Perché gli adolescenti sono così ribelli?

Pensate che vostro figlio sia molto ribelle? Forse sta solo cercando di costruire la sua identità. In questo articolo spieghiamo quale ruolo gioca questo comportamento nell'adolescenza.
Perché gli adolescenti sono così ribelli?

Ultimo aggiornamento: 28 settembre, 2021

L’adolescenza è una fase molto stigmatizzata. I genitori la temono e tutti diamo per scontato che a questa età i giovani diventino intrattabili. Per questo motivo, lo stereotipo degli adolescenti ribelli fa parte dell’immaginario collettivo e si cerca continuamente di evitarlo o di placare determinati comportamenti.

Se vostro figlio ha superato la pubertà, potreste aver notato dei cambiamenti nel suo atteggiamento. In alcuni giovani le alterazioni comportamentali sono più evidenti che in altri, ma in entrambi i casi gli schemi sono simili: sfida all’autorità, messa in discussione delle norme e opposizione ai genitori.

Tutti questi sono comportamenti naturali e tipici di questa fase; tuttavia, quando non vengono riconosciuti in anticipo, possono causare confusione e sofferenza ai genitori. Affinché l’adolescenza di vostro figlio vi trovi più preparati, vi spiegheremo a cosa sono dovuti questi cambiamenti di comportamento e come accompagnarli.

Perché gli adolescenti sono ribelli?

Anche se potreste aver pensato diversamente, vostro figlio non è ribelle perché vuole infastidirvi o mettervi a disagio. Né agisce in questo modo per mancanza di educazione o cambiamenti nella sua personalità.

Successivamente, vi mostreremo i motivi principali che possono portare vostro figlio a essere ribelle.

Soffrono di stress per tutti i cambiamenti

Innanzitutto è necessario comprendere che non è facile per gli adolescenti attraversare questa fase. Improvvisamente devono affrontare una moltitudine di cambiamenti fisici, emotivi e pressioni sociali che fino a quel momento non esistevano. Imparare a gestire questa nuova realtà può essere confusionario e complicato.

In effetti, possono spesso sentirsi sopraffatti e rispondere allo stress in modo inappropriato: diventano irascibili, reattivi o più lunatici del solito. Ma questo non è altro che il risultato di un conflitto interno che non riescono a gestire.

Non possiamo perdere di vista il fatto che l’azione ormonale provoca sbalzi di umore. Inoltre, lo sviluppo cognitivo degli adolescenti non è ancora terminato, quindi non sono ancora in grado di controllare i propri impulsi o misurare le conseguenze come fa un adulto.

Padre e figlio che litigano.

Insomma, vostro figlio adolescente non possiede ancora le strategie e le risorse personali necessarie per assumere i cambiamenti che deve affrontare in questa fase.

Si stanno affermando come persone

Quando gli adolescenti sfidano i loro genitori, infrangono le regole o si oppongono all’autorità, vengono etichettati come ribelli o disobbedienti. Tuttavia, il loro atteggiamento è in qualche modo comprensibile. Come reagireste se qualcuno vi dicesse come vestirvi, che musica ascoltare o quando usare il telefono?

Se qualcun altro cercasse di imporsi su questioni così essenziali nella vostra vita, anche voi vi ribellereste. E sebbene sia evidente che gli adolescenti non sono ancora adulti e che hanno bisogno di limiti, la loro posizione è comprensibile: non si sentono più bambini.

Per questo motivo un adolescente è ribelle nella misura in cui i suoi genitori esercitano uno stile educativo inadeguato.

Meno vengono ascoltati, più punizioni vengono usate e gli ordini oscurano il dialogo, più è probabile che il giovane si ribellerà. E questo accadrà come un modo per rivendicare se stesso come persona e per proteggere il suo diritto di essere chi sei.

I figli adolescenti sono ribelli perché cercano l’indipendenza

Alcuni genitori si allarmano quando i figli si allontanano da loro fisicamente ed emotivamente, non volendo passare del tempo con la famiglia o non essendo così amorevoli come una volta.

Tuttavia, questa è una cosa naturale e salutare da fare. Durante l’adolescenza, la famiglia cessa di essere il riferimento principale del giovane e il gruppo dei pari assume un ruolo di primo piano.

Per questo motivo è normale che vostro figlio voglia trascorrere più tempo con i suoi amici, passare diverse ore a parlare con loro e cercare la loro approvazione invece della vostra. Cercate di non prendere questi eventi sul personale o come un atto di ribellione, poiché sono cambiamenti necessari per la loro maturità.

Potrebbe soffrire di un disturbo psicologico

Nonostante tutto quanto sopra, è importante tenere presente che il comportamento ribelle può derivare dalla sofferenza.

Se questi atteggiamenti di sfida, irascibili o aggressivi si presentano in modo eccessivo, è possibile che il giovane affronti un problema psicologico. L’ansia, la depressione o il bullismo possono essere nascosti dietro questo cambiamento di comportamento e non dovrebbero essere ignorati.

figli ribelli

Accettate la ribellione come parte della sua crescita

Come potete vedere, la ribellione fa parte dell’adolescenza e non deve essere considerata come qualcosa di negativo. Se si mantiene entro i limiti previsti, è solo un segno del sano sviluppo della personalità del giovane.

Armatevi di pazienza, comprensione e promuovete il dialogo per accompagnare vostro figlio in questa fase della sua vita. Invece di etichettarlo come un ribelle e incolparlo per il suo comportamento, cercate di guidarlo e aiutarlo a gestire le sue emozioni. E se ritenete che possa esserci un problema fondamentale, non esitate a consultare i professionisti.

Potrebbe interessarti ...
Le tre parole magiche per comunicare con un figlio adolescente
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Le tre parole magiche per comunicare con un figlio adolescente

Le tre parole magiche per comunicare con un adolescente sono: "Cosa vuoi fare?". Bisogna lasciarlo libero di organizzarsi e sapere rispondere.