Le coliche nel neonato: 10 domande frequenti dei genitori

Avete un bambino piccolo che piange per diverse ore al giorno? Sicuramente avrete sentito parlare di coliche neonatali e avete molti dubbi al riguardo.
Le coliche nel neonato: 10 domande frequenti dei genitori

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2021

Quando il nostro bambino inizia a piangere, tutti saltano fuori con la convinzione che si tratti di coliche. Magari vengono proposti una serie di consigli di tutti i tipi, non sempre così magici come si dice.

È importante sapere che non sempre il piano è indice di coliche e che per quanta angoscia ci provochi, non sempre riusciremo a fermarlo. Tuttavia, questo non è necessariamente qualcosa di pericoloso o dannoso per il nostro piccolo.

Nelle prossime righe risponderemo alle 10 domande più frequenti dei genitori sulle coliche del bambino.

1. Che cosa sono le coliche nei neonati?

Le coliche infantili, con crisi di pianto e crisi di irritabilità sono prevedibili e si risolvono spontaneamente intorno ai 3 mesi di età.

Per alcuni autori, questi episodi possono essere intesi come un’esacerbazione di un comportamento normale del bambino piccolo, causato da una combinazione di stimoli fisici e psicosociali.

Questa condizione è molto comune e può colpire fino al 40% dei bambini sani. Tuttavia, non tutto il pianto indica la presenza di coliche e vengono applicati diversi criteri clinici per riconoscere le coliche

Criteri di Wessel

Per molto tempo è stato il criterio più utilizzato. Secondo Wessel, la colica si definisce quando il pianto del bambino soddisfa le seguenti caratteristiche:

  • Inizia intorno alla seconda settimana di vita.
  • Dura più di 3 ore al giorno.
  • Si verifica più di 3 volte a settimana.
  • Migliora spontaneamente intorno al terzo mese di vita.
Neonato che piange per le coliche.

PURPLE Crying

Nella letteratura inglese, l’acronimo PURPLE è stato utilizzato più volte per definire le caratteristiche principali di questo tipo di grido:

  • P (picco del pianto ): picco dell’apparenza, dalla prima settimana di vita a 3 o 5 mesi.
  • U (inaspettato ): imprevedibile.
  • R (persistente): resistente o difficile da placare
  • P (faccia dolorante): il bambino ha un gesto di dolore sul viso.
  • L (lunga durata): il pianto può durare fino a più di 5 ore al giorno.
  • E (sera): di solito si verifica durante il pomeriggio o la sera.

IV Criterio di Roma

Nel 2017 le coliche sono state inserite nella categoria dei disturbi funzionali gastrointestinali, secondo i criteri Roma IV. Per essere definiti tali, devono rispondere ai seguenti criteri:

  • Il bambino ha un’età inferiore ai5 mesi.
  • Pianto e irritabilità prolungata che inizia senza causa apparente e che si ripresenta.
  • Assenza di malattie organiche o disturbi dello sviluppo.
  • Il caregiver riferisce di aver pianto per più di 3 ore al giorno e più di 3 giorni alla settimana.

2. Perché si verificano le coliche?

Sebbene questo fenomeno sia stato ampiamente studiato, la sua causa è ancora sconosciuta. Come accennato in precedenza, il bambino deve essere sano per definire questa condizione come tale, quindi è essenziale escludere altre condizioni di salute che si manifestano attraverso il pianto.

3. Quando scompaiono le coliche nei neonati?

In generale, la colica infantile raggiunge il picco a 6 settimane di età e scompare intorno al terzo mese. In ogni caso, una percentuale minore di neonati può manifestare un episodio fino al quinto mese compreso.

4. Cosa devo monitorare durante un attacco di colica?

Le coliche sono episodi di pianto che si verificano a causa di problemi legati alla maturazione del bambino. Per questo motivo, è importante notare che non dovrebbero essere accompagnati da sintomi o segni di malattia.

