Ecolalia infantile: sintomi e trattamento

24 Ottobre 2019
L'ecolalia è un disturbo del linguaggio non molto frequente e di cui si sa molto poco. Per questo motivo, spesso i genitori non sanno come comportarsi.

Avete mai sentito parlare dell’ecolalia? Si tratta di un disturbo del linguaggio di cui si sa molto poco. Ciò che è certo è che il bambino che ne soffre tende a ripetere involontariamente una parola o una frase pronunciata da un interlocutore. In questo articolo parleremo dell’ecolalia infantile, inclusi sintomi e trattamento.

Questo disturbo del linguaggio del bambino si presenta come un’eco ed è caratterizzato dalla ripetizione semiautomatica e compulsiva di parole o frasi. Molto spesso i bambini affetti da ecolalia imitano persino l’intonazione originale dell’interlocutore. Capita spesso che i genitori non sappiano come comportarsi di fronte a questo disturbo. Per questo motivo, parliamo di ecolalia infantile.

Tipi di ecolalia infantile

Esistono diversi tipi di ecolalia infantile. È possibile operare una serie di classificazioni in base all’aspetto considerato. Pertanto, gli specialisti distinguono la tipologia di questo disturbo linguistico a seconda del tempo che trascorre tra l’emissione originale e l’eco, la forma della ripetizione e la sua intenzione comunicativa.

Bambino con ecolalia

Classificazione basata sul tempo necessario per propagare l’eco

  • Ecolalia immediata. La ripetizione delle emissioni originali si verifica quando sono state appena prodotte.
  • Ecolalia ritardata. L’eco ha luogo dopo che è trascorso un certo periodo di tempo. Possono essere minuti, ore e persino settimane intere.

Secondo l’intento comunicativo

  • Eco funzionale. In questo caso il bambino manifesta un’intenzione comunicativa o informativa.
  • Eco non funzionale. Questo tipo di ecolalia manca di uno scopo comunicativo. Pertanto, viene considerata auto-stimolante.

Classificazione basata sul confronto tra la forma della frase originale e l’eco

  • Eco esatto. I modelli originali e ripetuti sono esattamente identici ed uguali.
  • Eco ridotto. Solo una parte della versione primaria viene riprodotta fedelmente. Di solito è l’ultima parte.
  • Eco espanso. In questo caso, sebbene vengano introdotte alcune modifiche, non riguardano la struttura generale della frase.
  • Eco mitigato. Le modifiche alla proposta del modello hanno luogo qui. Questo denota competenze creative per riordinare la struttura generale.

Come si cura l’ecolalia infantile?

Tuttavia, la complessità di questo tipo di disturbo infantile risiede nel trattamento, che dipende dal tipo di patologia trattata. Per questo, è essenziale stabilire un tipo di classificazione permanente per determinare le modalità di intervento.

Trattamento per l’ecolalia infantile funzionale ritardata

L’idea di questo intervento è di sfruttare l’eco ritardata, purché abbia alcune funzionalità comunicative. Pertanto, l’obiettivo finale è quello di fornire dei modelli verbali che servano il bambino per raggiungere i propri scopi.

Naturalmente, l’alternativa offerta al bambino deve essere adattata al livello del suo sviluppo. Parallelamente, l’alternativa all’eco deve essere realizzata con la massima precisione comunicativa o informativa. L’idea è quindi quella di massimizzare tutte le emissioni.

Questo trattamento ha bisogno di un impegno di tipo progressivo con alte dosi di pazienza. Ad ogni stadio, il livello di complessità delle proposizioni inizia ad aumentare. Una volta che il bambino ha raggiunto il compito nell’esercizio, viene attivata un’azione che funziona come una reazione alla sua proposizione correttamente elaborata.

Dialogo tra padre e figlio
Trattamento per l’ecolalia immediata

Secondo questo modello, il terapeuta proverà a sottoporre il bambino affetto da ecolalia ad una serie di stimoli discriminatori. Lo scopo è che il bambino capisca, rilevi e determini in quali occasioni è opportuno consentire questa emissione involontaria.

Per questo, è fondamentale che il bambino impari a distinguere ciò che dovrebbe essere ripetuto da ciò che non ha senso. In questo modo gli verrà insegnato a ripetere solo quando espressamente richiesto. In questo caso, gli specialisti possono fare appello a diversi metodi di lavoro.

Trattamento per l’ecolalia non funzionale

Qui sorge un conflitto. Poiché si tratta di un disturbo non funzionale, implica un certo impedimento nello sviluppo linguistico. Di conseguenza, diventa un vero ostacolo comunicativo per chi ne soffre.

Pertanto, lo specialista cercherà in questo caso di eliminare totalmente l’ecolalia infantile. A tal fine, una delle strategie più efficaci consiste nello spiegare al bambino che questi tipi di echi non sono adatti in contesti specifici.

Tuttavia, per questo tipo di patologie vengono utilizzate una serie di tecniche comportamentali che possono essere multiple, quali l’auto-registrazione, il rafforzamento di comportamenti incompatibili, il timeout e molti altri.