L’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale

22 Settembre 2019
I sintomi della sindrome premestruale possono essere molto fastidiosi e talvolta persino invalidanti. Per fortuna, è possibile alleviarli con alcuni alimenti.

La sindrome premestruale è un insieme di sintomi fisici, psicologici e comportamentali che colpiscono l’80% delle donne. È importante sapere che la forma grave è nota come disturbo disforico premestruale e che questo colpisce l’1,3-5,3% della popolazione. Sappiate che talvolta, l’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale può essere efficace.

Questi sintomi compaiono nella fase luteale (dopo l’ovulazione) e terminano 2 o 3 giorni dopo le mestruazioni. Se siete stanche di assumere farmaci antinfiammatori e antidolorifici, continuate a leggere, poiché potete usare l’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale.

Sintomi clinici della sindrome premestruale

La sindrome premestruale si manifesta con almeno uno dei seguenti sintomi:

  • Gonfiore addominale.
  • Dolore al seno.
  • Mal di testa.
  • Dolori muscolari o articolari.
  • Ritenzione idrica.
  • Aumento di peso.
  • Ansia.
  • Mancanza di concentrazione.
  • Stanchezza.
  • Irritabilità e alterazione dell’umore.
  • Tristezza.

Questi sintomi di solito si verificano per almeno 3 cicli consecutivi. D’altra parte, nel disturbo disforico premestruale, ci devono essere almeno 5 sintomi.

Mal di pancia mestruale

Cause della sindrome premestruale

Tutto dipende dagli alti e bassi ormonali di estrogeni e progesterone. Durante questa fase, gli estrogeni sono bassi e il progesterone è al suo apice. Di conseguenza, agiscono alterando i livelli di neuro trasmettitori come serotonina, dopamina e GABA, la cui funzione è quella di regolare l’umore. Anche la pressione sanguigna risulta alterata.

Attraverso tutti questi processi, l’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale può fornire le sostanze nutritive in grado di contrastare e ridurre i sintomi. Questi nutrienti tendono a diminuire durante questo periodo. Pertanto, altri fattori di rischio sono il tabacco e lo stress.

L’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale

Perché è essenziale includere i cibi ricchi di Omega 3 nell’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale? Fondamentalmente, perché si tratta di un anti-infiammatorio che agisce sul cervello aumentando la concentrazione. Gli Omega 3 sono fondamentali per ridurre la gravità e la durata del cattivo umore, il gonfiore addominale e l’ansia.

Gli alimenti ricchi di Omega 3 sono il pesce azzurro (sardine, salmone, acciughe e tonno), le noci (soprattutto le mandorle), i semi. Sono noti anche i benefici dell’olio di enotera, che contiene acido linoleico.

Come tenere sotto controllo l’umore con la vitamina B6

La vitamina B6 è un co-fattore coinvolto nella sintesi del triptofano, un precursore della serotonina e della dopamina. Durante la fase premestruale, questi neuro trasmettitori sono bassi, per cui siamo più sensibili, facilmente eccitabili e tristi.

La vitamina B6 è contenuta nelle banane, nei fiocchi d’avena, nel cacao puro, nell’ananas, nel salmone, nelle uova e nell’avocado.

Il magnesio nell’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale

Il magnesio riduce il dolore muscolare e fa parte dell’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale.

Il magnesio è un minerale i cui livelli ematici sono ridotti durante questa fase. Con un deficit, l’aldosterone aumenta, causando un aumento della ritenzione idrica e, a sua volta, una diminuzione della dopamina.

Inoltre, la sua funzione principale è quella di far comunicare tra loro le fibre muscolari, quindi se non abbiamo abbastanza riserve, compaiono i crampi. Il magnesio si trova nei semi, nei legumi, nel miglio e nella quinoa.

Alimentazione per alleviare la sindrome premestruale

La sinergia tra calcio e vitamina D

Come è già stato detto, gli estrogeni durante la fase premestruale sono bassi. Allora, cosa succede? Come prima cosa, aumenta l’ormone PTH, rendendo difficile l’assorbimento del calcio. Se anche la vitamina D si abbassa, la situazione si aggrava. Pertanto, è essenziale consumare cibi come broccoli, cavoli, mandorle, fagioli, yogurt e formaggi di capra, nonché pesce azzurro e uova. Inoltre, non dimenticare di esporsi al sole, almeno per 15 minuti al giorno.

