Prurito del nuotatore: sintomi, cause e trattamento

Il prurito del nuotatore è una condizione della pelle abbastanza comune. Si verifica a causa del contatto diretto con un parassita presente nell'acqua. La conoscevi?
Prurito del nuotatore: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 06 agosto, 2022

Il prurito del nuotatore è una condizione dermatologica di chi pratica attività in acque libere, sia salate che fresche.

È una condizione che di solito provoca grande disagio e prurito, oltre a limitare l’uso ricreativo dell’acqua.

Sebbene non sia una malattia contagiosa, il numero di focolai aumenta nel tempo e con successive esposizioni acquatiche. E, infatti, la risposta dell’organismo che ne soffre è sempre più intensa, così come i suoi sintomi.

Successivamente, ti diremo tutto ciò che devi sapere sul prurito del nuotatore.

Cause del prurito del nuotatore

Il prurito del nuotatore è innescato dal contatto diretto della pelle con parassiti presenti nell’acqua chiamati cercarie. Di solito, questi organismi vivono a spese degli organismi delle lumache e di alcuni uccelli.

Durante la fase larvale, il parassita si trova all’interno delle lumache che vivono nell’acqua. Dopo un po’, questo organismo cresce, matura e lascia il suo ospite (la lumaca) e inizia la sua fase infettiva. Da lì, cercherà di invadere un ospite vertebrato a sangue caldo, come un essere umano.

Una volta che le cercarie entrano accidentalmente in contatto con la pelle, vi aderiscono fortemente. In effetti, può vivere solo un giorno senza contatto con il nuovo host.

Come accennato, le lumache non sono gli unici animali che ospitano larve immature. Alcuni animali che abitano nelle vicinanze di stagni e laghi possono anche fungere da vettori del parassita e sono i seguenti:

  • Gabbiani.
  • cìCastori.
  • Anatre.
  • Topi muschiati.
  • Oche.
madre e figlio nuotano nel fiume in acque libere
Le cercarie possono rimanere in acqua fino a 24 ore e sono alla ricerca di un organismo a sangue caldo a cui attaccarsi e sopravvivere.

Prevenzione del prurito del nuotatore

Le persone che tendono ad essere infettate dalle larve sono solitamente quelle che vi sono esposte per motivi ricreativi o lavorativi. Fortunatamente, non è una malattia contagiosa tra le persone.

Pertanto, chi pratica attività in acque infette ha un’alta probabilità di sviluppare la dermatite caratteristica delle cercarie. In questo modo si consiglia di evitare di fare il bagno in acque poco profonde o vicino alla costa, poiché è qui che può essere la più alta concentrazione di parassiti.

Nel caso di acque chiuse, come le piscine, è consigliabile mantenere un adeguato trattamento clorurato per essere considerato sicuro per la balneazione. In caso di dubbio, dopo aver fatto il bagno in acque discutibili, è meglio sciacquare la pelle con acqua pulita e asciugare bene.

I sintomi del prurito del nuotatore

Un lieve prurito e lesioni cutanee caratteristiche di questa patologia compaiono dopo una o due ore dal contatto con l’acqua. Anche, di solito sono molto più evidenti dopo 12 ore e durano una settimana.

Alcuni dei segni e sintomi più caratteristici del prurito del nuotatore includono quanto segue:

  • Prurito o bruciore nell’area della pelle esposta.
  • Parestesie (formicolio agli arti).
  • Piccole protuberanze o papule rosse.
  • Vesciche, anche se raramente.

L’ideale è non graffiare, in quanto ciò può ferire la pelle e renderla più incline alla superinfezione batterica. Può anche causare scatole di impetigine che si evolvono e si diffondono molto facilmente con un contatto minimo.

Opzioni terapeutiche per il prurito del nuotatore

Nella maggior parte dei casi, le manifestazioni cliniche del prurito del nuotatore di solito scompaiono spontaneamente, senza lasciare sequele o complicanze. In alcuni casi, è possibile vedere una macchia più scura sulla pelle dove si trovavano precedentemente le lesioni.

Quando la malattia si manifesta, è necessario considerare alcune diagnosi alternative, le cui manifestazioni si assomigliano. In effetti, la dermatite causata da questi parassiti è abbastanza difficile da differenziare da altre reazioni cutanee.

Alcune delle diagnosi differenziali sono le seguenti:

Secondo alcune pubblicazioni dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) , la maggior parte delle volte questa condizione non richiede un intervento medico. Tuttavia, quando il bambino sviluppa una dermatite intensa per questo motivo, si possono mettere in pratica le seguenti strategie:

  • Bagni di farina d’avena colloidale.
  • Impacchi freddi sulle posizioni dell’eruzione cutanea.
  • Creme o lozioni a base di corticosteroidi.
  • Farmaci, per ridurre il prurito e prevenire lesioni da graffi.
Ragazzo che nuota in piscina.
I trattamenti con cloro dell’acqua delle piscine favoriscono l’eradicazione del parassita e di altri germi infettivi per l’uomo.

Quando è necessario andare dal medico?

Come accennato in precedenza, i sintomi di questa malattia di solito scompaiono da soli nel corso dei giorni.

Tuttavia, nel caso in cui ciò non accada e il disagio duri per diversi giorni, è consigliabile rivolgersi al dermatologo. Soprattutto, quando le lesioni sembrano superinfettate.

Considerazioni finali

Sebbene la dermatite da cercarie possa essere sgradevole e fastidiosa, non è grave e non provoca danni significativi alla pelle del bambino. Fortunatamente si limita dopo 7 giorni, non è contagioso tra le persone e i suoi sintomi possono essere alleviati con farmaci di uso comune.

Potrebbe interessarti ...
Cibi vietati nella dieta dei bambini con dermatite atopica
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Cibi vietati nella dieta dei bambini con dermatite atopica

Ecco alcuni cibi vietati in caso di dermatite atopica. Oggi scoprirete perché bisognerebbe eliminare questi alimenti dalla dieta.



  • OLIVIER L. Schistosome dermatitis, a sensitization phenomenon. Am J Hyg. 1949 May;49(3):290-302. doi: 10.1093/oxfordjournals.aje.a119279. PMID: 18121209.
  • Mulvihill CA, Burnett JW. Swimmer’s itch: a cercarial dermatitis. Cutis. 1990 Sep;46(3):211-3. PMID: 2225928.
  • Swimmer´s Itch FAQs. [Internet] Disponible en: https://www.cdc.gov/parasites/swimmersitch/faqs.html
  • Ilnytska O, Kaur S, Chon S, Reynertson KA, Nebus J, Garay M, Mahmood K, Southall MD. Colloidal Oatmeal (Avena Sativa) Improves Skin Barrier Through Multi-Therapy Activity. J Drugs Dermatol. 2016 Jun 1;15(6):684-90. PMID: 27272074.
  • Avian Schistosomes and Outbreaks of Cercarial Dermatitis[Internet] Disponible en: https://journals.asm.org/doi/full/10.1128/cmr.00043-14