Il bambino non dovrebbe essere lavato alla nascita?

La pelle del bambino è morbida e delicata alla nascita. E anche se il bagno precoce è considerato un must, non è così essenziale per la salute di un neonato.
Il bambino non dovrebbe essere lavato alla nascita?

Ultimo aggiornamento: 16 novembre, 2022

Fare il bagno al bambino alla nascita mira a rimuovere i liquidi indesiderati come il meconio e il sangue dal corpo. Con questo, cerca anche di fornire idratazione allo strato corneo della pelle.

Tuttavia, si consiglia di attendere alcuni giorni per fare il primo bagno al bambino. In questo articolo vi spieghiamo perché.

Motivi per cui non è consigliabile fare il bagno al bambino alla nascita

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di non fare il bagno ai neonati nelle prime 24 ore, ma di aspettare che i segni vitali siano stabili. Ulteriori informazioni su altri motivi di seguito.

Rafforza il legame madre-figlio

Se per motivi culturali non è possibile attendere 24 ore per il primo bagnetto del neonato, è opportuno ritardarlo di almeno sei ore. In questo modo si permette di adattarsi alla vita extrauterina e si rafforza il legame della madre con il bambino.

Il contatto pelle a pelle è uno dei fattori più importanti dopo il parto. Alcuni dei vantaggi per la madre sono i seguenti:

  • Rimozione precoce della placenta.
  • Diminuzione del sanguinamento.
  • Riduzione dello stress materno.
  • Miglioramento nella pratica dell’allattamento al seno.

Tuttavia, alcuni dei vantaggi per il neonato includono quanto segue:

  • Riduzione delle conseguenze negative dello stress da parto.
  • Corretta regolazione della temperatura.
  • Pianto meno vigoroso.
Il contatto pelle a pelle è uno dei fattori più importanti dopo il parto e aiuta a rafforzare il legame della madre con il neonato.

Preservare la vernice caseosa

Posticipare il bagno permette di mantenere intatta la vernice caseosa che è lo strato protettivo fetale che funge da barriera chimica e meccanica nell’utero. Oltretutto, questo film raggiunge il suo massimo spessore tra la 36^ e la 38^ settimana di gestazione. Agisce come protezione contro le infezioni, contribuendo alla pulizia e all’idratazione della pelle. Inoltre, è composto da una grande proporzione di acqua, lipidi e proteine.

Alcune delle funzioni in cui interviene la vernix caseosa sono le seguenti:

  • Sviluppo degli organi nell’utero: la vernice cutanea è a stretto contatto con il liquido amniotico e alcuni dei suoi componenti si rompono e integrano l’alimentazione per il feto.
  • Formazione della superficie cutanea: agisce come uno strato che idrata, idrata e ottimizza tutti i processi per lo sviluppo di una pelle liscia e sana.
  • Regolazione della temperatura: il mantenimento di una quantità ponderata di vernix è correlato ad una migliore regolazione della temperatura corporea.
  • Difese antimicrobiche – Enzimi e lipidi agiscono identificando e sopprimendo la flora sulla superficie cutanea.
  • Guarigione di ustioni e ferite: l’alto contenuto di peptidi, enzimi, lipidi e acqua contribuisce a questa funzione.

Mantenere la vernice caseosa dopo il parto aiuta a prevenire la secchezza della pelle e persino la malattia atopica.

Aumenta l’allattamento al seno

I neonati che vengono lavati vicino alla nascita hanno meno probabilità di sperimentare un allattamento al seno corretto e di successo. Ciò è correlato al fatto che il bambino è guidato dal senso dell’olfatto. Cioè, richiedono il loro odore e quello della madre per iniziare a succhiare istintivamente.

Uno studio pubblicato da Breastfeeding Medicine ha rilevato che i neonati che hanno ritardato il loro primo bagno avevano il 39% di probabilità in più di allattare con successo ed esclusivamente al seno. Inoltre , non è consigliabile utilizzare sapone, colonie o profumi, poiché sopprimono o confondono l’olfatto del bambino, che è il senso più sviluppato che ha.

I neonati che vengono lavati vicino alla nascita hanno meno probabilità di allattare al seno con successo, poiché il bagno può interferire con il loro senso dell’olfatto.

Regola la temperatura

Un altro vantaggio di ritardare il primo bagno è aspettare che la temperatura del neonato si stabilizzi a circa 36,8°C o superiore. In questo modo si evita il rischio di ipotermia.

Il bagno è associato a una significativa perdita di calore e la cura della temperatura è essenziale. Il bambino ha infatti un’ampia superficie corporea, pelle sottile, poco grasso isolante e meccanismi di regolazione della temperatura limitati. Inoltre, si consiglia di utilizzare un cappellino nei neonati per prevenire la perdita di calore attraverso la testa.

Considerazioni finali per rimandare il primo bagnetto del bambino

La cura per la prima settimana di vita del bambino include la regolazione della temperatura corporea asciugando e fasciando, avendo il contatto pelle a pelle, allattando immediatamente e ritardando il primo bagnetto.

Si consiglia pertanto di posticipare di almeno qualche giorno il primo bagnetto del neonato per contribuire al suo sviluppo fuori dal grembo materno e al suo sistema immunitario.

Potrebbe interessarti ...
Il bagno dei bambini: importanza e consigli pratici
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il bagno dei bambini: importanza e consigli pratici

Fin da piccoli, è fondamentale avere delle buone abitudini igieniche. Ecco alcuni consigli pratici per rendere il bagno dei bambini un momento piac...



  • World Health Organization. Postnatal care of the mother and newborn. [Internet] 2013. Disponible: https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/97603/9789241506649_eng.pdf
  • Ruschel LM, Pedrini DB, Cunha MLCD. Hypothermia and the newborn’s bath in the first hours of life. Rev Gaucha Enferm. 2018 Oct 22;39:e20170263. English, Portuguese. doi: 10.1590/1983-1447.2018.20170263. PMID: 30365754.
  • Widström AM, Brimdyr K, Svensson K, Cadwell K, Nissen E. Skin-to-skin contact the first hour after birth, underlying implications and clinical practice. Acta Paediatr. 2019 Jul;108(7):1192-1204. doi: 10.1111/apa.14754. Epub 2019 Mar 13. PMID: 30762247; PMCID: PMC6949952.
  • Preer G, Pisegna JM, Cook JT, Henri AM, Philipp BL. Delaying the bath and in-hospital breastfeeding rates. Breastfeed Med. 2013 Dec;8(6):485-90. doi: 10.1089/bfm.2012.0158. Epub 2013 May 2. PMID: 23635002.