Alcune campanelli d’allarme in un bambino piccolo includono quanto segue:

  • Febbre (più di 38 gradi Celsius).
  • Marcata distensione addominale (solitamente accompagnata da ritenzione di feci).
  • Alterazioni dello stato generale, con tendenza ad un diminuito stato di risposta (scarso atteggiamento alimentare, tendenza al sonno permanente, scarso movimento degli arti).
  • Cambiamenti evidenti nell’aspetto della cacca, come quelli di colore rosso.

Prima della comparsa di uno qualsiasi di questi sintomi, è necessario contattare il pediatra per effettuare una valutazione approfondita del bambino.

5. Le coliche e l’aria nello stomaco sono la stessa cosa?

Non necessariamente e questa falsa associazione è uno dei principali punti di conflitto di questa condizione.

Molte volte, il pianto del bambino può essere causato dalla ritenzione di gas o feci nell’intestino. Altre volte, il pianto prolungato favorisce l’assunzione di una quantità eccessiva di aria (aerofagia) ei gas sono la conseguenza delle coliche.

Al contrario, patologie come l’intolleranza al lattosio, l’allergia alle proteine del latte vaccino o il reflusso gastroesofageo possono provocare pianto con sintomi digestivi. Ma questo pianto non è dovuto alla colica del bambino.

6. Devo cambiare la dieta del bambino se soffre di coliche?

Colica e gas non sono la stessa cosa e inoltre malattie gastrointestinali che causano distensione dell’addome, vomito e irritabilità escludono la diagnosi di colica.

Per questo motivo né gli idrolizzati, né le bevande a base di latte vegetale, né i cambiamenti nella dieta hanno dimostrato di potere modificarne l’evoluzione.

7. Il pianto prolungato del bambino può danneggiarlo?

Il pianto del bambino è un mezzo di comunicazione e la sua intensità o le sue caratteristiche variano a seconda del contesto. Di per sé, piangere per diverse ore non nuoce alla salute del bambino.

8. Probiotici, antidolorifici e procinetici, funzionano?

La colica infantile provoca angoscia e disperazione nel suo tutore. Molti genitori tentano qualunque strategia promettente venga loro presentata per porre fine alla malattia familiare il prima possibile.

Tuttavia, nessuno di questi farmaci si è dimostrato efficace e, al contrario, molti possono causare effetti avversi indesiderati.

Probiotici

Alcuni autori hanno proposto teorie sull’origine delle coliche che coinvolgono il microbiota intestinale. Per questo motivo negli ultimi anni sono stati effettuati molteplici studi per dimostrare l’efficacia dei probiotici nella gestione delle coliche.

Tuttavia, al momento le prove a favore dell’uso di questi farmaci sono insufficienti.

9. I massaggi addominali funzionano?

Massaggio nel neonato.

Non è stato dimostrato che i massaggi addominali o le tecniche di rilassamento siano efficaci al 100% nella gestione delle coliche infantili. Costituiscono però una pratica in grado di donare conforto e benessere sia a chi offre sia a chi riceve il massaggio.

La chiave per gestire le coliche a casa è l’educazione e la consulenza dei genitori per ridurre gli stimoli che il bambino riceve e per favorire il rilassamento. Alcune delle tecniche suggerite a questo scopo sono i massaggi infantili.

10. Andiamo a fare una passeggiata e il bambino smette di piangere, è una coincidenza?

No, è estremamente comune. In linea con quanto sopra, qualsiasi situazione che favorisca il rilassamento del bambino e dei suoi genitori/tutori, può favorire la risoluzione delle coliche. Ma questo non significa che non apparirà più.

Le coliche neonatali: chiedere aiuto per sopravvivere

Cerca di cercare aiuto nel tuo ambiente vicino, per poter riposare, nutrirti e recuperare energia. Non è cosa da poco e costituisce un pilastro fondamentale per accompagnare al meglio il tuo bambino in questa fase critica.

Ricorda che questo è uno stadio atteso e fisiologico dello sviluppo maturativo. Nonostante sia fastidioso, indica che il bambino sta crescendo nel modo in cui ci aspettiamo.

Potrebbe interessarti ...
Come capire se il neonato soffre di coliche
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come capire se il neonato soffre di coliche

Come potete capire se il vostro bebè soffre di coliche? Leggete questo articolo per conoscere i sintomi e le cause di questo problema così comune.