11 frasi di Mafalda per educare all'uguaglianza

11 frasi di Mafalda per educare all'uguaglianza
Mara Amor López

Scritto e verificato da la psicologa Mara Amor López.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Nella società odierna è ancora difficile educare all’uguaglianza. Sebbene attualmente ci siano molti movimenti per l’uguaglianza di genere, la verità è che il modo di educare i figli è in qualche modo diverso da quello delle figlie. Qui parleremo delle frasi di Mafalda che potete usare per educare i vostri figli all’uguaglianza.

Il fumettista di Mafalda, Quino (Joaquín Lavado, Argentina, 1932-2020), ha concepito una ragazza che cerca di risolvere il dilemma di chi sono i buoni e chi sono i cattivi in questo mondo”. Dalle sue frasi potete conoscere l’autostima, i lavori domestici, l’educazione, i diritti, la pressione dell’immagine sulle donne, ecc.

È importante che non solo le scuole educano i bambini a questi aspetti, ma che la famiglia ei genitori abbiano un atteggiamento di equità anche a casa. A seguire, vedremo alcune frasi di Mafalda per educare all’uguaglianza.

Parità dei sessi.

Le frasi di Mafalda per educare alla parità: cosa fare da scuola?

Affinché ci sia un’educazione all’uguaglianza, essa deve essere promossa fin dal momento in cui i bambini entrano negli asili nido. Per questo è importante che nei più piccoli si sviluppi il pensiero critico, per poter affrontare i diversi stereotipi o generalizzazioni in cui le ragazze, in molte occasioni, sono le sconfitte.

Per questo dalla scuola è necessario dimostrare che tutti, ragazzi e ragazze, possono fare tutto, nelle possibilità e nelle caratteristiche individuali di ognuno, indipendentemente dal genere.

L’uso di giochi inclusivi in cui i ruoli maschili e femminili non sono incoraggiati, ma piuttosto il lavoro di squadra per raggiungere l’obiettivo del gioco, è qualcosa che dovrebbe essere preso in considerazione nelle scuole.

Le frasi di Mafalda per educare alla parità: cosa fare a casa?

Certo, deve essere chiaro che la scuola non è l’unica che deve occuparsi dell’educazione dei bambini all’uguaglianza. Genitori e famiglie devono farlo anche da casa, dando l’esempio e collaborando tutti, indipendentemente dal genere. La madre non è l’unica responsabile dello svolgimento delle faccende domestiche, ma è responsabilità di tutti i membri della famiglia.

Un’altra cosa importante da fare da casa è evitare gli stereotipi sui giocattoli o sui colori. Molte volte da adulti diciamo che quei giocattoli o quei colori sono per un ragazzo o una ragazza. Questo è cosa non fare, poiché tutti possono giocare con tutti i giocattoli, poiché lo scopo di questi è fornire uno sviluppo migliore e, ovviamente, divertimento. I giochi non dovrebbero essere stereotipati.

Tutto questo va tenuto in considerazione anche per le emozioni. Spesso, quando un ragazzo piange, gli viene detto di non farlo, che gli uomini non piangono. Quindi, le ragazze possono piangere e i ragazzi possono arrabbiarsi, ma senza piangere? Ebbene, non è così ed è importante tenerne conto il prima possibile.

Il pianto è l’espressione di un’emozione, così come la risata lo è di un’altra emozione, entrambe valide per tutti. Quindi, i ragazzi e le ragazze hanno il diritto di provare ed esprimere tutte le emozioni; non dovremmo privarli di questo diritto.

Alcune frasi di Mafalda per educare all’uguaglianza

Successivamente, vedremo alcune delle frasi che Mafalda ha detto nei suoi fumetti e che possono aiutare a educare i più piccoli all’uguaglianza.

1. Sulla parità tra donne e uomini

«In questa famiglia non ci sono padroni, siamo una cooperativa». Con questa frase, Mafalda vuole far capire che in casa nessuno comanda sugli altri, ma piuttosto che ognuno ne fa parte e ha la possibilità di esprimere la propria opinione e decidere.

2. Sulla discriminazione contro le donne nel corso della sua storia

«Certo… Il brutto è che la donna, invece di recitare un ruolo, ha recitato uno straccio nella storia dell’umanità». Questo è proprio il concetto che la donna deve occuparsi di tutte le faccende domestiche e basta. Per fortuna questo sta cambiando e noi donne abbiamo dimostrato di poter essere donne, madri, lavoratrici fantastiche e rompere con quegli stereotipi.

3. Mafalda sulla pressione dell’immagine della donna

Mafalda chiede alla madre quando si invecchia, e la madre risponde che non è questione di anni, ma di avere uno spirito giovane. Ecco allora che Mafalda pronuncia la frase: «Lo spirito… a che età comincia ad aver bisogno del trucco». Qui Mafalda parla dell’età e della pressione delle donne per stare sempre bene.

