Musica classica per bambini: cosa ascoltare

Sapevate che la musica classica ha molti benefici per la vita dei bambini? Scoprite quali sono e come esporli più spesso a queste melodie.
Musica classica per bambini: cosa ascoltare

Ultimo aggiornamento: 20 agosto, 2021

Ritmo dal grembo materno. Molte mamme ascoltano musica classica per bambini nel corso della gravidanza, poiché entrambi beneficiano dei suoi effetti. Nel caso dei bambini, dalla settimana 20 in poi hanno la capacità di sentire. Da quel momento, la musica influisce positivamente sul sistema circolatorio, stimola le cellule e favorisce lo sviluppo del cervello.

Nel caso della madre, invece, la musica favorisce gli stati d’animo favorevoli che il bambino può percepire. Quando la madre si rilassa ascoltando la musica e si concentra sul suo respiro, il battito cardiaco tiene il passo ed è uno stimolo per il bambino.

Perché proprio la musica classica per bambini?

Alcuni studi affermano che la musica classica è benefica per i bambini in molti modi fin dai primi anni. La maggior parte di questi benefici sono legati alle aree del cervello che vengono stimolate a causa del tipo di ritmi e composizione. Alcuni di questi benefici nei bambini sono:

  • Stimolazione delle emozioni positive.
  • Aumento della concentrazione e dell’attenzione.
  • Stimolazione della creatività.
  • Aumento delle abilità matematiche.
  • Mezzo di espressione.
  • Sviluppo dell’espressione corporea.
  • Incremento dell’interazione sociale.
  • Stimolazione della creazione di ricordi, che aumenta le capacità intellettuali.
  • Riduzione dei livelli di stress e ansia.
  • Diminuzione del dolore, se presente. 
  • Se il bambino, oltre ad ascoltare musica classica, suona uno strumento, sviluppa disciplina e responsabilità.
Una banda della scuola di musica classica

Quando lo studio della musica è formale, ci sono altri vantaggi come l’aumento delle capacità di lettura e del QI. La musica ha effetti terapeutici anche su problemi come la dislessia.

Il tipo di musica classica per bambini dipende da cosa si vuole stimolare

Insegnanti, musicisti e genitori hanno studiato gli effetti della musica sui bambini. Alcune interessanti conclusioni sono state raggiunte sul tipo di musica a seconda dello strumento che predomina:

Strumenti a corda: migliora la concentrazione durante lo studio.

Percussioni: sviluppa le capacità motorie grossolane, poiché stimola l’intero corpo del bambino.

Tutti i tipi di musica classica: poiché ha una struttura complessa, ascoltarla introduce il bambino alle emozioni e alla struttura del linguaggio.

Cosa ascoltare?

 Per i bebè:

  • La ninna nanna classica di Brahms, Lullaby.
  • Il Notturno n. 2 di Chopin.
  • Il Concerto per clarinetto e il Concerto per pianoforte n. 21, il Concerto per pianoforte n. 23 e il Secondo movimento del Concerto per violino n. 3 di Mozart.
  • Suite per aria orchestrale n. 3 di Bach.
  • Per Elisa (Für Elise), Moonlight e Sonata No. 8 in do minore da Beethoven.
  • L’Adagio di Albinoni.

Questi sono pezzi la cui composizione, armonia e bellezza sono altamente rilassanti, quindi aiuteranno a regolare la frequenza cardiaca del bambino, calmarlo e aiutarlo ad addormentarsi facilmente.

Per concentrarsi 

Nei bambini più grandi, l’elenco di cui sopra può essere utilizzato per studiare. Un’altra opzione è il primo movimento della Sonata per pianoforte di Mozart in re maggiore K. 448. Dello stesso autore anche la Sonata per pianoforte n. 11, K 331, III Alla Turca e la Sonata n. 15, K. 545.

Per giocare o stare in movimento 

Il primo movimento de La Primavera di Vivaldi o Il terzo movimento dell’estate dello stesso compositore sono ottime opzioni per il tempo di esecuzione poiché sono pezzi che risvegliano vigore, entusiasmo e gioia. Un’altra opzione allegra e dinamica è la danza ungherese n. 1 di Brahms.

Anche in questo elenco può essere incluso il Concerto per flauto Allegro BWV 1044 di Bach. D’altra parte, la Sonata n.12 in fa maggiore di Mozart è un’altra eccellente opzione.

Per giocare o correre

Ci sono molti esempi di musica e composizioni molto dinamiche. È il caso della Marcia Radetzky Op. 228 di Johann Strauss, March of Pomp and Circumstance, #1 Op.39 di Edward Elgar.

La musica ti permette di sperimentare molte modalità di gioco

Romance per i più sensibili

La Bella Addormentata di Tchaikovski è un classico e la sua bellezza è accattivante, soprattutto per i piccoli più sensibili, sognatori e dal carattere dolce. C’è anche Clair de Lune di Debussy, tra gli altri di grande popolarità.

Altre opzioni di musica classica per bambini

L’elenco dei brani classici sarà tanto vario ed esteso quanto i gusti musicali dei genitori e di altre importanti figure influenti nella vita dei bambini. Hanno il compito di favorire quei primi contatti con la musica classica e di raggiungere un buon riavvicinamento. A poco a poco, i bambini svilupperanno i propri gusti e preferenze e avranno le canzoni preferite.

Se i genitori non sono esperti, ci sono elenchi prestabiliti su Internet che possono essere di grande aiuto. Dovete solo inserire le variabili richieste nel motore di ricerca, come ad esempio: ”musica classica per bambini”, ecc.

Potete anche scegliere i progetti musicali di artisti che presentano uno stile neoclassico. Vanessa Mae, Yiruma, Lindsey Striling, The Piano Guys, Two Cellos, sono solo alcuni dei più popolari in quest’area e sono tutti un’ottima scelta, anche per noi stessi. Le loro proposte sono davvero preziose!

Molti di questi meravigliosi pezzi sono disponibili online su varie piattaforme audiovisive. Il contenuto è a disposizione di tutti, a costo zero, quindi non avete più scuse per non ricorrere a questi classici che forniscono così grandi benefici nell’allenamento dei più piccoli.

Potrebbe interessarti ...
Il valore educativo dell’espressione musicale
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Il valore educativo dell’espressione musicale

Il valore educativo dell'espressione musicale risiede nel contribuire al pieno sviluppo degli individui, consentendo lo sviluppo dei sensi.



  • Ordoñez Morales, E., Sánchez Reinoso, J. S., Sánchez Maldonado, M. M., Romero Haro, C. E., & Bernal Iñiguez, J. D. (2011). Análisis del Efecto Mozart en el desarrollo intelectual de las personas adultas y niños. https://dspace.ups.edu.ec/handle/123456789/8378
  • Benaisa, Y. B., & Torres, L. H. (2014). Música y emociones en niños de 4 a 8 años. DEDiCA. Revista De Educação E Humanidades, (6), 199-218. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=4734012
  • Andrade Yandún, H. M. (2013). El efecto de la música clásica en el período de atención de niños de tres y cuatro años de edad durante actividades grupales en clase (Bachelor’s thesis, Quito: USFQ, 2013). http://repositorio.usfq.edu.ec/handle/23000/2091
  • Córdova Cazares, N. M. (2016). Música clásica en el desarrollo de la percepción auditiva en los niños de 4 años de educación inicial, del CEI Mercedes González de Moscoso, Quito, año lectivo 2015-2016 (Bachelor’s thesis, Quito: UCE). http://www.dspace.uce.edu.ec/handle/25000/12383