Il fumo passivo, un rischio per i bambini

Il fumo passivo è un problema quotidiano che colpisce la salute di milioni di bambini e neonati in tutto il mondo. Scoprite perché bisogna evitarlo.
Il fumo passivo, un rischio per i bambini
Leidy Mora Molina

Scritto e verificato da l'infermiera Leidy Mora Molina.

Ultimo aggiornamento: 01 febbraio, 2023

Sono noti gli effetti dannosi che le sigarette hanno sulla salute, che vanno oltre il danno per la persona che le consuma, perché quando c’è il fumo passivo il rischio di danno da questa sostanza si estende a tutta la famiglia, soprattutto ai bambini di casa. Ma quali sono le conseguenze del fumo passivo sui bambini? In questo articolo approfondiremo insieme l’argomento.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa 8 milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie legate al tabacco, di cui 1,2 milioni sono il risultato del fumo passivo.

Per quanto riguarda i bambini, più di 60.000 bambini di età inferiore ai 5 anni muoiono per infezioni delle basse vie respiratorie causate dal fumo passivo, oltre ad altre malattie derivanti dalla costante esposizione a queste sostanze nocive.

Cos’è il fumo passivo?

Il fumo passivo, detto anche fumo ambientale, è il fumo che nasce dall’espirazione di un fumatore e dalla combustione della punta della sigaretta (fumo secondario di corrente), che respirano i non fumatori.

Questo fumo ambientale diffuso da un fumatore è molto dannoso, pericoloso quasi quanto il fumo inalato dal fumatore, causando problemi di salute alle persone che lo inalano, soprattutto nei bambini.

Questo perché le tossine nocive in questo fumo si trasmettono direttamente o rimangono nell’ambiente in cui le persone hanno fumato in precedenza, come le pareti di casa, i mobili, i rivestimenti delle auto. Allo stesso modo, queste sostanze sono state trovate anche nei capelli dei bambini quando fumano vicino a loro.

Cosa fa il fumo passivo ai bambini?

Il principale fattore predisponente che il fumo passivo sia dannoso per i bambini è l’immaturità dei loro tessuti e il loro scarso sviluppo funzionale, che li fa risentire ancora di più dell’azione delle sostanze presenti nel fumo di sigaretta.

Il fumo esalato da un fumatore contiene più di 4.000 inquinanti tossici come catrame, gas tossici, metalli pesanti e molte sostanze irritanti. Questi possono essere presenti in fasi solide (macromolecole o particelle) e in forma gassosa. Del totale di queste sostanze, almeno 250 sono nocive per la salute e più di 50 sono cancerogene.

Ciò provoca, ovviamente, delle complicazioni per la salute del bambino, a maggior ragione quando l’esposizione al fumo di tabacco avviene fin dai primi mesi della nascita. Vediamo le conseguenze del fumo passivo nei bambini.

Sindrome della morte improvvisa del lattante

La sindrome della morte improvvisa del lattante è la principale causa di morte infantile tra un mese e un anno di età. Uno dei tanti motivi che possono scatenarlo è il fumo passivo.

Le sostanze chimiche tossiche come la nicotina e la cotinina possono influenzare il cervello e i polmoni sottosviluppati di un bambino alterando il loro processo respiratorio.

Tuttavia, durante la gravidanza, le conseguenze del fumo passivo sul feto possono essere piuttosto gravi. Aborto spontaneo, parto prematuro, basso peso alla nascita, alterazioni della funzionalità polmonare del bambino sono un esempio di questa esposizione. Ciò è ancora più grave quando è la madre a fumare, poiché per questa causa si verificano almeno 1.000 decessi infantili all’anno.

Malattie polmonari

I bambini che inalano passivamente il fumo di tabacco di solito soffrono di sintomi respiratori come allergie, naso che cola, mal di gola, tosse e respiro sibilante. Allo stesso modo, sono più inclini a infezioni respiratorie ricorrenti come bronchiolite, bronchite e polmonite.

Un’altra patologia comune in questi bambini è l’aumento del rischio di attacchi d’asma frequenti e gravi.

