Perché il pediatra misura la testa del bambino alla nascita?

Con una semplice misurazione della testa del bambino possiamo rilevare alcune importanti patologie neurologiche. Sapete come si fa?
Perché il pediatra misura la testa del bambino alla nascita?

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio, 2022

La circonferenza cranica è la misura della testa del bambino che viene effettuata alla nascita e ad ogni controllo sanitario. Il suo obiettivo è rilevare alterazioni delle dimensioni del cranio, chiamate micro e macrocefalia.

Quando la testa del bambino è di dimensioni anormali, questo può essere un’indicazione di qualche patologia del sistema nervoso. È importante, quindi, monitorare da vicino il bambino e valutare la necessità di approfondire gli studi o consultare altri specialisti.

In questo articolo vi spiegheremo perché la prima misurazione della circonferenza della testa è così importante.

Perché è importante misurare la testa del bambino?

Le dimensioni della testa del bambino alla nascita danno un’idea di come si è sviluppato il sistema nervoso durante la gravidanza.

Per comprendere meglio questa idea, è necessario conoscere quali strutture compongono questo sistema e come si sviluppa all’interno dell’utero.

Anatomia del sistema nervoso centrale (SNC)

Il sistema nervoso centrale è costituito da diverse strutture, tra le quali si evidenziano le seguenti:

  • Cervello.
  • Cervelletto, tronco cerebrale, midollo spinale.
  • Cranio (ossa e cartilagine).
  • Liquido cerebrospinale (circolante in cisterne o condotti).

Sviluppo del SNC fetale

sviluppo del cervello sistema nervoso feto utero all'interno del cordone ombelicale

Nei casi in cui il cervello subisce qualche alterazione e non si sviluppa correttamente, anche le ossa della testa vedranno colpita la loro crescita. Ad esempio, quando la madre acquisisce una certa infezione in gravidanza, il bambino può nascere con un cranio più piccolo del solito. Questo è noto come microcefalia.

A sua volta, può verificarsi un qualche tipo di ostruzione nel sistema dei dotti che trasportano il liquido cerebrospinale, che farà sì che questo contenuto si accumuli nell’area prima del blocco e prema su altre strutture.

Indirettamente questo provocherà un “stiramento” della cavità cranica e, di conseguenza, il bambino nascerà con un cranio più grande del normale. Questo è noto come macrocefalia.

In entrambi i casi, il bambino nascerà con una circonferenza della testa anormale e, sebbene questo non sia di per sé un problema, indica che si è verificata qualche alterazione durante lo sviluppo neurologico fetale.

Come si misura la testa del bambino e a cosa serve?

La circonferenza della testa è una semplice misurazione del diametro della testa del bambino. Viene eseguita con un metro a nastro morbido, che viene posizionato intorno al cranio nella zona di maggiore circonferenza. Si trova a livello della fronte (davanti), delle tempie (ai lati) e dell’occipite (dietro).

perimetro cefalico misurazione del cranio circonferenza bambino in posizione verticale metro a nastro mano pediatra infermiera bambino neonato calma controllo salute

Idealmente, la procedura dovrebbe essere eseguita con la testa del bambino in posizione verticale. Poiché questo è molto difficile da ottenere nei neonati, viene effettuata con il bambino sdraiato sulla schiena sul tavolo dove viene visitato.

Sebbene molti bambini piangano durante la prima visita in sala parto, ciò non implica alcun rischio o disturbo fisico.

L’importanza di effettuare questa misurazione nelle prime 24 ore del parto è quella di poter valutare indirettamente come si è svolto lo sviluppo del sistema nervoso centrale all’interno dell’utero.

Ci consentirà inoltre di allertare la possibilità di malattie congenite sindromiche (quelle che sono composte da più difetti), come la sindrome di Down.

La dimensione della testa del bambino

Sia la circonferenza della testa che il peso e l’altezza fanno parte della “storia intrauterina” del bambino. Queste misurazioni ci permetteranno di dedurre se il bambino è stato esposto a qualche fattore di rischio per la malattia e agire di conseguenza.

Per sapere se il bambino è nato con una taglia adeguata, dobbiamo sempre fare riferimento alle corrispondenti tabelle di crescita. In esse sono stati scaricati i dati di misurazione di centinaia di bambini provenienti da diverse parti del mondo, il che ha permesso di stimare la crescita media per ogni età e sesso.

Quando misuriamo la circonferenza della testa del bambino, dobbiamo confrontare questo dato con quello nelle tabelle e definire il percentile in cui si trova il bambino. In questo modo possiamo dire se il bambino ha un cranio di dimensioni medie o meno.

Successivamente definiremo le 3 possibilità:

  • Normocephalus: quando il percentile della circonferenza cranica è compreso tra 3 e 97.
  • Microcephalus: quando il percentile è inferiore a 3.
  • Macrocephalus: quando il percentile è superiore a 97.

Possibili problemi

Microcefalia e macrocefalia possono verificarsi per una serie di motivi. Questi possono essere problemi che influenzano direttamente la crescita del cervello (chiamati difetti primari) o che causano cambiamenti nella circonferenza della testa per altri motivi (difetti secondari).

Cause di microcefalia

Tra le cause più comuni di microcefalia neonatale si segnalano le seguenti:

  • Sindromi genetiche, come Down, Edwards o Patau.
  • Difetti primari dello sviluppo cerebrale.
  • Infezioni perinatali, come la varicella, la toxoplasmosi o la rosolia.
  • Zika virus.
  • Esposizione a tossine o radiazioni durante la gravidanza.
  • Malnutrizione intrauterina grave.

Cause di macrocefalia

Di seguito elencheremo le cause più comuni di macrocefalia neonatale:

  • Macrocefalia familiare.
  • Malformazioni genetiche cerebrali.
  • Sindrome di Sotos.
  • Acondroplasia.
  • Neurofibromatosi.
  • Ematomi, cisti o emorragie cerebrali.
  • Idrocefalo congenito.
  • Tumori cerebrali.

Sull’importanza di misurare la testa del bambino

La circonferenza della testa è il dato ottenuto misurando la testa del bambino e ciò che ci permette di dedurre se il cervello si è sviluppato correttamente all’interno dell’utero.

È una strategia semplice, poco costosa, minimamente invasiva e indolore per la diagnosi precoce di importanti patologie nel neonato. Inoltre, a volte verremo avvisati della possibilità di altri difetti associati, come quelli che fanno parte delle sindromi.

Farlo alla nascita è molto importante, ma dovrà essere ripetuto anche ad ogni controllo sanitario. Alcune patologie sono evolutive e richiedono molto tempo prima di manifestarsi. Con questa semplice misurazione saremo in grado di rilevarli prima che diventino un problema di difficile soluzione.

This might interest you...
Il percentile del neonato: come calcolarlo?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il percentile del neonato: come calcolarlo?

Per conoscere il reale stato di salute del piccolo, esiste un metodo scientifico che si serve di parametri fisici e misurazioni: il percentile del ...