte, la caduta tardiva del midollo fa parte di una serie di manifestazioni cliniche di una malattia, come l’ipotiroidismo congenito.

2. Ernia ombelicale: anomalie nell’ombelico del bambino

ernia ombelicale del bambino dell'addome
Le ernie ombelicali possono essere viste tutto il tempo o con cambiamenti di posizione o stress. In generale, non portano complicazioni per la salute del bambino.

L’ernia ombelicale è un’apertura nella parete addominale che si verifica a causa di un difetto nella chiusura dell’anello ombelicale. Ciò fa sì che alcuni organi e tessuti addominali sporgano dalla cavità, attraverso il suddetto foro, e siano coperti solo dalla pelle.

La dimensione delle ernie è variabile e in alcuni bambini il rigonfiamento diventa visibile sotto sforzo (tosse, pianto o defecazione). Di solito viene rilevato tra la seconda e la terza settimana di vita, dopo che il moncone è caduto.

Quando l’ernia è molto grande e ricoperta solo da uno strato di tessuto molto sottile e trasparente, si parla di onfalocele.

Si stima che 8 ernie ombelicali su 10 si chiudano da sole prima dei 4 anni. Se ciò non si verifica, potrebbe essere necessaria la chiusura chirurgica, a seconda dei casi.

3. Onfalite: le anomalie nell’ombelico del bambino

L’onfalite è l’infezione del cordone ombelicale ed è una condizione di salute potenzialmente grave, che di solito colpisce i neonati nella prima settimana di vita. Di solito ha sintomi lievi, ma se non viene trattata in tempo può peggiorare. Ciò accade perché il neonato non ha le difese necessarie per affrontare i microbi.

La prima causa di onfalite è la colonizzazione di batteri nel moncone del cordone ombelicale, un prodotto di scarsa igiene durante il cambio del pannolino o la cura dell’ombelico. I germi più frequentemente implicati sono lo Staphylococcus aureus (che vive sulla pelle) e l’ Escherichia coli (che costituisce la flora intestinale).

Segni e sintomi di questa condizione includono arrossamento e gonfiore della pelle intorno all’ombelico, dolore e calore al tatto e passaggio di una scarica giallastra e maleodorante attraverso il cordone.

Il trattamento dell’onfalite si basa sull’uso di antibiotici per eliminare i batteri che la producono, oltre a misure per controllare i sintomi, come analgesici e antifebbrili.

4. Granuloma ombelicale

Il granuloma ombelicale è un’altra delle anomalie che possono verificarsi nell’ombelico del neonato. Questo si forma a causa dell’eccessiva crescita del tessuto cicatriziale dopo la caduta del cordone ombelicale.

Si presenta come un piccolo nodulo rossastro e lucido nell’area della cicatrice. In generale misura tra 0,5 e 1 cm di diametro e non fa male.

Per curare questa condizione si può ricorrere all’applicazione del nitrato d’argento, una soluzione che favorisce il recupero del tessuto colpito. Dopo questa procedura, la guarigione quotidiana della ferita viene eseguita con una soluzione alcolica al 70% per una settimana.

5. Ombelico cutaneo e proboscide

Questa anomalia dell’ombelico del neonato consiste in un lembo di pelle di 1-3 cm, che sporge attraverso la cicatrice dopo la caduta del cordone rimanente.

Quando il segmento è corto, il difetto si restringe nel tempo e diventa parte della cicatrice stessa. Questo è noto come ombelico cutaneo. D’altra parte, quando il lembo di pelle è lungo e forma una specie di tubo che non scompare, si chiama proboscide ombelico e richiede una correzione chirurgica.

6. Polipo ombelicale

Questa condizione è spesso confusa con il granuloma ombelicale, sebbene in questo caso vi sia una persistenza del dotto onfalomenterico all’interno del difetto. Poiché questa struttura deve essere completamente chiusa dopo la nascita, un polipo ombelicale richiede spesso un intervento chirurgico .

Il cordone ombelicale infetto è comune.
Il cordone ombelicale è solitamente biancastro all’inizio e poi diventa scuro e asciutto. La pelle circostante dovrebbe mantenere lo stesso aspetto del resto dell’addome.

Monitorare la situazione in caso di anomalie nell’ombelico del neonato

Come abbiamo visto, anche il cordone del neonato può ammalarsi. Per questo motivo è importante valutarlo quotidianamente, ad ogni cambio di pannolino, in modo da rilevare eventuali tratti atipici.

D’altra parte, è fondamentale garantire un’igiene adeguata quando si fa il bagno al bambino e quando si cura il cordone ombelicale per prevenire complicazioni.

Nel caso si osservi una ritardata guarigione del cordone ombelicale, un arrossamento della pelle che lo circonda o un nodulo nella cicatrice dell’ombelico, si consiglia una pronta valutazione da parte del pediatra.

Potrebbe interessarti ...
Quali cambiamenti attraversa l’ombelico durante la gravidanza
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Quali cambiamenti attraversa l’ombelico durante la gravidanza

Nel corso della gestazione, il corpo della donna subisce delle alterazioni. Ecco come cambia l'ombelico durante la gravidanza.



  • Araneda, L. y cols (2015). Patología del ombligo. Revista Pediatría Electrónica. Vol 12, N° 1. ISSN 0718-0918.
  • Asociación española de pediatría (2008). Patología Umbilical Frecuente. Protocolos Diagnóstico Terapeúticos de la AEP: Neonatología. Recuperado de: https://www.aeped.es/sites/default/files/documentos/41.pdf
  • García, A y cols (2019) Patología del área umbilical. Medicina clínica pediátrica. Vol 2, Nº 6, pp. 105-108.
  • Novoa, A. (2004) El pediatra ante un lactante con caída tardía del cordón umbilical. Archivos argentinos de pediatría. Vol. 102 Nº Jul./jun. 2004. Disponible en: http://www.scielo.org.ar/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0325-00752004000300009#:~:text=Se%20considera%20ca%C3%ADda%20tard%C3%ADa%20del,de%20irrigaci%C3%B3n%20y%20la%20necrosis.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.