Ecografia morfologica: perché è importante?

L'ecografia morfologica è uno dei principali studi sulla gravidanza. E inoltre, permette di conoscere il futuro bambino dalla testa ai piedi, letteralmente.
Ecografia morfologica: perché è importante?

Ultimo aggiornamento: 08 ottobre, 2021

La gravidanza richiede la duplicazione dell’assistenza sanitaria per garantire il benessere della madre e del bambino. Una delle strategie più efficaci per controllarlo è eseguire studi sugli ultrasuoni. All’interno di questi, l’ecografia morfologica gioca un ruolo fondamentale. Sapete di cosa si tratta?

Che cos’è un’ecografia morfologica?

Si tratta di uno studio non invasivo che cerca di valutare come si sviluppa il corpo del bambino all’interno del grembo materno. Attraverso di essa è possibile rilevare tempestivamente alcune patologie fetali come le malformazioni congenite.

Questo studio viene effettuato tramite uno speciale dispositivo che emette onde sonore ad alta frequenza nell’addome della donna.

Il suono si disperde attraverso il liquido amniotico e “scontra” con le diverse strutture del bambino. Questo genera un segnale di risposta (eco), che viene catturato da un computer e visualizzato come un’immagine bidimensionale o tridimensionale del bambino.

Il polidramnios può essere pericoloso

Gli ultrasuoni servono a molti scopi durante la gravidanza. Tuttavia, quelli del secondo trimestre hanno come obiettivo principale quello di valutare come si sono formati i diversi organi del bambino.

Successivamente, illustreremo in dettaglio gli scopi dell’ecografia morfologica (Puerto, 2018):

  • Valutare l’anatomia del bambino: si ha la conferma che gli organi sono correttamente formati e che le strutture fetali mantengono le corrette proporzioni. Se vengono rilevate malformazioni, la valutazione viene completata con studi più specializzati.
  • Osservare la crescita fetale: a seconda dell’età gestazionale del bambino, si determina se il tasso di crescita è appropriato o se il bambino presenta un ritardo della crescita intrauterina.
  • Calcolare il volume del liquido amniotico: tramite alcuni parametri di misurazione, come l’indice del liquido amniotico (IMA), è possibile rilevare la presenza di un eccesso (polidramnios) o di un deficit (oligoidramnios) di liquido amniotico.
  • Esaminare le condizioni della placenta: principalmente, si analizza la posizione di questo organo rispetto all’osso cervicale interno e il sito in cui si trova il cordone ombelicale.

Quando eseguire un’ecografia morfologica

Entro la metà del secondo trimestre di gravidanza, la maggior parte degli organi e delle strutture del feto è già sufficientemente formata. Per questo motivo è considerato il momento ottimale per eseguire l’ecografia morfologica.

Gli specialisti raccomandano di condurre questo studio tra la settimana 18 e la settimana 20 di gestazione. In questo lasso di tempo coincidono tre fattori che determinano il successo dello studio:

  • Le ossa del bambino non hanno ancora molto calcio e questo permette il corretto esame delle strutture interne del feto.
  • La quantità di liquido amniotico è adeguata in modo che le onde sonore si distribuiscano su tutta la superficie del feto.
  • La dimensione del bambino è abbastanza grande da osservare in dettaglio come si sono formati i suoi organi.

Fatti che dovreste sapere

L’ecografia morfologica viene utilizzata per rilevare nel tempo diverse malformazioni o anomalie congenite nel feto. Sebbene non tutte queste malattie siano note, la loro frequenza di comparsa non è trascurabile.

Si stima che 1 bambino su 33 nato nel mondo soffra di qualche difetto congenito e più di 3 milioni di bambini soffrano di qualche disabilità dovuta a questa causa (PAHO, 2015).

Sebbene l’ecografia non possa impedire lo sviluppo di nessuna di queste condizioni, offre alle famiglie la possibilità di ricevere i trattamenti necessari per ridurre il rischio di morte o complicazioni nella salute dei bambini.

Per questo motivo è estremamente importante effettuare questo ed altri controlli sanitari durante la gravidanza, soprattutto nelle gravidanze ad alto rischio.

Fa male?

Sicuramente l’ecografia morfologica non provoca dolore né alla mamma né al bambino.

