Iperlessia: cos'è e come si manifesta?

L'iperlessia è una sindrome la cui caratteristica principale è l'apprendimento precoce della lettura, ma con meccanismi diversi dal solito. Scopriamone di più a riguardo.
Iperlessia: cos'è e come si manifesta?

Ultimo aggiornamento: 14 giugno, 2022

L’iperlessia è un disturbo della lettura che ha due caratteristiche essenziali. Da un lato, i bambini che ne soffrono manifestano una precoce capacità di lettura e, dall’altro, hanno grossi problemi a capire ciò che leggono e persino a usare il linguaggio verbale.

Il fenomeno è prodotto da una precoce capacità di decodificare le parole scritte, che non è coerente con la loro capacità di comprensione. In generale, a questi bambini piacciono i numeri e le lettere e hanno una memoria notevole. Ma… Sono più intelligenti degli altri? Ne parliamo in questo articolo. Non perdetevelo!

Cosa intendiamo per iperlessia?

Come abbiamo detto prima, l’iperlessia è una condizione in cui i bambini mostrano una capacità di lettura superiore a quella prevista per la loro età. Sono piccoli affascinati dai numeri, dalle lettere o da entrambi, e possono persino decifrare una parola scritta a soli 2 anni.

Tuttavia, nonostante leggano presto, hanno difficoltà a comprendere ciò che leggono e, in generale, anche a raggiungere un’adeguata gestione della lingua orale. È molto comune che parlino in un modo particolare e abbiano persino difficoltà a stabilire un legame con i loro coetanei.

Secondo gli esperti di autismo, J. Martos-Pérez, R. Ayuda-Pascual, l’iperlessia può essere definita come segue:

L’iperlessia è un disturbo della lettura. Consiste nella capacità di leggere con una perfezione inappropriata per la loro età, ma spesso con una comprensione molto limitata. Leggono molto bene ma non capiscono quello che leggono.”

ragazzo legge con il libro e orso sul letto a castello inferiore
I bambini con iperlessia sono caratterizzati da un livello di lettura superiore al loro livello di comprensione e persino alle loro capacità linguistiche e comunicative.

Come fanno questi bambini a imparare a leggere così presto?

I bambini con iperlessia non imparano a leggere normalmente (cioè imparando prima i suoni, poi le parole e infine le frasi).

Questi piccoli leggono per via della loro squisita memoria: conservano parole, frasi o anche intere conversazioni, attraverso ciò che percepiscono quotidianamente dall’ambiente.

Ad esempio, attraverso ciò che sentono dagli adulti, i media, la televisione, le pubblicità oi libri che leggono loro.

In questo modo, quando leggono delle frasi è perché le hanno già ascoltate e memorizzate o perché hanno diviso ciò che hanno sentito per plasmare le proprie frasi ed espressioni.

Quali sono i segni che un bambino ha l’iperlessia?

I bambini con questa sindrome hanno anche alcuni segni caratteristici come i seguenti :

  • Non possono fare a meno di leggere tutto ciò che vedono.
  • Hanno una grande memoria visiva e uditiva.
  • Hanno difficoltà a comprendere e comprendere concetti astratti.
  • Trovano difficoltà nel normale sviluppo del linguaggio orale.
  • Hanno difficoltà a socializzare con i loro coetanei.
  • Sono avidi di lettura spontanea fin dalla tenera età.
  • Possono presentare alcune caratteristiche tipiche del disturbo dello spettro autistico (ASD).

Relazione tra iperlessia e ASD

L’iperlessia può apparire isolata, ma può anche essere accompagnata da altri disturbi dello sviluppo, come l’autismo. Per scoprire se è un sintomo di questo disturbo è importante la valutazione da parte di un professionista qualificato.

Se l’iperlessia è accompagnata da comportamenti stereotipati e ripetitivi, difficoltà comunicative e linguistiche, interessi restrittivi, iper o iposensibilità o difficoltà di socializzazione, potremmo sospettare un bambino con ASD.

Sintomi comuni tra iperlessia e ASD

Un bambino con iperlessia ha difficoltà con il pensiero astratto e può avere sintomi in comune con ASD, anche se soddisfa i criteri per definire questo disturbo. Tra quei sintomi comuni tra entrambe le condizioni, spiccano i seguenti:

  • Inversione dei pronomi.
  • Grande memoria visiva e uditiva.
  • Inflessibilità nel cambiare le routine.
  • Paure intense di cose specifiche.
  • Ecolalia infantile.
  • Ascolto selettivo.
  • Disturbi dell’integrazione sensoriale.
Madre con la figlia con autismo che effettuano uno dei programmi di intervento.
La lettura precoce, che è accompagnata da difficoltà di comunicazione, linguaggio e interazione sociale, potrebbe corrispondere a un sintomo di ASD.

Riflessioni conclusive

In breve, l’iperlessia può manifestarsi come un problema isolato o come parte di un altro disturbo evolutivo, come un disturbo del linguaggio o ASD. Da qui l’importanza di richiedere una valutazione professionale se sospettate che vostro figlio abbia qualcuno di questi segni.

Tenete presente che lo sviluppo dell’alfabetizzazione segue fasi definite, che sono strettamente legate alla creazione di nuove reti neurali. A loro volta, queste dipendono da adeguate esperienze ambientali, che sono importanti in presenza delle giuste basi.

“Non è per alzarsi presto che ti svegli prima”, dice il proverbio. Per questo motivo, il fatto che un bambino legga presto non sempre è indice di un’intelligenza superiore agli altri. Quindi, se vostro figlio soddisfa queste condizioni che abbiamo menzionato, è meglio consultare il pediatra per determinare se si tratti o meno di un caso di iperlessia. In effetti, prima verrà trattata questa condizione, migliori saranno i risultati.

Potrebbe interessarti ...
Il ritardo semplice di linguaggio
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il ritardo semplice di linguaggio

Il ritardo semplice di linguaggio è una difficoltà di tipo lieve che sorge nel momento di sviluppare il linguaggio. In altre parole, non presuppone...



  • Pérez, J. M., & Pascual, R. A. (2003). Autismo e hiperlexia. Revista de neurología36(1), 57.
  • Sage, D. S. (2012, August). Cuando se lee demasiado bien: el caso de la hiperlexia. In Dislexia: Definición e intervención en hispanohablantes (pp. 63-76). Editorial El Manual Moderno.
  • Restrepo, F. L., & Pérez, C. M. U. (1998). Hiperlexia y autismo. Iatreia, pág-77. En internet: https://revistas.udea.edu.co/index.php/iatreia/article/view/3656