Mantenere la calma quando il bambino piange

Un pianto inconsolabile può essere estenuante e disperato. Ma se imparate a mantenere la calma, aiuterete voi stessi e il vostro bambino. Scoprite come riuscirci.
Mantenere la calma quando il bambino piange

Ultimo aggiornamento: 14 novembre, 2022

Il pianto di un piccolo è un suono straziante per sua madre. È un meccanismo adattivo che assicura che i principali caregiver si prendano prontamente cura del bambino quando richiede la loro attenzione. Tuttavia, quando tutto è stato provato e il pianto non si ferma, è normale che appaiano frustrazione, disperazione e scoraggiamento. Pertanto, vogliamo offrirvi alcuni suggerimenti per mantenere la calma quando il bambino piange.

Sappiamo tutti che avere un bambino in casa significa convivere più o meno spesso con il pianto. Siamo consapevoli che questo è l’unico meccanismo che il bambino ha per comunicare e siamo aperti ad affrontarlo e rispondervi.

Tuttavia, alcuni bambini hanno un temperamento più complicato o attraversano fasi in cui la loro irrequietezza impedisce il corretto riposo dei genitori, quindi inizia a influire sulla loro salute. Come agire in questi casi? Ve lo diciamo.

L’importanza di mantenere la calma quando il bambino piange

Sappiamo che non è facile mantenere la calma quando il bambino piange, ma è fondamentale che, come madre, facciate uno sforzo in più per mantenere la calma in queste situazioni. Questo perché è che il vostro stato emotivo ha un’enorme influenza sul bambino.

Ricordate che i bambini non sono ancora in grado di autoregolarsi. Pertanto, quando provano dolore, disagio, paura, fame o qualsiasi altra sensazione negativa, hanno bisogno delle loro figure di attaccamento per ricevere sostegno e conforto e ripristinare il benessere.

Mantenere la calma.
I bambini sono estremamente sensibili alle emozioni dei loro caregiver e tendono a mimetizzarsi con loro. Pertanto, se perdete la pazienza, sarà impossibile consolare e rassicurare il piccolo.

Sapere cosa fare per mantenere la calma quando il bambino piange

Ricordate che siete voi il pilastro e la figura di riferimento per il vostro bambino. Pertanto, dovete essere stabili per fornirgli le cure e l’ambiente rilassato di cui ha bisogno. Questo è molto più facile a dirsi che a farsi, ma ci sono alcuni suggerimenti che possono essere utili.

Ricordate che c’è sempre un motivo

Quando nulla sembra funzionare per calmare il bambino, potreste pensare che vi stia manipolando emotivamente o che voglia solo attenzioni, ma niente è più lontano dalla verità. I bambini non hanno la complessità cognitiva per farlo, quindi le loro azioni sono sempre motivate da un reale bisogno. Ecco perché potrebbe sentirsi stanco, assonnato, affamato o infreddolito; forse il piccolo è stanco e non riesce a dormire, oppure, ancora, si sente male. Sapere che c’è un motivo per il suo pianto vi aiuterà a rimanere calmi e più compassionevoli.

Siete dei bravi genitori

Questo è un altro dei messaggi ineludibili che dovreste sempre tenere a mente. Siete brave madri, anche se il vostro bambino non smette di piangere. Dopo diversi tentativi di confortarlo, potreste iniziare a sentirvi frustrati, goffi e in colpa, ma questo aumenterà solo la vostra ansia. Non giudicate e non siate duri con voi  stessi.

Tenete presente che tutte le madri attraversano questa situazione più volte e questo non dice nulla sulla loro capacità di svolgere il proprio ruolo. Semplicemente, i bambini piangono e non è sempre facile calmarli.

La vostra presenza e il contatto sono molto preziosi

Non sapete cosa fare per rassicurare vostro figlio? Siate presenti, rimanete al suo fianco, stategli il più vicino possibile. Che ci crediate o no, la vostra presenza ha un potente effetto confortante sul bambino, dal momento che siete voi il suo posto sicuro. Anche quando il suo pianto continua, sappiate che stare al suo fianco lo aiuta a sentirsi amato e al sicuro, il che è davvero prezioso.

Quindi, se volete rendere più vive queste emozioni positive, stabilite un contatto pelle a pelle. Per fare ciò, dovete posizionare il bambino con solo il pannolino sul petto nudo.

Sentire il calore corporeo della madre e il ritmo del suo respiro, così come ascoltare il suo battito cardiaco, hanno un effetto molto benefico sul bambino.

Imparate a rilassarvi per mantenere la calma

Se non riuscite a calmare il bambino, iniziate cercando di regolare la vostra ansia. Come abbiamo detto, questo avrà un impatto diretto sull’umore del bambino. Pertanto, riproducete della musica rilassante o luci soffuse per regolare l’ambiente. Potreste anche praticare qualche tecnica di respirazione. Imparate a regolare le vostre emozioni: è essenziale per aiutare vostro figlio ad affrontare le sue.

Conoscete i vostri limiti e rispettateli

Infine, è normalissimo che a un certo punto la disperazione prenda il sopravvento e vi sentiate come se non ce la faceste più. Non sentitevi in colpa, è naturale. Tuttavia, imparate a identificare i momenti in cui raggiungete il limite e chiedete aiuto.

Forse il vostro partner, un familiare o un caro amico può prendere il controllo del bambino per alcuni istanti. Questo vi aiuterà entrambi a schiarirvi le idee. Non abbiate paura di delegare, non dovete essere perfetti.

Insomma, è probabile che durante i primi anni di maternità vi troverete ad affrontare situazioni di questo tipo in più occasioni. Pertanto, è necessario che armirvi di pazienza, comprensione e compassione verso voi stessi.

Ricordate che siete le migliori madri per vostro figlio. A volte i bambini hanno bisogno di piangere per liberare energia. Se avete già verificato che sta bene, state semplicemente al loro fianco e trasmettete loro amore e calma. Questo è molto più prezioso di quanto pensiate.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza del pianto nei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
L’importanza del pianto nei bambini

Qual è l'importanza del pianto? Entro una certa età, questo è l'unico modo in cui i bambini possono mostrare le proprie emozioni.



  • Gorrita Pérez, R. R., Bárcenas Bellót, Y., Gorrita Pérez, Y., & Brito Herrera, B. (2014). Estrés y ansiedad maternos y su relación con el éxito de la lactancia materna. Revista cubana de pediatría86(2), 0-0.
  • Cerezo, M. Á., Trenado, R. M., & Pons-Salvador, G. (2006). Interacción temprana madre-hijo y factores que afectan negativamente a la parentalidad. Psicothema18(3), 544-550.