Che cos’è la dipendenza da esercizio fisico e perché si presenta?

18 Aprile 2019
La dipendenza da esercizio fisico esiste e colpisce un numero crescente di persone, sempre più ossessionate dalla forma.

Per mantenersi in buona salute è necessario praticare qualche sport, accompagnato da un’alimentazione sana ed equilibrata. Tuttavia, ogni eccesso finisce per essere dannoso. Può accadere, quindi, che, svolgendo molta attività, stiate forzando il vostro corpo più del necessario. Che cos’è la dipendenza da esercizio fisico e come potete sapere se ne siete vittime? Per saperne di più, vi invitiamo a continuare a leggere questo articolo.

Come si comporta una persona che presenta una dipendenza da esercizio fisico?

La linea di demarcazione che separa la pratica di uno sport dalla dipendenza da esercizio fisico è così sottile che può essere oltrepassata da un momento all’altro. Tuttavia, esistono evidenti differenze nel comportamento di chi ha sviluppato una dipendenza. Quest’ultimo, infatti, dimostra interesse unicamente nello svolgere i suoi allenamenti quotidiani. La sua vita ruota attorno a essi e, se non ha la possibilità di svolgerli, si sente frustrato.

Nelle righe che seguono, scoprirete quali sono i sintomi che segnalano la compulsione a praticare sport:

  • Non si gioca più per divertirsi, perché l’obiettivo principale è quello di vincere.
  • Chi ne soffre preferisce allenarsi da solo, al di fuori di una palestra, per poter fare più esercizi del necessario. Per lui, la cosa più importante consiste nel perfezionare il proprio corpo.
  • Ci si sforza molto più del normale per eseguire il movimento alla perfezione.
  • L’eccesso di esercizi potrebbe arrivare a provocare danni muscolari.
  • Si inizia a sviluppare aspettative poco realistiche su ciò che si otterrà grazie al proprio addestramento.
  • Inoltre, si perdono quantità notevoli di grasso corporeo in periodi di tempo molto brevi.
  • Anche il lavoro e la vita sociale passano in secondo piano rispetto alla pratica degli esercizi.

Praticare esercizi fisici è un fatto decisamente positivo, che fa bene a tutti. Avere la costanza di svolgerli regolarmente è senz’altro ammirevole. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non superare il confine e cadere nella dipendenza.

Ragioni per le quali qualcuno può sviluppare una dipendenza dagli sport

Esistono diversi motivi per i quali potreste diventare dipendente dagli sport senza nemmeno rendervene conto. Tutto dipende dai vostri obiettivi e da come vi sentite quando li realizzate. Ecco due situazioni ipotetiche:

Vi piace il modo nel quale vi sentite

Quando praticate esercizi, vi sentite bene. Ciò accade a causa della liberazione di ormoni chiamati endorfine, che danno una sensazione di euforia. Inoltre, la tensione e lo stress vengono eliminati, mentre, allo stesso tempo, l’adrenalina sale. Tutto ciò può portarvi a desiderare di continuare a sentirvi così per un periodo di tempo molto più lungo.

la dipendenza da esercizio fisico è provocata dalla sensazione di piacere che sentiamo quando pratichiamo dello sport

In questo modo, vi sentirete tentati di dedicarvi ogni volta di più a realizzare uno sforzo fisico maggiore. E se, per qualunque ragione, passa un giorno senza che abbiate la possibilità di svolgere l’esercizio previsto, vi sentite insoddisfatti.

Desiderate raggiungere un obiettivo

Se avete un obiettivo in mente, dovete sforzarvi per raggiungerlo. Per esempio, se desiderate ottenere un corpo snello e scolpito, avete bisogno di fare esercizio. Allo stesso tempo, se fate ginnastica o qualunque altro sport, avrete bisogno di ore e ore di pratica, per riuscire a compiere movimenti perfetti.

Tuttavia, dovete fare molta attenzione a non esagerare. In caso contrario, il risultato sarà l’opposto di quello desiderato: potreste farvi male.

Effetti della dipendenza da esercizio fisico

Proprio come accade per la dipendenza da altre sostanze, la dipendenza da esercizio fisico provoca danni niente affatto trascurabili. In particolare, sono i seguenti:

  • Provoca danni alle relazioni interpersonali, perché quasi non si dedica più tempo alla socializzazione.
  • Negli uomini, è stato rilevato un calo nella produzione di testosterone, così come gravi dolori muscolari.
  • Fatica, ansia e problemi nel cercare di rilassarsi.

Che cosa si può fare per superare la dipendenza da esercizio fisico?

La prima cosa che dovete fare per superare la dipendenza da esercizio fisico è riconoscere il problema. A questo scopo, rivolgetevi a un professionista, se possibile al vostro psicologo o psichiatra personale. Quest’ultimo sarà in grado di identificare la presenza del problema, dopo che gli avrete raccontato in che cosa consistono le vostre routine quotidiane. In questo modo, potrà sapere a che cosa date la vostra priorità.

per liberarsi dalla dipendenza da esercizio fisico, bisogna richiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta

Per potersi liberare completamente da questo disturbo, è necessario sottoporsi a una terapia. A prescriverla sarà lo psichiatra, che vi darà dei consigli su che cosa potete fare per superare la vostra ossessione per gli sport.

In conclusione, la dipendenza da esercizio fisico è un problema che colpisce non soltanto chi pratica sport. Infatti, ne rimangono coinvolte anche le persone che fanno parte dell’ambiente del soggetto interessato. In ogni caso, si tratta di un problema che è possibile superare, grazie all’aiuto di un professionista e un po’ di volontà e sforzo personale. Per questo motivo, se vi accorgete di dedicare molto tempo al vostro allenamento, autoanalizzatevi. Potreste stare sviluppando una dipendenza.

  • Antolin, V.; Gándara, J. J. de la; García, M. I., & Martín, A. (2009). “Adicción al deporte: ¿Moda postmoderna o problema sociosanitario?”, Norte de Salud Mental, 34: 15-22.
  • Márquez, S., & de la Vega, R. (2015). “La adicción al ejercicio: Un trastorno emergente de la conducta”, Nutrición Hospitalaria, 31 (6): 2384-2391.
  • Román, P. Á. L.; Obra, A. J.; Montilla, J. P., & Pinillos, F. G. (2016). “Dependencia al ejercicio físico e insatisfacción corporal en diferentes deportes de resistencia y su relación con la motivación por el deporte”, Revista de Psicología del Deporte, 71 (5): 658-662.