La paura di essere giudicati nei bambini

La paura di essere giudicati è una cosa normale negli esseri umani, perché tutti abbiamo la tendenza a giudicare. L'importante è educare i bambini a non subire le critiche degli altri. Ti mostriamo come.
La paura di essere giudicati nei bambini

Ultimo aggiornamento: 12 giugno, 2022

Le persone sono esseri sociali che si sviluppano, imparano e crescono a contatto con gli altri. Per questo abbiamo bisogno di appartenere a un gruppo, di sentirci integrati, accettati, amati e rispettati. Ecco perchè è presente in noi la paura di essere giudicati.

In questo modo, non saremo ignari di ciò che la gente pensa di noi e, a volte, la preoccupazione per lo sguardo esterno potrebbe essere eccessiva e dannosa.

Fin dall’infanzia è possibile sviluppare la paura di essere giudicati e se non impariamo a controllarla, può portare a una fobia sociale.

I neonati e gli adolescenti stanno sviluppando pienamente la loro identità, il concetto di sé e l’autostima e sono particolarmente vulnerabili alle opinioni delle persone che li circondano.

Anche l’opinione dei loro coetanei su di loro può limitare le loro azioni. Pertanto, è molto importante educarli ad imparare ad affrontare le critiche e a lavorare sulla paura di essere giudicati.

I bambini e la paura di essere giudicati

Questa paura è normale e naturale durante l’infanzia, poiché in questa fase i bambini iniziano a sviluppare il concetto di sé e l’autostima. Entrambi i concetti saranno influenzati dalle opinioni degli altri su di essi e saranno le basi su cui si baserà la loro identità. In questo modo, le valutazioni che i piccoli hanno ricevuto e le esperienze vissute determineranno come si vedranno. Cioè, in modo positivo o negativo.

Tutti abbiamo la tendenza a confrontarci, a giudicare e criticare gli altri. Il problema sorge quando il bambino si sente giudicato in modo negativo e sviluppa la paura di ciò che gli altri pensano di lui. Di conseguenza, il bambino si nasconde dietro un guscio per evitare critiche, nel tentativo di compiacere gli altri.

L’eccessiva preoccupazione per lo sguardo dell’altro e la paura di essere giudicati compaiono nelle prime fasi della vita ed è fondamentale insegnare ai bambini a liberarsi da quel peso fin dalla tenera età.

Se questa paura non viene controllata, può portare a un disturbo d’ansia, che è la fobia sociale. In questo caso, la paura di essere valutati dagli altri interferisce con la quotidianità della persona, perché per evitare di rendersi ridicolo, si limita ad affrontare diverse situazioni.

Madre e figlio che ridono.
La valutazione dell’ambiente e l’interpretazione personale di questi messaggi, così come le emozioni vissute durante l’infanzia, creano la percezione che i bambini hanno di se stessi.

Chiavi per educare i bambini senza paura di essere giudicati

I genitori possono fornire ai bambini gli strumenti per aiutarli a perdere la paura di essere giudicati da altre persone. Così, possono mostrarsi così come sono, senza dover nascondere o fingere alcun ruolo.

Prendete nota di alcune delle raccomandazioni da integrare nell’educazione dei vostri figli:

  • Educateli fin da piccoli affinché si accettino e si amino così come sono, senza bisogno di sentirsi amato o amato da nessuno.
  • Prendetevi cura dell’autostima di vostro figlio e alimentatela quotidianamente attraverso un’educazione positiva.
  • Fornitegli sempre un’immagine reale e corretta di se stesso.
  • Scoprite quale interpretazione dà delle opinioni degli altri e come si sente nei loro confronti.
  • Spiegate che tutte le persone hanno la tendenza a giudicare e che tutto ciò che facciamo o siamo è suscettibile di ricevere l’opinione degli altri.

Ma non è tutto

  • Spiegategli chiaramente che ciò che fa non piacerà sempre a tutti, ma ciò non deve impedirgli di farlo. A nessuno piacciono tutti e l’importante è che gli piaccia se stesso e gli piaccia quello che fa.
  • Insegnategli a interpretare le critiche degli altri e la rilevanza che deve dare a ciascuno di loro. Anche se non possiamo evitarli, possiamo evitare di sentirci male per loro. Il nostro atteggiamento verso le valutazioni degli altri è il fattore che possiamo controllare.
  • Parlate loro dell’importanza di essere sempre se stessi e di non nascondersi per vivere la vita che ognuno vuole vivere. Nessuno sarà felice al posto nostro e, quindi, deve lottare per quello che vuole. E soprattutto nessuno deve obbligarlo a essere ciò che non è.
I bambini imparano a non giudicare gli altri e ad amare la diversità.
Rispetto, empatia e tolleranza sono pilastri fondamentali per una società giusta ed equa. Pertanto, è fondamentale instillare nei suoi figli l’importanza di conoscersi, accettarsi e amarsi l’un l’altro così come sono. Bene, in questo modo possono replicarlo con gli altri.

Sulla paura di essere giudicati nei bambini

La paura di essere giudicati è un problema umano naturale e lo sentiamo tutti ad un certo punto della nostra vita. Quando viene vissuta in modo eccessivo, può portare a conseguenze negative, come la comparsa di disturbi d’ansia e fobia sociale.

Per questo è importante che fin da piccoli insegniamo ai nostri figli tutto ciò che valgono, in modo che si sentano liberi dall’opinione degli altri.

Dobbiamo incoraggiare la conoscenza di sé e l’accettazione di sé nei nostri figli in modo che possano capire che la cosa più preziosa nella loro vita sono se stessi. Indipendentemente da ciò che le persone pensano o dicono, se sono chiare su chi sono e sono autentiche, si sentiranno meglio con se stesse.

“Pensa al tuo e non preoccuparti se piace agli altri.”

-Tina Fey-

Potrebbe interessarti ...
Educare al rispetto, non all’obbedienza o alla paura
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Educare al rispetto, non all’obbedienza o alla paura

Un bambino obbediente non è un bambino felice. L'obbedienza si ottiene quasi sempre attraverso la paura: la cosa migliore è educare al rispetto.



  • Bados, A. (2001). Fobia social. Madrid: Síntesis.
  • Sánchez-García, R., & Olivares, J. (2009). Intervención temprana en niños y adolescentes con fobia social. Anuario de psicología40(1), 75-88. Disponible en: https://www.redalyc.org/pdf/970/97020402006.pdf
  • Camilli Trujillo, C.R., Rodriguez, A (2008) Fobia social y terapia cognitivo-conductual. Definición, evaluación y tratamiento.  Anales de la Universidad Metropolitana, ISSN-e 1856-9811, Vol. 8, Nº. 1, 2008, págs. 115-137. Disponible en: https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=3622427