Viene eseguita utilizzando un’apparecchiatura a ultrasuoni, che consiste in un computer e un trasduttore di segnale. Quest’ultimo è ciò che viene posto sulla pelle del grembo materno.

secondo trimestre ecografia ecografia morfologica prevenzione fetale screening screening malformazioni congenite fetali trasduttore genico ecografia mano medico ecografista

Per spostare il dispositivo da un lato all’altro dell’addome, viene utilizzato un gel, che evita qualsiasi dolore, prurito o sensazione sgradevole.

D’altra parte, le onde sonore che vengono emesse nell’utero della madre non causano dolore o sofferenza al bambino.

Ci sono dei rischi?

Gli ultrasuoni sono studi sicuri sia per la madre che per il suo bambino, poiché non comportano alcun rischio presente o futuro.

Le pressioni sull’utero sono lievi e non aumentano la probabilità di complicanze da traumi esterni.

Per quanto riguarda le onde sonore, non rappresentano un rischio per la salute del feto, come fanno i raggi X.

Esegue una diagnosi accurata?

Si tratta di uno studio sufficientemente affidabile, purché eseguito con l’attrezzatura adeguata e l’operatore (di solito un medico) sia sufficientemente formato. Per questo motivo si dice che sia uno studio “operatore dipendente”, poiché il suo successo dipende dalla mano umana che lo realizza.

L’ecografia morfologica è una procedura di routine che cerca di rilevare quelle gravidanze con un possibile rischio di malformazioni congenite. In caso di rilevamento di un’alterazione nell’organismo del bambino, è necessario ripeterlo dopo alcune settimane e indicare un altro tipo di ecografia più specifica. Ad esempio, quegli studi che includono un doppler fetale.

Sull’importanza dell’ecografia morfologica

Come abbiamo sottolineato in tutto l’articolo, gli ultrasuoni sono studi semplici, non invasivi e molto sicuri per la mamma e il suo bambino. Grazie ad essi è possibile ottenere informazioni utili al momento opportuno, per offrire alle famiglie i consigli e gli interventi necessari, al fine di minimizzare i rischi futuri.

Non dimenticate che il rispetto di tutti i controlli ostetrici e gli studi di routine è il modo migliore per dare una buona salute al vostro futuro bambino.

Potrebbe interessarti ...
Esami da fare in gravidanza: quali e perché?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Esami da fare in gravidanza: quali e perché?

Gli esami da fare in gravidanza sono essenziali per garantire la salute del feto e della madre. Bisogna avere pazienza, ma sono estremamente import...



  • Puerto B. Segundo trimestre. ecografía morfológica y cribado de patología. Capítulo 11. En: Gratacós E, Figueras F, Martínez JM. Medicina Fetal. 2da Edición. Barcelona: Panamericana. Año 2018.
  • Richards D. Ecografía obstétrica: estudios de imagen, establecimiento de fechas, crecimiento y anomalías. Capítulo 9. En: Gabe S et al. Obstetricia. Embarazos normales y de riesgo. 7ma edición. España: Elsevier. Año 2019.
  • Callen P, Norton M. Ecografía Obstétrica. Capítulo 1. En: Norton M. Callen. Ecografía en obstetricia y ginecología. 6ta edición. España: Elsevier. Año 2018.
  • Reddy UM, Abuhamad AZ, Levine D. Saade GR. Fetal imaging: executive summary of a joint Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, Society for Maternal-Fetal Medicine, American Institute of Ultrasound in Medicine, American College of Obstetricians and Gynecologists, American College of Radiology, Society for Pediatric Radiology, and Society of Radiologists in Ultrasound Fetal Imaging Workshop. Obstet Gynecol. 2014;123:1070-1082. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24764329/
  • American Academy of Pediatrics. Malformaciones congénitas. Genetics in Primary Care Institute – AAP. Healthy children. [Internet] Última actualización 2019. Disponible en: https://www.healthychildren.org/Spanish/health-issues/conditions/developmental-disabilities/Paginas/Congenital-Abnormalities.aspx
  • Organización Panamericana de la Salud. Las anomalías congénitas son la segunda causa de muerte en los niños menores de 5 años en las Américas. [Internet] Marzo 2015. Disponible en: https://www3.paho.org/hq/index.php?option=com_content&view=article&id=10487:2015-anomalias-congenitas-segunda-causa-muerte-ninos-menores-5-anos-americas&Itemid=1926&lang=es