Quali insaccati si possono mangiare in gravidanza?

Gli insaccati crudi e stagionati possono contenere al loro interno il toxoplasma, pericoloso per il feto. Tuttavia, non tutti hanno questa condizione.
Quali insaccati si possono mangiare in gravidanza?

Ultimo aggiornamento: 27 ottobre, 2022

La maggior parte delle donne incinte dubita di quali insaccati possono mangiare durante la gravidanza, se consentito. Tenete presente che alcuni di questi prodotti si sono rivelati pericolosi per la salute del feto, per la presenza di microrganismi al loro interno, come il toxoplasma.

Va notato che durante la gravidanza è necessario prestare particolare attenzione alla dieta. È opportuno consultare un professionista per adeguare la linea guida alle esigenze nutrizionali del momento. In questo modo è assicurata la buona salute della madre e lo sviluppo ottimale del feto.

Cosa sono gli insaccati?

Prima di tutto vogliamo chiarire cosa intendiamo quando parliamo di insaccati. In questo gruppo includiamo tutti quegli alimenti di origine animale, a base di carne (che può essere macinata o meno) e sono stati manipolati dall’industria per ottenere una durata di conservazione più lunga.

Fette di prosciutto cotto.

Questi sono sottoposti a processi chimici o fisici o all’aggiunta di sostanze per variarne le caratteristiche organolettiche e permettere loro di mantenersi inalterati più a lungo. Come regola generale, il suo rischio microbiologico è basso, anche se ci sono delle eccezioni.

Tenete inoltre presente che non tutte le salsicce hanno lo stesso grado di lavorazione o qualità. Il prosciutto serrano, ad esempio, non ha subito alterazioni chimiche, ma subisce una lunga stagionatura.

Tuttavia, la salsiccia ha additivi nella sua composizione che possono renderlo pericoloso per la salute a medio termine. Uno di questi sono i nitriti, che hanno dimostrato di essere dannosi.

Gli esperti sottolineano che la carne e le carni lavorate possono essere incluse in una dieta equilibrata, ma dovrebbe essere fatta con moderazione e ridurre le attuali quantità di consumo. Ci sono altre fonti molto salutari di proteine e sostanze nutritive nel pesce, nelle uova, nei legumi o nel tofu.

Nel caso delle donne in gravidanza, queste raccomandazioni sono diverse a causa dei pericoli aggiuntivi che l’intossicazione alimentare può comportare.

Le donne incinte possono mangiare insaccati?

Il fatto che le donne possano o non possano consumare insaccati in gravidanza è legato alla possibile presenza di batteri in questo tipo di alimenti. Uno dei rischi possibili e forse il più noto è quello della toxoplasmosi, che viene rilevata con un test specifico.

All’inizio della gravidanza, di solito viene eseguito un toxotest per determinare se la madre ha già sofferto di questa malattia (che può essere eseguita solo una volta). Se è positivo, gli operatori sanitari possono consigliare l’assunzione di alcune salsicce specifiche.

Ma ci sono altri batteri come Listeria o E. Choli che possono essere presenti nella carne cruda e che i processi di stagionatura e salatura delle salsicce non riescono ad eliminare al 100%. L’unico modo per rimuoverli è scaldare e cuocere bene la carne.

L’avvelenamento può non colpire la madre ma essere molto dannoso per il bambino. Se attraversa la placenta e raggiunge il feto, aumenta il rischio di parto prematuro, aborto spontaneo e malformazioni congenite.

Quindi quali si possono mangiare in gravidanza?

Quelli che sono ammessi nella dieta durante la gravidanza sono quelli che vengono cucinati. Tra questi ci sono:

  • Prosciutto di York.
  • Prosciutto cotto e tacchino.
  • Il bolognese.

Alcuni tipi di prodotti a base di carne come salsicce, pancetta o wurstel possono essere consumati purché sufficientemente cotti e consumati ancora caldi.

Al contrario, non sono adatti tutti quelli che hanno subito un processo di stagionatura o salatura ma non sono cotti. Alcuni batteri patogeni possono sopravvivere a questo processo di fermentazione e sarebbero considerati grezzi:

  • Fuet.
  • Salame.
  • Salsiccia.
  • Sopressata.
  • Prosciutto crudo.
  • Lonza di maiale.
  • Paté a base di fegato e carne cruda.

Quantità di insaccati da mangiare in gravidanza

Quando si parla di una dieta sana, insistiamo sulla necessità di varietà tra gli alimenti inclusi nella linea guida. Per questo motivo, gli insaccati non dovrebbero essere completamente limitate se fanno già parte della dieta regolare della madre.

In ogni caso, è importante moderarne il consumo, poiché molti di loro non hanno una grande qualità nutrizionale. Il più consigliato di tutti è il prosciutto cotto o il petto di tacchino. Hanno alcuni additivi, ma sono a basso contenuto di zuccheri semplici e grassi idrogenati. Sono una fonte di proteine in grado di completare il fabbisogno quotidiano.

