8 chiavi per agire quando vostro figlio viene escluso

È importante sapere cosa motiva alcuni bambini a escluderne altri. Solo così possiamo fornire gli strumenti giusti.
8 chiavi per agire quando vostro figlio viene escluso

Ultimo aggiornamento: 08 agosto, 2022

La scuola è uno spazio in cui i bambini sviluppano legami di amicizia che durano tutta la vita. Tuttavia, stabilire queste relazioni non è sempre facile e in alcune fasi dell’infanzia è comune vedere che alcuni bambini ne escludono altri. E può succedere che vostro figlio sia uno di loro.

Cosa dovrebbero fare i genitori in questi casi? Intervenire? Parlare con la scuola? Vediamo quali sono le possibilità.

Parlare e ascoltare, le prime due chiavi

Quando noi genitori scopriamo che c’è qualcuno che sta facendo del male a nostro figlio, ci sentiamo davvero male. L’impotenza germoglia e ci resta quell’informazione che ci brucia, senza uscire a cercarne altre.

A volte i bambini ci dicono che non giocano con nessuno, ma poi vediamo che non giocano davvero con quella “persona speciale” con cui vorrebbero giocare o che non hanno giocato con certe persone per alcuni giorni.

Sebbene l’argomento sia rilevante, non è un grosso problema come sembra. Ciò non significa che non debba essere preso sul serio, perché il bambino ha difficoltà per questo motivo. Ma il percorso per aiutarlo a risolvere il suo disagio è diverso a seconda dei casi.

È molto importante sondare e sapere cosa sta succedendo a nostro figlio. Che, da adulti, cerchiamo di mantenere un ascolto aperto, libero da pregiudizi, per capire senza sottovalutare o ingigantire.

Programmi per la prevenzione del bullismo.
Se vostro figlio è escluso dal suo gruppo di coetanei, scoprite meglio di cosa si tratta. Mantenete la calma e intrattenete un dialogo aperto, in modo che possa aprirsi con voi.

Cosa fare a casa quando altri bambini escludono vostro figlio?

Successivamente, vi forniremo alcune strategie per accompagnare vostro figlio quando si sente escluso e aiutarlo a risolvere le difficoltà con i suoi coetanei. Prendete nota!

1. Aiutare vostro figlio a risolvere le sue difficoltà

Molte volte, la chiave è lavorare sulle abilità sociali ed emotive dei bambini a casa. E prima lo si fa, meglio è.

Ad esempio, se ogni volta che sbaglia o perde in una partita, si arrabbia e litiga con i suoi amici, alla fine nessuno vorrà giocare con lui. Pertanto, sebbene essere esclusi non sia una situazione piacevole, è meglio prendere gli insegnamenti di questa situazione e rifletterci sopra.

È importante accompagnare i bambini nell’instaurazione delle relazioni interpersonali e instillare in loro le capacità necessarie per legarsi in modo sano con gli altri.

Giustificare il loro comportamento, ritenersi colpevoli o mantenere per loro solo la sanzione non è una soluzione al problema. Aiutarli a risolvere le difficoltà da soli li gioverà per tutta la vita.

2. Aiutare a rafforzare la sua autostima

Ciò significa rafforzare i suoi risultati e le sue caratteristiche, aiutarlo a sentirsi sicuro di sé e di ciò che sta facendo, sfidarlo a imparare e incoraggiarlo a ottenere di più. Così, può anche imparare ad affrontare le situazioni avverse che si presentano.

3. Insegnargli a rispettare se stesso

In relazione al punto precedente, è fondamentale lavorare sull’idea che vostro figlio non debba cambiare per compiacere gli altri o per far parte di un gruppo.

4. Aiutarlo a stabilire dei limiti e a dire di no

Ha anche a che fare con il rispetto di sé. Cioè, non deve sottoporsi a “prove di amicizia”, fare cose che non gli piacciono o sopportare l’umiliazione o le prese in giro solo per avere amici.

È necessario rafforzare il concetto che l’amicizia è una relazione che dovrebbe essere buona e che il sentimento che si genera tra due amici deve essere reciproco.

5. Incoraggiarlo a parlare ed esprimere le sue emozioni

Se tuo figlio è molto tranquillo, puoi provare alcune domande aperte che lo incoraggiano a raccontarti di più sulla sua giornata a scuola. Inoltre, puoi condividere le tue esperienze scolastiche di anni fa o come ti sei sentito al lavoro durante il giorno.

I bambini hanno bisogno di sapere che la famiglia è un ambiente sicuro e di fiducia per esprimersi e che parlare non li rende “stupidi”, “piagnucoloni” o vulnerabili.

6. Non sottovalutare mai come si sente tuo figlio

Tanto meno se viene a dirvi cosa c’è che non va. È importante entrare in contatto con la situazione e, se necessario, coinvolgere la scuola.

In linea di principio, è necessario valutare la gravità della questione e aiutare il bambino con consigli e strumenti affinché lui stesso possa risolvere il proprio conflitto scolastico. In questo modo rafforziamo il suo valore e non ne facciamo una vittima passiva.

Tuttavia, tutto dipenderà da come andranno le cose. Non è lo stesso che uno dei suoi compagni di classe non lo inviti a giocare a casa sua dopo la lezione perché tutto il gruppo lo insulti o lo violi durante la ricreazione.

madre e figlio camminano per strada
Condividete le vostre esperienze di vita con i vostri figli e offrite loro consigli e strumenti in modo che possano andare avanti da soli. Incoraggiarli a sentirsi utili è molto più vantaggioso che sentirsi dispiaciuti per loro.

7. Parlare con vostro figlio e incoraggiarlo a riconoscere le amicizie che ha già

Potrebbe avere un amico o due, ma è prezioso circondarsi di persone che lo apprezzano.

8. Iscrivere il bambino a uno sport o a un’attività al di fuori della scuola

Questa strategia può funzionare come un nuovo inizio e un’opportunità per incontrare nuove persone con cui condivide interessi. Interagire con altre persone può aiutare il bambino a rafforzare la sua autostima e la sua sicurezza per gestire da solo le sue relazioni.

Trovare un momento della giornata per condividere esperienze con i figli

Una volta che i bambini accettano di condividere con noi come si sentono, dobbiamo aiutarli a rafforzare alcune abilità e svilupparne altre. Sapere cosa sta causando il problema ci guida a procedere in modo appropriato.

Potrebbe interessarti ...
Bambini che escludono gli altri: cosa fare per correggere questa tendenza?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Bambini che escludono gli altri: cosa fare per correggere questa tendenza?

Prima di trarre delle conclusioni sul perché ci sono bambini che escludono gli altri, dovremmo porci delle domande e scavare a fondo.



  • Zayas Pérez, Federico, & Castellanos Pierra, Lidia Isabel (2019). La exclusión entre pares: sus implicaciones en la formación de los y las estudiantes. Diálogos sobre educación. Temas actuales en investigación educativa, 10(19), .[fecha de Consulta 19 de Abril de 2022]. ISSN: . Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=553461754003
  • Razeto, Alicia. (2016). El involucramiento de las familias en la educación de los niños: Cuatro reflexiones para fortalecer la relación entre familias y escuelas. Páginas de Educación9(2), 184-201. Recuperado en 19 de abril de 2022, de http://www.scielo.edu.uy/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1688-74682016000200007&lng=es&tlng=es.