Scegliere i paracapezzoli più adatti a noi: come fare?

I paracapezzoli sono un accessorio per l'allattamento che può aiutarci se abbiamo difficoltà ad allattare. Ma sapete come scegliere quelli adatti a voi?
Scegliere i paracapezzoli più adatti a noi: come fare?

Ultimo aggiornamento: 10 maggio, 2022

Garantire l’allattamento al seno è considerato spesso naturale e molte volte non avviene spontaneamente come si pensa. Per questo motivo il supporto degli operatori sanitari è fondamentale per mettere in atto diverse strategie per questa pratica. Ad esempio, per supportare la mamma che deve scegliere i paracapezzoli più adatti per lei.

Attualmente, l’indicazione di questi accessori per l’allattamento al seno è stata limitata a casi specifici. E vista la necessità del suo utilizzo, è importante sapere quali tipi di paracapezzoli esistono e come scegliere il più appropriato.

” L’allattamento al seno salva la vita. I suoi benefici aiutano a mantenere i bambini sani nei loro primi giorni di vita e durano fino all’età adulta. Tuttavia, l’allattamento al seno richiede supporto, incoraggiamento e guida.

-Henrietta H. Fore, UNICEF-

Cosa sono e come scegliere i paracapezzoli e a cosa servono?

I paracapezzoli sono elementi atti a favorire l’aggancio del bambino al grembo materno, nei casi in cui questo risulta difficoltoso.

Si tratta di dispositivi di protezione in silicone sottili e trasparenti, a forma di coppa e perfettamente adattati al rilievo dell’areola e del capezzolo. Sulla punta hanno dei piccoli fori che permettono al latte di fuoriuscire, in modo che il bambino possa succhiare il latte dal seno materno.

protezione per capezzoli protezione per capezzoli accessorio per l'allattamento al seno scatola di plastica in silicone

Scegliere i paracapezzoli e utilizzarli

Questo elemento è ampiamente noto alle mamme e alle future mamme. In effetti, è un must nella lista della spesa delle neo-mamme, anche se molte donne, poi, non ne hanno bisogno.

Attualmente, l’uso dei paracapezzoli ha indicazioni precise e viene solitamente lasciato come ultima opzione, quando le modifiche alla tecnica di allattamento al seno sono insufficienti.

Nelle prossime righe, vi daremo alcune indicazioni che riportano prove a favore del suo utilizzo.

Indicazioni per l’uso

  • Bambini prematuri che non hanno abbastanza forza per succhiare direttamente sul capezzolo.
  • Frenulo linguale corto.
  • Difficoltà di presa, che non cambiano con i cambi di posizione.
  • Bambini che rifiutano il seno dopo aver ricevuto un biberon (confusione tetta-capezzolo).
  • Quei casi in cui la madre trae beneficio dal suo utilizzo e lo desidera.

In caso di ferite o crepe ai capezzoli, l’uso di paracapezzoli è controverso. Mentre evitare il contatto della bocca del bambino con la pelle ferita può ridurre il dolore, lo sfregamento del silicone può ulteriormente macerare il tessuto danneggiato.

Miti sull’uso dei paracapezzoli

L’uso di paracapezzoli come strategia di preparazione all’allattamento al seno durante la gravidanza è una semplice credenza popolare.

Secondo uno studio multicentrico, non ci sono prove a sostegno della necessità di indossare paracapezzoli o eseguire esercizi di stimolazione per migliorare i capezzoli durante la gravidanza. In effetti, questo potrebbe ritorcersi contro.

Dopo la nascita, l’indicazione di paracapezzoli nelle madri con capezzoli piatti o invertiti è limitata ai singoli casi. Non ci sono studi che ne abbiano dimostrato l’efficacia universale.

Come scegliere i paracapezzoli più adatti a noi?

Non tutte i paracapezzoli sono adatti a tutte le madri. Per questo motivo, è importante consultare il proprio consulente per l’allattamento, per scegliere i paracapezzoli più appropriato per te.

Attualmente sono fabbricati a base di silicone adatto a questo uso, ma ci sono modelli più vecchi realizzati con gomma. Il vantaggio dei primi è che sono più flessibili e si adattano meglio alla pelle del petto.

Per quanto riguarda la taglia, è importante tenere in considerazione il diametro del capezzolo. Per questo motivo, dovresti misurare la larghezza della sua faccia anteriore. In generale, i diversi marchi offrono tre dimensioni: 16, 20 e 24 millimetri.

donna prova capezzolo scudo busto taglia capezzolo reggiseno corpetto accessorio per l'allattamento al seno

Rischi connessi ad un uso scorretto

L’uso dei paracapezzoli dovrebbe essere supervisionato dai consulenti per l’allattamento, che dovrebbero formare la madre sulle necessarie pratiche igieniche e di sicurezza.

Alcune delle complicazioni associate all’uso inappropriato di questi accessori sono le seguenti:

  • Ritenzione di latte nei dotti mammari, per insufficiente svuotamento.
  • Mastite, dovuta a congestione dei dotti e superinfezione da batteri della pelle.
  • Peggioramento delle screpolature del capezzolo, dovuto allo sfregamento del silicone sul tessuto danneggiato.

A proposito di paracapezzoli durante l’allattamento

Qualora siano necessarie, il loro uso sarà giustificato. Ma è consigliabile non prendere alla leggera il problema e chiedere una consulenza professionale prima dell’acquisto. Dunque, consultate la vostra ostetrica, consulente per l’allattamento, infermiere o qualsiasi altro professionista sanitario qualificato.

È importante sapere che l’uso di paracapezzoli non migliora la tecnica di suzione del bambino, quindi è obbligatorio correggere il problema alla radice, in modo che l’allattamento al seno continui con successo.

This might interest you...
Pro e contro dell’allattamento materno
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Pro e contro dell’allattamento materno

Qual è il modo migliore di alimentare il nostro bebè? L'allattamento materno presenta molti aspetti positivi, ma anche alcuni negativi.