Donna incinta in visita medica per conoscere il risultato del toxotest.

In modo ottimale, questi alimenti non compaiono nella dieta più di 2 o 3 volte a settimana. In questo modo si garantisce che l’assunzione di conservanti non sarà eccessiva, ma allo stesso tempo si potrà godere del loro gusto, della loro praticità e del contenuto proteico che presentano.

Allo stesso modo, non bisogna dimenticare che l’assunzione di salsicce e carni rosse comporta altri rischi per la salute dell’intera popolazione in generale. Le ultime scoperte suggeriscono di limitarne il consumo a causa della sua possibile relazione con il cancro del colon.

Esistono invece altre possibili alternative di cui si può tenere conto, soprattutto a colazione o tramezzini, ovvero quando si utilizzano maggiormente gli insaccati:

  • Pesce come sardine, acciughe o sgombri.
  • Hummus, diffusione di lenticchie grattugiate o tofu arrotolato grigliato.
  • Formaggi a base di latte vaccino pastorizzato.
  • Noccioline.
  • Yogurt.
  • Uova sode.

Altri consigli sugli insaccati in gravidanza

Oltre a sapere quali sono le quantità consigliate di questo tipo di alimento in una dieta sana, ci sono altre raccomandazioni che devono essere prese in considerazione per evitare i rischi di avvelenamento associati alle salsicce:

  • Tutte le carni devono essere cotte alla giusta temperatura (circa 75 gradi). Inoltre, i succhi devono asciugarsi completamente e non devono rimanere residui di rosa all’interno. Questo consiglio è valido per salsicce o hot dog.
  • Tutti i salumi che si acquistano devono essere di qualità e avere tutte le garanzie che vengano rispettate le opportune misure igieniche. È inoltre preferibile leggere le etichette e acquistare prosciutto, tacchino e mortadella che contengono più carne e meno additivi, zucchero o amidi nella loro composizione.
  • Le basse temperature non uccidono alcuni batteri, ma possono impedirne la crescita. Pertanto, le salsicce dovrebbero essere conservate in frigorifero a una temperatura di circa 4 gradi Celsius. A seconda del tipo di prodotto, possono durare dai 2 ai 5 giorni. Quindi è meglio consumarli nel più breve tempo possibile.

Nonostante tutte queste raccomandazioni e il fatto che ci siano salsicce che si possono consumare durante la gravidanza, ricorda che alcuni esperti non le includono tra gli alimenti di consumo regolare. Pertanto, dovrebbero essere introdotti in modo tempestivo poiché i nutrienti che forniscono possono essere ottenuti da altre fonti più adatte.

Fate attenzione con gli insaccati in gravidanza

L’assunzione di questi alimenti durante la gravidanza è fonte di opinioni divergenti tra gli esperti, poiché alcuni consigliano di evitarli del tutto e altri di introdurre quelle varietà che non sono crude o stagionate.

In ogni caso, se si vogliono mangiare salsicce di tanto in tanto, la prima raccomandazione è quella di consultare uno specialista in modo che possa guidarvi e risolvere eventuali dubbi pendenti su questo argomento e sulla dieta in gravidanza in genere. Inoltre, se in qualsiasi momento avete dei dubbi su una particolare salsiccia, è sempre meglio evitarla.

Anche così, non dimenticare che la dieta deve essere composta da cibi freschi. I processi industriali possono essere inclusi in occasioni specifiche, ma non dovrebbero essere predominanti in una dieta equilibrata.

Potrebbe interessarti ...
Mangiare mortadella in gravidanza: sì o no?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Mangiare mortadella in gravidanza: sì o no?

Mangiare mortadella in gravidanza è consentito dal punto di vista igienico, ma non è raccomandato dai medici.



  • Crowe W, Elliott CT, Green BD. A Review of the In Vivo Evidence Investigating the Role of Nitrite Exposure from Processed Meat Consumption in the Development of Colorectal Cancer. Nutrients. 2019 Nov 5; 11 (11): 2673.
  • Condoleo R, Rinaldi L, Sette S, Mezher Z. Risk Assessment of Human Toxoplasmosis Associated with the Consumption of Pork Meat in Italy. Risk Anal. 2018 Jun; 38 (6):1202-1222.
  • Gobierno de Cantabria. Consejería de Sanidad y Servicios Sociales. La seguridad alimentaria en el embarazo.
  • Mayo Clinic. Listeria infection (listeriosis). Febrero 2022.
  • Organización Mundial de la Salud (OMS). El centro internacional de investigaciones sobre el cáncer evalúa el consumo de la carne roja y la carne procesada. Octubre 2015.
  • U. S. Food and Drug Administration. Refrigerator and freezer storage chart. Marzo 2018.
  • U. S. Department of Agriculture. My Plate. Protein Foods.