Tagliare le unghie al bebè: 4 trucchi utili

· 1 agosto 2018
Avete paura a tagliare le unghie al bebè? Comprensibile, nonostante si tratti di un compito necessario è molto delicato. Oggi vi forniamo dei semplici trucchi per assolvere questo compito nel più semplice dei modi.

Tagliare le unghie al bebé può essere un compito arduo. Infatti man mano che cresce diventa sempre più forte e attivo. Si tratta però di una parte importante della sua igiene.

Mantenere le unghie corte è importante anche ai fini della sicurezza del piccolo, così che non si graffi involontariamente. Oggi vi forniamo degli utili trucchi per tagliare le unghie al bebè in modo facile, veloce e sicuro.

4 trucchi per tagliare le unghie al bebè

Nonostante sia un compito di routine può diventare complicato per alcuni genitori. Ecco quindi per voi una lista di alcuni suggerimenti utili che potete adottare.

1. Usare la tecnica adeguata

Dovete tenere forte il piccolo, collocarlo di spalle verso di voi e poi roteargli le spalle per impedire che muova bruscamente le braccia. Così potrete evitare eventuali graffi, colpi o ferite a causa delle forbici o del tagliaunghie.

Tuttavia man mano che i genitori consolidino questa abitudine potranno scegliere la modalità che giudicano più comoda anche in base al bambino. Si raccomanda di premere il polpastrello e tagliare la parte di unghia che fuoriesce; tagliate in parallelo alla linea naturale della crescita.

Tagliate le unghie in modo dritto e parallelo poi limate i lati con l’apposita lima per bambini. Si preferisce lasciarle leggermente lunghe così da non rischiare di tagliare la pelle.

2. Scegliere il momento adeguato per tagliare le unghie al bebè

Trovare il momento adeguato è uno dei trucchi migliori per tagliare le unghie al bebè. Ad esempio potete farlo mentre dorme, soprattutto se ha il sonno profondo. In questo modo non si muoverà e vi faciliterà il lavoro.

tagliare le unghie al bebè

Provate a tagliargli le unghie mentre è distratto con i suoi cartoni preferiti. Se gli piace mangiare, fatevi aiutare a dargli la merenda o richiamate la sua attenzione per distrarlo. Oppure potete optare per un racconto o una canzone.

Se il piccolo è più grande di 3 anni allora potete tagliargli le unghie facendolo osservare e vedere che non causa dolore. Così che possiate convincerlo a farsi tagliare le unghie tranquillamente.

Dopo il bagnetto è un’altra buona opzione visto che le unghie sono più morbide. Inoltre il bambino è rilassato perciò è più facile distrarlo o farlo addormentare. In questo caso però fate attenzione perché le unghie umide sono trasparenti e potreste facilmente tagliare la pelle del dito.

Indispensabile è mostrarsi calmi e tranquilli in modo da trasmetterlo anche al piccolo, altrimenti di riflesso cercherà di proteggersi. Vale a dire, dopo aver visto il tagliaunghie o le forbici reagirà in modo da evitarli a tutti i costi.

3. Utilizzare uno strumento appropriato all’età del piccolo

Dai primi mesi di vita fino ai due anni si consiglia di usare forbici dalla punta smussata o tagliaunghie per bebè. Inoltre si consiglia di usare una lima elettrica o di cartone apposita per bambini per limare con morbidezza. Dopo i 3 anni potete usare il tagliaunghie comune.

“Dovete tenere forte il piccolo, collocarlo di spalle verso di voi e poi roteargli le spalle per impedire che muova bruscamente le braccia.”

4. Pulire e limare dopo aver tagliato le unghie al piccolo

Terminato il compito del taglio dovete pulire accuratamente le mani del piccolo così da evitare che eventuali pezzi di unghia possano finire in bocca o negli occhi del bambino.

Inoltre è necessario limare delicatamente le unghie in modo da smussare qualsiasi angolo appuntito rimasto con il quale il bebè potrebbe graffiarsi. Si consiglia di farlo con un movimento circolare alla fine delle unghie.

Tagliare le unghie dei piedi al piccolo

Quando crescono le unghie dei piedi non rappresentano un pericolo per il bambino. Tuttavia possono infastidirli e generare pressione all’ora di mettere le scarpe.

Per tagliarle, dovete tenere ben fermo il piede in modo da evitare movimenti bruschi. Abbassate il polpastrello in modo che l’unghia fuoriesca e sarete facilitati a tagliarla.

In questo caso si consiglia di farlo in modo parallelo e non rotatorio. Le unghie dei piedi crescono più lentamente e possono essere tagliate ogni quindici giorni o una volta al mese.

tagliare le unghie al bebè

Errori comuni nel tagliare le unghie al bebè

Il primo suggerimento è di evitare che questa attività sia fastidiosa o dolorosa per i bambini. Quindi, evitate di tagliare molto lateralmente, in questo modo impedirete la formazione di unghie incarnite. Non tagliate troppo le unghie perché potrebbero provocare ferite dolorose per il piccolo.

Grazie a questi trucchi senza dubbio supererete ogni timore nel momento di accorciare le unghie del vostro bebè. Metteteli in pratica e diventerete ben presto degli esperti.