Malattie nell’orecchio

Il fumo passivo nei bambini aumenta il rischio di sviluppare frequenti infezioni dell’orecchio a causa di danni alla tromba di Eustachio, un tubo che collega l’orecchio alla faringe. Queste infezioni, a loro, volta possono portare altre conseguenze in futuro, come la perdita dell’udito.

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

L’inalazione passiva del fumo di tabacco in gravidanza o nei primi anni di vita aumenta il rischio che il bambino soffra di disturbi da deficit di attenzione, iperattività, problemi di apprendimento e altri disturbi neurologici.

Ipertensione arteriosa

Uno studio pubblicato sulla rivista Circulation of the American Heart Association, ha condotto un’analisi su un totale di 4.236 bambini in età prescolare, in cui hanno valutato la loro pressione sistolica confrontando bambini con genitori fumatori e non fumatori, oltre ad altri fattori di salute.

Questo studio ha concluso che i figli di genitori che fumano hanno il 21% in più di probabilità di avere la pressione sistolica alta (15% in più rispetto al normale), anche dopo aver correlato altri fattori predisponenti come peso alla nascita, indice di massa corporea, malattie cardiache e ipertensione nei genitori.

Tuttavia, c’è anche un aumentato rischio che i bambini esposti a questo fumo sviluppino una cardiopatia ischemica, a causa di danni all’endotelio dei vasi sanguigni.

Effetto del fumo passivo a lungo termine nei bambini

I bambini che sono stati esposti al fumo passivo dalla tenera età fino all’adolescenza hanno un rischio maggiore di soffrire di questi disturbi di salute in futuro:

  • Attacchi d’asma gravi.
  • Carie dentali.
  • Scarso sviluppo dei polmoni con ridotta capacità polmonare.
  • Sviluppo del cancro ai polmoni e altri tipi di cancro: quando un bambino è esposto al fumo di sigaretta, il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni è del 20% più alto nelle donne e del 35% negli uomini, rispetto alle persone che non sono state esposte a questo fumo fin dall’infanzia.
  • Malattie cardiache: le persone che sono state esposte al fumo di tabacco per lunghi periodi di tempo hanno un rischio maggiore dal 25% al 35% di subire un infarto del miocardio a causa di malattie coronariche.
  • Disturbi agli occhi, come la cataratta.
  • I bambini esposti al fumo di tabacco hanno più giorni persi da scuola e prestazioni fisiche inferiori.

Allo stesso modo, si stima che i figli di genitori fumatori abbiano il doppio delle probabilità di diventare anch’essi fumatori in futuro a causa della stimolazione della nicotina nel cervello, aumentando così il rischio di soffrire di queste patologie.

Come evitare il fumo passivo?

Il 90% dell’esposizione dei bambini al fumo di tabacco proviene da genitori fumatori e parenti stretti che fumano. Ecco perché devono essere prese in considerazione le seguenti precauzioni per evitare che questa condizione influisca sulla vita del bambino in futuro:

  • Evitate di fumare all’interno della casa o vicino alla finestra, allo stesso modo vietate ad altre persone di fumare all’interno dell’abitazione. Fatelo all’aperto, lontano da bambini e donne in gravidanza, ma se possibile smettete di fumare.
  • Non fumate all’interno dell’auto. L’espirazione del fumo dal finestrino dell’auto non riduce l’esposizione al fumo all’interno dell’auto.
  • Se qualcuno fuma vicino a vostro figlio, chiedetegli di non farlo.
  • Insegnate ai vostri figli a evitare il fumo passivo.
  • Impedite ai bambini di recarsi in luoghi pubblici dove è consentito fumare, anche se non ci sono fumatori in quel momento, le sostanze chimiche rimangono nell’ambiente.

Sebbene il fumo passivo sia rischioso per tutti, sono i neonati e i bambini a subire le maggiori conseguenze per la salute di questa esposizione; un ambiente totalmente privo di fumo è l’unica cosa che li protegge da questi rischi.

Potrebbe interessarti ...
Fumare in gravidanza potrebbe modificare il DNA del feto
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Fumare in gravidanza potrebbe modificare il DNA del feto

Gli specialisti concordano sul fatto che fumare in gravidanza puoi danneggiare il bambino, quindi è meglio pensarci bene prima di farlo.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.