4. Sul lavoro di una casalinga

“Il giorno in cui la terra sarà di chi la lavora, sarai padrone di una nuvola di polvere di cui non ti parlerò nemmeno. Qui Mafalda critica il fatto che le persone che lavorano molto duramente di solito non possiedono ciò per cui lavorano. Inoltre, vuole rendere visibile il lavoro svolto dalle massaie.

Frasi di Mafalda per educare all'uguaglianza.

5. Mafalda sulla distribuzione dei lavori domestici

“Mamma, cosa vorresti essere se vivessi?”. Qui diventa chiaro che le casalinghe vivono solo per fare i lavori domestici. Questo, fortunatamente, sta cambiando e c’è una maggiore consapevolezza che i compiti sono affari di tutti e tutti collaborano.

6. A proposito di autostima

“Hai bisogno di conforto, non di rimanere come una stupida, giusto?”. A volte diventiamo ossessionati dalla nostra immagine, dai chili di troppo e non da tutto ciò che abbiamo intorno, che è molto più importante: figli, partner, famiglia, amici, ecc.

7. Sul senso della vita

In un’animata conversazione tra Mafalda e Susanita, elenca come sarà la sua vita: crescere, essere una signora, comprare gioielli, una casa, un’auto e avere dei nipoti. Alla fine, Susanita gli chiede se gli piace. Al che Mafalda risponde: “Sì, l’unico difetto è che questa non è una vita, è una scala!” .

Acquisire per ascendere ci riempie di cose, anche se l’essere e il senso della vita in sostanza potrebbero rimanere vuoti.

8. Sul lavoro di squadra

Felipe appare leggendo un fumetto e Mafalda gli chiede chi appare sulla copertina del fumetto: The Lone Ranger. Perché sola?, chiede la ragazza astuta. Perché combatte solo contro i cattivi, risponde Felipito. Mafalda risponde con enfasi: «Come! Questo somaro non sa che è meglio fare squadra?».

Siamo sempre più convinti che la competizione individuale non soddisfi di più o vada oltre e meglio della cooperazione e della solidarietà.

10. Mafalda sull’amore oltre le convenzioni

Camminando per strada, Mafalda e sua madre incontrano un conoscente che interroga la ragazza: «Chi ami di più, tesoro, tua madre o tuo padre? » La ragazza, dopo averci pensato un attimo, risponde: «Vuoi la risposta ‘standard’ o una spiegazione più completa di quello che provo per ognuno?».

Lo smarrimento degli adulti non si è fatto attendere e il silenzio si fa eloquente: in molti casi si risponde in automatico per fare bella figura e togliersi dai guai. Valorizzare, soppesare, discernere è un atteggiamento maturo e responsabile, e ci aiuta a mettere i piedi per terra ea migliorare il nostro ambiente relazionale.

11. Sulla non imposizione dei criteri

Lo scarso appetito di Mafalda per la minestra è noto, così come è noto come le scene quotidiane del fumetto abbiano raggiunto una scala planetaria. L’umorismo di Quino spaziava dal piccolo al macro, dal dettaglio alla visione d’insieme. Nella vignetta di cui stiamo discutendo, l’innocente e nutriente zuppa di famiglia diventa motivo per rivendicare diritti e uguaglianza.

Infatti, la pacata Mafalda annusa la minestra in salotto e pone la domanda di chi intuisce la risposta… «Stai facendo la minestra, mamma? » Sì, risponde la madre. E tu dovresti volermi costringere a prenderlo, giusto? Appunto »…. Questo fece esplodere di sdegno la ragazza che, brandendo il pugno, ribatté:

«Bene, faremo una scenata, perché ultimamente sto perdendo rispetto per l’arroganza!»

Le frasi di Mafalda per educare all’uguaglianza

Queste frasi di Mafalda possono essere di grande aiuto per insegnare ai più piccoli di casa quanto siano importanti l’uguaglianza e il rispetto. Siamo tutti esseri umani e dobbiamo avere gli stessi diritti.

Non solo per il fatto di essere donna o uomo dobbiamo corrispondere a compiti, ruoli o obblighi stereotipati. Il pianto non è solo per le donne, è anche per gli uomini.

Allo stesso modo, dobbiamo ricordare che è importante educare i bambini alla conoscenza di sé, alla gestione razionale delle emozioni e al senso della solidarietà, della giustizia e della cooperazione. Senza dubbio, Mafalda è un’ottima insegnante.

Potrebbe interessarti ...
8 racconti per promuovere l’uguaglianza e combattere gli stereotipi
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
8 racconti per promuovere l’uguaglianza e combattere gli stereotipi

Parliamo di racconti per promuovere l'uguaglianza e combattere gli stereotipi, al fine di rendere accessibili questi concetti anche ai più piccoli.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.