Pelle atopica del bambino: come prendersene cura quando fa freddo

La malattia atopica nei bambini è aggravata dal raffreddore ed è caratterizzata da prurito e dalla pelle secca. Vi diciamo cosa fare per prendersi cura del derma del vostro piccolo.
Pelle atopica del bambino: come prendersene cura quando fa freddo

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2022

La pelle atopica è una malattia della pelle che provoca arrossamento e prurito di questo tessuto. Quando fa freddo, la pelle del bambino diventa più sensibile del solito e, pertanto, occorre prestare la massima attenzione per mantenere la sua naturale barriera protettiva. Sia dall’idratazione costante con creme, al controllo della temperatura dell’acqua del bagno.

Se vostro figlio ha questo problema, scoprite come prendervi cura della sua pelle durante la stagione delle basse temperature.

Cos’è la pelle atopica?

La pelle atopica o dermatite atopica è una patologia infiammatoria e cronica caratterizzata dalla generazione di prurito e che inizia nelle prime fasi della vita.

Sebbene non rappresenti una gravità, questa malattia genera importanti alterazioni nella qualità della vita di coloro che ne soffrono e dei loro parenti, secondo una pubblicazione sulla rivista Pediatric Dermatology.

È una malattia recidivante che si presenta con lesioni eczematose pruriginose accompagnate dalle seguenti lesioni:

  • Eritema.
  • papule.
  • Peeling.
  • Lichenificazione.
  • Alterazioni della pigmentazione perifollicolare.

Prendersi cura della pelle atopica del bambino quando fa freddo

La pelle di neonati e bambini non è ancora del tutto sviluppata e la sua naturale barriera protettiva non è completamente funzionante. Per questo, essendo più delicato di quello degli adulti, necessita di alcune cure nella stagione fredda. Soprattutto nei casi di pelle atopica. Vediamone alcuni di seguito.

Ragazzo nella vasca da bagno e in procinto di leggere libri nell'acqua.
Controllare la temperatura dell’acqua durante il bagno del bambino è fondamentale per prendersi cura della pelle atopica. Questo dovrebbe essere compreso tra 25 e 33 gradi.

Regolare la temperatura dell’acqua del bagno

Nei momenti di igiene, l’acqua da utilizzare deve essere ad una temperatura adeguata. L’ideale è controllarlo prima di iniziare e che sia di circa 33 ºC.

Inoltre, i bagni dovrebbero essere brevi e veloci. Nonostante sia un momento di relax e divertimento per i bambini, rimanere bagnati per lunghi periodi di tempo è controproducente per la loro pelle.

Idratare costantemente la pelle del bambino

L’idratazione costante è uno dei pilastri del trattamento della pelle atopica dei bambini quando fa freddo. Per questo, sono ideali i prodotti contenenti vitamina A, vitamina E, allantoina o urea.

Si precisa che in questa patologia la barriera di protezione naturale della pelle risulta alterata, per cui va ripristinata mediante creme o emollienti.

Potete anche approfittare del momento dopo il bagno per eseguire massaggi rilassanti con una crema idratante. In questo caso il prodotto deve avere una consistenza leggera, un pH di 5,5 ed essere di rapido assorbimento.

Monitorate la temperatura negli ambienti domestici

La pelle atopica dei bambini tende a peggiorare con il freddo, quindi l’ideale in casa è gestire temperature non estreme.

In questo senso, gli umidificatori sono un’ottima alternativa per promuovere condizioni ottimali nell’ambiente, poiché generano un clima umido e temperato.

Offrite cibo e liquidi a sufficienza

L’alimentazione del bambino è essenziale per mantenere in buone condizioni il suo sistema immunitario. Anche garantire un’adeguata idratazione durante l’inverno è fondamentale per preservare la pelle e il resto del corpo.

Tieni presente che ci sono alcuni alimenti associati a manifestazioni di dermatite atopica, come latte, uova e pesce, quindi è consigliabile evitarli.

Anche se il bambino si nutre solo con latte materno e i sintomi persistono, sarà la madre a dover eliminare questi alimenti dalla sua dieta.

Mamma che allatta il suo bambino durante l'allattamento.
Se il bambino si nutre di latte materno e mostra sintomi di dermatite atopica, la madre dovrebbe eliminare dalla sua dieta alcuni alimenti come latticini, uova e pesce.

Selezionate i prodotti giusti per l’igiene e la cura più indicati

I periodi invernali tendono a stimolare ulteriormente la pelle secca. Quando ciò si verifica, la pelle è più soggetta a lesioni o infezioni. La barriera di protezione naturale è alterata, quindi è consigliabile utilizzare un sapone speciale che ripristina questa proprietà.

I saponi Syndet (senza detersivi) sono i più indicati, perché contengono un pH simile a quello della superficie cutanea.

Se usiamo i profumi dopo il bagno, dovrebbero essere posizionati sugli indumenti e non sulla pelle. In questo modo si possono evitare reazioni allergiche o irritazioni.

Inoltre, l’uso della protezione solare deve continuare in questo momento e deve essere applicato sulle aree della pelle che rimangono esposte.

Scegliete bene i vestiti

Nelle giornate fredde, i bambini dovrebbero essere molto più caldi. In questo caso i capi più consigliati sono quelli realizzati con tessuti 100% cotone o realizzati con fibre naturali, come seta o lino.

I tessuti sintetici con molta anilina o lana tendono ad esacerbare la dermatite. Anche se i capi sono nuovi, si consiglia di risciacquare prima dell’uso per rimuovere tracce di profumi o coloranti.

Inoltre, in inverno, i genitori tendono a vestire eccessivamente i loro bambini, il che è controproducente a causa dell’irritazione causata dalla sudorazione.

Considerazioni finali sulla pelle atopica del bambino quando fa freddo

La pelle atopica nei bambini è una condizione ereditaria. Per questo motivo non esistono trattamenti preventivi, ma procedure per controllare i focolai o per ridurne la frequenza.

Inoltre, i graffi dovrebbero essere evitati per non ferire la pelle ed evitare superinfezioni batteriche. Una buona misura è mantenere le unghie della creatura corte e pulite.

Infine, tenete presente che un’estrema cura nei confronti del bambino gli consentirà di mantenere la sua naturale barriera protettiva e quindi di preservare al meglio la sua salute generale.

Potrebbe interessarti ...
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle

La dermatite atopica nei bebè provoca alla pelle una secchezza evidente che può infastidire molto. I piccoli sono i soggetti più colpiti.



  • Al Shobaili HA. The impact of childhood atopic dermatitis on the patients’ family. Pediatr Dermatol. 2010 Nov-Dec;27(6):618-23. doi: 10.1111/j.1525-1470.2010.01215.x. Epub 2010 Nov 16. PMID: 21078107.
  • Hanifin JM. Atopic dermatitis in infants and children. Pediatr Clin North Am. 1991 Aug;38(4):763-89. doi: 10.1016/s0031-3955(16)38153-6. PMID: 1870905.
  • Tsakok T, Marrs T, Mohsin M, Baron S, du Toit G, Till S, Flohr C. Does atopic dermatitis cause food allergy? A systematic review. J Allergy Clin Immunol. 2016 Apr;137(4):1071-1078. doi: 10.1016/j.jaci.2015.10.049. Epub 2016 Feb 18. PMID: 26897122.
  • Uehara M, Takada K. Use of soap in the management of atopic dermatitis. Clin Exp Dermatol. 1985 Sep;10(5):419-25. doi: 10.1111/j.1365-2230.1985.tb00598.x. PMID: 4075572.