Assistenza prenatale: perché è importante e di cosa si tratta?

Sottoporsi a controlli prenatali consentono di portare a termine una gravidanza sana e raggiungere il termine della gravidanza. Sapete In cosa consiste ognuno di questi?
Assistenza prenatale: perché è importante e di cosa si tratta?

Ultimo aggiornamento: 12 novembre, 2021

La gravidanza è una fase fisiologica in cui il corpo materno si trasforma per dare vita a un nuovo essere. Sebbene sia un processo naturale, non è privo di complicazioni. Per prevenirle, esistono una serie di cure che compongono l’assistenza prenatale offerta alla donna in gravidanza.

All’interno di questa cura, i controlli medici periodici consentono di individuare precocemente situazioni di rischio che possono compromettere la salute della madre o del bambino. Successivamente, ti diremo come sono e quanto sono importanti in ogni fase della gravidanza.

L’importanza dell’assistenza prenatale

L’assistenza prenatale mira a migliorare o mantenere la salute della madre e del bambino durante la gravidanza.

Si procede con delle visite mediche periodiche, che aumenta di frequenza con l’avanzare della gravidanza.

Durante i controlli prenatali, l’assistenza sanitaria viene fornita attraverso le seguenti strategie:

  • Prevenzione, diagnosi e trattamento tempestivo delle complicanze della gravidanza.
  • Monitoraggio della crescita e della vitalità del bambino.
  • Educazione per le donne e le loro famiglie sui temi legati al parto e al postpartum.
  • Trattamento dei sintomi o dei disagi tipici della gravidanza.
  • Preparazione della donna incinta per la nascita del bambino.

Secondo i dati del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, i bambini nati da madri che non hanno ricevuto un’adeguata assistenza prenatale possono soffrire di varie complicazioni di salute.

Si stima che questi bambini triplichino il rischio di basso peso alla nascita rispetto ai figli di madri che hanno partecipato a tutti i controlli. E inoltre, hanno cinque volte più probabilità di morire rispetto a quest’ultimo.

Inoltre, l’ OMS afferma che l’assistenza prenatale di almeno 8 incontri può ridurre le morti perinatali fino a 8 su 1000 nascite. In questo senso, l’assistenza prenatale può prevenire le complicazioni della gravidanza, del parto e del post-partum.

I controlli prenatali aiutano anche le donne incinte a vivere più serene durante la gravidanza ea prepararsi fisicamente e psicologicamente per quello che verrà.

Cosa aspettarsi dalla prima visita

Visita medica in gravidanza.

Se avete il sospetto di una gravidanza o se avete già avuto conferma con un test fai-da-te, è importante fissare un appuntamento per il primo controllo prenatale. Sarebbe opportuno  iniziare tra le settimane 6 e le otto 8 successive all’ultimo ciclo.

Durante questa visita incontrerai l’ostetrico-ginecologo e l’ostetrica infermiera che ti accompagneranno durante questa fase. Inoltre, in questa consultazione il medico si dedica a raccogliere informazioni importanti, a conoscere il tuo stato di salute ea stabilire il grado di probabile rischio della tua gravidanza.

Tra i dati più rilevanti della tua storia, spiccano i seguenti:

  • Anamnesi medica e ginecologica.
  • Precedenti interventi chirurgici.
  • Gravidanze precedenti.
  • Anamnesi familiare.
  • Consumo di droghe e altre sostanze, come caffeina, alcol, sigarette e droghe d’abuso.

Quindi viene stimata la probabile data di consegna, in base al giorno dell’inizio della tua ultima mestruazione. Questa data serve come guida per valutare l’evoluzione della gravidanza e della crescita fetale, nonché per programmare il parto.

Successivamente, l’équipe ostetrica esegue un esame fisico completo e presta particolare attenzione al seno, al bacino e al tratto genitale. Oltre a questo, vengono valutati i seguenti aspetti della donna incinta:

  • Pressione sanguigna.
  • Peso e altezza.
  • Indice di massa corporea.
  • Pap-test.

