L'importanza della vitamina K per i neonati

27 settembre, 2019
L'importanza della vitamina K nei neonati è dovuta al ruolo che questa vitamina ha nel prevenire le emorragie.
 

Ci sono molte ragioni per cui un bambino può nascere con un livello basso di vitamina K. Una di queste è perché essa non attraversa facilmente la barriera placentare. Questo composto è molto importante per la vita del bambino perché può prevenire la malattia emorragica del neonato (detta infatti emorragia da deficit di vitamina K). Vediamo insieme l’importanza della vitamina K per i neonati.

Sebbene sia una condizione molto rara, può verificarsi con maggiore incidenza nei bambini nati dopo nascite complicate, parti cesarei, neonati prematuri e madri che hanno dovuto assumere farmaci per la coagulazione, l’epilessia e la tubercolosi durante la gravidanza.

La somministrazione tempestiva di questa vitamina nei neonati – la cui carenza può essere determinata attraverso gli esami medici di routine – può salvare la vita di un bambino, poiché bassi livelli possono causare emorragie interne, o esterne alle orecchie e al naso.

Un milligrammo di vitamina K può impedire al neonato di presentare emorragie interne, che in molti casi sono impercettibili. Quando viene rilevata la mancanza di questa vitamina attraverso i relativi esami medici, si interviene somministrando un milligrammo di vitamina K per via intramuscolare. Continuate a leggere per capire l’importanza della vitamina K per i neonati.

Allattamento al seno
 

Il latte materno è ricco di vitamina K

L’insufficienza di vitamina K ha molte soluzioni e una di queste è l’allattamento al seno. Il latte materno è ricco di questa vitamina. Questo è il motivo per cui le dosi che vengono normalmente somministrate al bambino sono molto basse e sono state create appositamente per prevenire le emorragie.

Il primo latte che nasce dal seno della madre, chiamato colostro, è molto ricco di nutrienti e vitamina K. Ecco perché l’allattamento al seno riduce anche il rischio di emorragie a causa della mancanza di questa vitamina. È essenziale che il bambino assuma il colostro alla nascita e che sua madre si assicuri che tutto il latte venga estratto, poiché l’ultimo latte è quello che contiene la maggior quantità di vitamina K.

Anche il latte in polvere contiene buone quantità di vitamina K, solo per prevenire emorragie nel bambino. Tuttavia, l’ideale è che il bambino durante i primi mesi dalla nascita venga allattato esclusivamente al seno e con latte materno.

Il colostro previene le emorragie

La somministrazione di vitamina K è una delle linee guida normalmente seguite dal personale sanitario presente a un parto. Sulla base di vari studi, i medici raccomandano di applicare una singola iniezione tra le prime 2-4 ore di vita. Questa è l’unica procedura dolorosa per il bambino dopo la nascita.

Sebbene la vitamina K possa essere somministrata per iniezione o per via orale con poche gocce, gli specialisti consigliano l’iniezione per assicurare che il bambino non soffra di emorragie.

 

Questa iniezione può essere effettuata quando la madre sta allattando al seno il suo bambino, perché il contatto pelle a pelle aiuta il neonato ad assimilare il dolore della puntura.

Un bambino sano sarà un adulto felice.

-Anónimo-

Importanza della vitamina K per i neonati

In caso di carenza di vitamina K, l’iniezione viene somministrata per evitare la malattia emorragica del neonato, che sebbene sia rara, può causare conseguenze molto gravi per il bambino. Ecco perché l’iniezione è così raccomandata.

Questa malattia è caratterizzata da un quadro emorragico che l’organismo del neonato non può fermare naturalmente, a causa della carenza di vitamina K.

L’emorragia di solito colpisce varie parti del corpo come il cordone ombelicale o l’apparato digerente e si manifesta in tre forme diverse a seconda del tempo di comparsa (precoce, classico o tardivo).

Iniezione vitamina k

La forma più comune, quella classica, si verifica tra i 2 e i 7 giorni di vita e colpisce lo 0,25-1,7% dei neonati che non hanno ricevuto la profilassi con vitamina K durante il parto. Non ci sono casi confermati nei bambini che hanno ricevuto la profilassi, come rivelano gli studi medici che pubblicati su questo argomento.

 

È importante sapere anche che la vitamina K è essenziale per la formazione di fattori che contribuiscono alla coagulazione del sangue.

Questa vitamina è sintetizzata naturalmente dal nostro intestino. Inoltre, è presente anche in una vasta gamma di alimenti come verdure a foglia verde, fegato, uova, semi di soia e alcuni frutti come il kiwi.

  • Moraes, M., Asconeguy, J., Medina, A., Le Pera, V., & Borbonet, D. (2011). Administración de vitamina K en la profilaxis de la enfermedad hemorrágica del recién nacido. Archivos de Pediatría del Uruguay82(3), 171-173.
  • Mihatsch, W. A., Braegger, C., Bronsky, J., Campoy, C., Domellöf, M., Fewtrell, M., … ESPGHAN Committee on Nutrition (2016). Prevention of Vitamin K Deficiency Bleeding in Newborn Infants: A Position Paper by the ESPGHAN Committee on Nutrition. Journal of pediatric gastroenterology and nutrition63(1), 123–129. doi:10.1097/MPG.0000000000001232
  • LA LECHE HUMANA, COMPOSICION, BENEFICIOS Y COMPARACIÓN CON LA LECHE DE VACA Extraído y adaptado de Manual de Lactancia para Profesionales de la Salud. Comisión de Lactancia MINSAL, UNICEF. Editoras C Shellhorn, V Valdés. Ministerio de Salud, UNICEF, Chile 1995.