Le 10 grandi paure di una madre

25 febbraio, 2020
Le madri, si sa, tendono per natura a proteggere i figli. Ma le grandi paure di una madre, a volte, possono diventare eccessive e riflettersi sui figli in modo negativo.
 

Nel ruolo di madri, vogliamo sempre il meglio per i nostri figli. Le nostra attenzioni sono a detta di molti eccessive, ma solo noi sappiamo quali sono le grandi paure di una madre.

Vogliamo dedicare più tempo possibile ai nostri figli e anche una volta cresciuti, rimaniamo comunque dipendenti da ogni loro mossa.

Quali sono le grandi paure di una madre?

1. Quando il neonato dorme da solo per la prima volta. Quando nostro figlio dorme da solo per la prima volta nella sua cameretta, abbiamo paura che possa succedergli qualcosa, anche se si trova ad appena pochi passi di distanza da noi.

2. Temiamo che gli facciano del male. Che possa conoscere persone che potrebbero fargli del male o approfittare di lui, motivo per cui cerchiamo di insegnargli a distinguere le buone intenzioni da quelle cattive.

3. Abbiamo paura che possa sviluppare delle malattie gravi o terminali. Ci spaventa sempre il fatto che possa ammalarsi o soffrire.

4. Il fatto che possano allontanarlo da noi. Pensare che qualcuno potrebbe allontanarlo da noi è anche questa una grande paura.

5. Un disastro naturale che potrebbe separarci da lui. Quando sentiamo parlare di terremoti o tzunami che colpiscono alcune zone non riusciamo a non pensare a quelle madri separate per sempre dai propri figli.

6. Il fatto che potrebbe succederci qualcosa e che possa rimanere da solo. Chi potrebbe prendersi cura di lui meglio dei suoi genitori? Il fatto che potrebbe succederci qualcosa e che potrebbe rimanere da solo è anche questa una grande paura.

 

Altre paure..

7. La paura che possa non avere amor proprio. O che per un qualche motivo possa non amare se stesso.

8. Il fatto che potrebbe non raggiungere un’indipendenza. Anche questa è una grande paura in cui potremmo avere un certo grado di colpa determinato dal fatto che continui a dipendere sempre da noi.

9. Che non riesca a realizzare i suoi sogni. Vogliamo appoggiarlo e essere sempre al suo fianco perché riesca a raggiungere i propri obiettivi; ci fa paura il fatto che potrebbe rimanere deluso da qualcosa.

10. E, cosa più importante, il non poter avere certezza della sua felicità. La sua felicità è qualcosa che ci angoscia davvero, una delle nostre paure maggiori. Vogliamo più di ogni cosa la sua felicità.

Grandi paure di una madre: donna bacia suo figlio piccolo

Le nostre attenzioni sono sempre influenzate dalle nostre paure; paure che solo le madri possono capire alla perfezione. Ma come capire quando stiamo esagerando?

C’è una sindrome conosciuta come “sindrome di Wendy”, che consiste in un eccesso di senso di protezione della madre, con conseguenti possibili problemi per il bambino.

Una delle fortune più grandi che possano capitarti nella vita è avere un’infanzia felice

-Agatha Christie-

 

Cos’è la sindrome di Wendy?

Ricordate la storia di “Peter Pan”? Wendy vegliava e proteggeva sempre Peter, da qualsiasi cosa potesse ferirlo. Proprio in questo consiste questa sindrome: l’iperprotezione è talmente eccessiva che a volte la madre -che assume il ruolo di Wendy- dimentica se stessa. Non significa che questa sindrome sia una malattia, però può danneggiare il futuro dei nostri figli.

Gli psicologi sostengono che le persone che hanno sofferto di abbandono da parte dei genitori e di carenza d’affetto da piccoli possono arrivare a soffrire di questa sindrome perché vogliono dare ai propri figli tutto quello che è mancato loro.

Sintomi della sindrome di Wendy: le grandi paure di una madre

  • Cercano di fare sempre tutte le faccende domestiche. Non vogliono per nulla al mondo che i figli lavino i piatti, puliscano o cucinino la cena…
  • Non vogliono che i propri figli incontrino ostacoli. Cercano di deresponsabilizzarli, mettono in ordine per loro i libri che dovranno portare a scuola e li lasciano vincere durante un gioco…
  • Sono genitori che controllano e che predominano. Si aspettano sempre che i figli siano obbedienti.
  • Vogliono sempre compiacere gli altri. Rinunciano persino ai propri bisogni.
  • Si sacrificano sempre per i propri figli. Sono capaci di qualunque cosa per loro.
  • Fuggono dalle situazioni conflittuali. Non amano i problemi, cercano sempre di evitarli.
  • Si prendono eccessivamente cura dei propri figli. Cercano sempre di prendersene cura e di proteggerli da qualunque cosa.
 

Le grandi paure di una madre: considerazioni conclusive

Si può essere una buona madre senza bisogno di arrivare a essere una madre “Wendy”. In quanto madri sappiamo quali sono le grandi paure di una madre ma è importante che i nostri figli diventino responsabili, prendano la propria strada e imparino dai propri errori. Tutto qui.

Bambini che crescono

 

Molto spesso siamo troppo intente a proteggerli, ma non possiamo sempre essere con loro; devono imparare a difendersi da soli e a risolvere i problemi. In futuro diventeranno indipendenti e potrebbero soffrire in molti modi, se non vengono preparati agli ostacoli sin da piccoli.

 
  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.
  • Quadrio, C. (1982). The Peter Pan and Wendy syndrome: A marital dynamic. Australian & New Zealand Journal of Psychiatry, 16(2), 23-28. https://journals.sagepub.com/doi/abs/10.3109/00048678209161187
  • Tomás, A. (2013). The EU, between Peter Pan síndrome and Wendy dilemma. In Current social and legal challenges for a changing Europe (pp. 81-96).