A complemento dell’esame clinico, sono richiesti alcuni esami di laboratorio, come un esame del sangue, un esame delle urine, o test di immunità.

Prima di finalizzare la consultazione, il medico e l’ostetrica si prendono qualche minuto per chiarire i dubbi legati alla gravidanza, i cambiamenti inerenti a questa fase e le pratiche o abitudini salutari che la donna dovrebbe adottare da questo momento in poi. Tra questi, la cura del cibo, la necessità di integratori vitaminici e lo sport.

Visite dall’ostetrica

Le visite ostetriche sono programmate in base alla settimana di gestazione e allo stato di salute della madre e del bambino. In generale, si segue questo schema di controllo:

  • Ogni quattro settimane: fino a 28 settimane di gravidanza.
  • Ogni due settimane: dalla settimana 28 alla 36 inclusa.
  • Una volta alla settimana: dalla settimana 37 fino alla consegna.

In caso di gravidanza ad alto rischio, il regime viene adattato alle esigenze individuali ea quanto ritenuto opportuno dal medico.

Test e assistenza prenatale

Si tratta di esami di laboratorio o di imaging che vengono eseguiti per integrare le informazioni ottenute durante la consultazione.

Analisi di laboratorio

All’interno degli esami di laboratorio vengono valutati alcuni aspetti fondamentali della salute della gestante, quali:

  • Gruppo sanguigno materno: vengono determinati il gruppo ABO e il fattore RH. Deve essere eseguito anche dal padre del bambino e in caso di incompatibilità va aggiunto il test di Coombs per rilevare se la donna ha anticorpi anti-Rh.
  • Ematologia: vengono testati i livelli di emoglobina, la conta dei globuli bianchi e le piastrine.
  • Glicemia: viene eseguita per rilevare il rischio di diabete gestazionale.
  • Test delle urine: utilizzato per determinare la presenza di batteri nelle urine o per diagnosticare infezioni del tratto urinario che non mostrano sintomi.
  • Immunità alle infezioni: vengono eseguite cercando anticorpi contro alcuni germi noti, come quelli che causano la rosolia, la toxoplasmosi o l’HIV, tra gli altri.
  • Altri test: test genetici, che servono per rilevare alterazioni dei cromosomi (come la sindrome di Down) o il tampone delle secrezioni perianali per rilevare lo Streptococco di gruppo B nella madre.

L’ecografia fetale fa parte dell’assistenza prenatale

Ecografia fetale.

Questo tipo di esame complementare serve per osservare il bambino all’interno dell’utero e corroborare la sua crescita adeguata, tra le altre cose. In generale, viene eseguito nelle seguenti fasi della gravidanza:

  • Tra le 11 e le 14 settimane è possibile determinare l’età gestazionale del nascituro e si valuta anche la struttura e la funzione della placenta (mediante eco Doppler dell’arteria uterina).
  • Tra la 2oesima e la 22esima settimane la donna può sottoporsi a un’ecografia morfologica atta a valutare la crescita fetale, la formazione degli organi, il sesso, la posizione della placenta e il cordone ombelicale. Inoltre, serve a rilevare nel tempo eventuali malformazioni congenite.
  • La crescita fetale, il modo in cui è posizionato il feto (testa, podalica o trasverso), la quantità di liquido amniotico e l’integrità della placenta sono oggetto di valutazione tra le settimane 32 e 38.

Non saltate le visite mediche ostetriche!

L’esecuzione tempestiva di tutti i controlli prenatali è il modo migliore per mantenere una gravidanza sana fino alla 40a settimana di gestazione.

Oltre ai controlli programmati, ricordati di recarti dal medico se hai febbre, forti dolori addominali o sanguinamento e quando compaiono sintomi che il tuo ginecologo ti ha allertato.

Potrebbe interessarti ...
Uno studio rivela: l’esercizio fisico aumenta i benefici del latte materno
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Uno studio rivela: l’esercizio fisico aumenta i benefici del latte materno

L'esercizio fisico aumenta i benefici del latte materno per i bambini? Probabilmente sì e vi spieghiamo tutto in questo articolo.