Cibi che aggravano la sindrome premestruale

Come con qualsiasi patologia, ci sono dei cibi che influenzano negativamente lo sviluppo e l’intensità della sindrome premestruale. Si distinguono in particolare:

  • Alcol.
  • Caffè e bevande energetiche contenenti caffeina, che genera una diminuzione delle riserve di B6. Un’alternativa è quella di bere caffè o infusi decaffeinati.
  • Bevande analcoliche fredde.
  • I pasticcini, compresi i biscotti.
  • I cibi da fast food (pizza, hamburger…).
  • Snack salati.
  • Cibi fritti.

L’esercizio fisico per alleviare la sindrome premestruale

Oltre all’alimentazione, l’esercizio fisico ha un effetto rilassante, anestetico, antinfiammatorio e migliora l’umore, stimolando la produzione di endorfine. Inoltre, ha anche degli effetti positivi sulla salute fisica e metabolica.

L’attività fisica migliora il profilo lipidico, è anti ipertensiva, inotropa positiva, cronotropa negativa, vasodilatatrice e diuretica. Inoltre aiuta a perdere peso, è lassativa, tranquillante, ipnotica e antidepressiva”.

-Dr William C. Roberts-

Vale la pena fare sport almeno 3 volte a settimana, realizzando esercizi aerobici, come correre, camminare o andare in bicicletta. Si consiglia inoltre di combinare questi esercizi con quelli che richiedono forza.

Ecco tutto ciò che dovreste sapere sull’alimentazione per alleviare la sindrome premestruale. Ricordatevi di prendervi sempre cura di voi e riposare per ritrovare la forza, poiché spesso ci si dimentica dell’importanza del riposo.

  • Hofmeister, S; Bodden, S. Premesntrual Syndorme and Premesntrual Dysphoric Disorder. Am Fam Physician 2016, 94(3): 236-40.
  • Douglas,S. Premenstrual syndrome: evidence-based treatment in family practice. Can Fam Physician 2002, 48: 1789-97.
  • Farasati, N; Siassi, F; Koohdani, F; qorbani,M; Abashzadeh, K y Sotoudeh, G. Western dietary pattern is related to premesntrual syndrome: a case-control study.  Br J Nutr 2015, 114: 2016-21.
  • Moslewhi, M; Arab, A; Shadnoush,M y Haijanfar, H. The association between serum magnesium and premesntrual syndrome: a systematic review and meta-analysis of observational studies. Biol Trace Elem Res 2019.
  • Ebrahimi, E; Khayati Motlagh,S, Neamti, S y tavakoli,Z. Effects of magnesium and vitamin B6 on the severity of premesntrual syndrome. J Caring Sci 2012, 1(4): 183-9.
  • Chocano.-Bedoya, PO; Manson, JE; Hankinson SE; Johnson, SR; Chasan-Taber, L; Ronenberg, AG et al. Intake of selected minerals and premenstrual syndrome. Am J Epidemiol 2013, 177(10): 1118-27.
  • Behboudi-Gandevani, S; Hariri, FZ y Moghaddam-Banaem, L. The effect of omega 3 fatty acid supplementation on premenstrual syndrome and health-related quality of life: a randomized clinical trial. J Psychosom Obstet Gynaecol 2018, 39(4): 266-72.
  • Sohrabi, N; Kashanian, M; Ghafoori, SS y Malakouti, SK. Evaluation of the effect of omega-3 fatty acids in the treatment of premenstrual syndrome: a pilot trial. Complement Ther Med 2013, 21(3): 141-6.
  • Ghanbari,Z; Haghollhi, F; Shariat, M; Foroshani, AR y Ashrafi, M. Effect of calcium suplement therapy in women with premesntrual syndrome. Taiwan J Obstet Gynecol 2009, 48(2): 124-9.
  • Gold, E; Bair, Y; Block, G; Greendale, G; Harlow, S, Johnson, S et al. Diet and lifestyle factors associated with premesntrual symptoms in a racially diverse community sample: Study of Women’s Health Across the Nation (SWAN). J Womens Helath 2007, 16(5): 641-56.
  • Bertone-Johnson, ER; Hankinson, SE; Bendich, A; Johnson,SR, Willer, WC y Manson, JE. Calcium and vitamin D intake and risk of incident premenstrual syndorme. Arch Intern Med 2005, 165(11): 1246-52.
  • Mohebbi Dehhnavi, Z, Jafarnejad, F y Sadeghi Goghary, S. The effect of 8 weeks aerobic exercise on severity of physical symptoms of premesntruak syndrome: a clinical trial study. BMC Womens Health 2018, 18 (1): 80.
  • Daley, A. Exercise and premesntrual symptomatology: a comprehensive review. J Womens Health 2009, 18(6): 855-9.
  • Cheng, S; Shih, C; Yang, Y; Chen, K, Chang, Y y Yang, Y. Factors associated with premenstrual syndrome-A survey of new female university students. ElSevier 2013, 29: 100-05.