Percorso fonologico: cosa dovreste assolutamente sapere

I due percorsi chiave che consentono di imparare a leggere sono quello di tipo lessicale e quello fonologico. Quest'ultimo riguarda i grafemi, i fonemi e la loro rispettiva interpretazione.
Percorso fonologico: cosa dovreste assolutamente sapere

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2021

La lettura ci permette di viaggiare in mondi immaginari in cui è possibile sognare e divertirsi in altre dimensioni. Il nostro cervello è l’organo coinvolto in questa magia e si pensa che ci siano due modi distinti che ci permettono di leggere: il percorso fonologico e quello lessicale.

Oggi conosceremo a fondo il percorso fonologico, senza trascurare però il percorso lessicale. Sebbene il primo non sia così conosciuto come il secondo, è proprio quello che ci permette di imparare nuove parole e altri elementi essenziali per la lettura. Continuate a leggere e scoprite di cosa si tratta.

In cosa consiste il percorso fonologico?

Fase di prescrittura.

Nel noto modello a doppio percorso la via fonologica è quella utilizzata per convertire i grafemi in fonemi. Vale a dire, è la risorsa che il nostro cervello usa per identificare una lettera e assegnarle un rispettivo suono.

Quando ricodifichiamo il fonema letto sotto forma di grafema, si forma il concetto di parola scritta.

Il percorso fonologico è il primo che usiamo per leggere qualsiasi lingua, che sia l’italiano, l’inglese o il cinese. Pertanto, i bambini che stanno imparando a leggere e scrivere, è più facile prima acquisire i suoni delle lettere e poi imparare a interpretarli quando li vedono. In questo modo, i suoni vengono captati e decodificati.

Ma questo percorso non è esclusivo degli ambienti formali di apprendimento, anzi viene utilizzato ogni volta che scopriamo una parola sconosciuta. Prima interpretiamo ciascuno dei suoi suoni e poi assegniamo a ciascuno di essi il proprio significato e lo contestualizziamo.

Le fasi del percorso fonologico

La caratteristica principale del percorso fonologico è l’ identificazione delle lettere; successivamente, entra in gioco la comprensione le parole che con esse si formano. Alla fine, questo culmina in suoni riconoscibili dall’orecchio e interpretati dal cervello.

Durante tutto il processo, viene utilizzata la memoria di lavoro (MDT), visto che le parole pronunciate vengono memorizzate in un componente chiamato loop fonologico. Quest’ultimo si occupa della conservazione temporanea del materiale verbalizzato e successivamente codificato. Affinché ciò avvenga, devono espletarsi le seguenti fasi:

  1. Analisi visiva: le parole non vengono analizzate globalmente, ma l’individuo si concentra su ogni lettera e su ogni sillaba. Per questo motivo, l’elaborazione iniziale è più lenta.
  2. Identificazione : una volta analizzate le lettere, la parola viene composta e identificata.
  3. Assegnazione fonema: l’articolazione e l’assegnazione di fonemi implica che le regole per la conversione grafema in fonema devono essere applicati, e poi procedere ad una corretta articolazione di esso. Cioè, trasforma un simbolo in un suono pronunciabile.
  4. Analisi uditiva : se effettuiamo un’analisi uditiva degli stimoli che riceviamo, possiamo capire come l’insieme dei fonemi si pronuncia globalmente.
  5. Comprensione: Successivamente, è necessario comprendere appieno il significato della parola. Ciò si verifica dopo essere stato parlato e ascoltato, il che ci consente di accedere ai depositi della nostra memoria (principalmente, il sistema semantico) per capirlo.

Possibili difficoltà riscontrabili durante il percorso fonologico

A volte ci sono alcune difficoltà nel comprendere la parola ascoltata. Succede perché non tutte le persone possono applicare la regola del grafema e del fonema per la comprensione della lettura.

Ad esempio, menzioneremo alcune situazioni che ci avvertono di una possibile sfida in questo apprendimento:

  • Eccessivo tracciamento di ogni lettera con il dito o con un puntatore (come una matita).
  • Intonazione e pronuncia inadeguate.
  • Lettura che evidenzia la sillaba accentata dove non corrisponde.
  • Mancanza di comprensione della lettura o direttamente, nullo.
  • Letture non adatte all’età, sia organiche che scolastiche.
  • Segmentazione delle parole in sillabe o anche lettere.
  • Sillabazione eccessiva.
  • Velocità di lettura troppo lenta.
Percorso fonologico per la lettura.

Il percorso fonologico, elemento fondamentale per imparare a leggere

Imparare a leggere ea farlo in modo comune implica l’uso costante del percorso fonologico. E con queste informazioni di base che vi abbiamo fornito, avete già tutto in mano tutto ciò che dovreste sapere al riguardo.

This might interest you...
Come imparano a leggere e scrivere i bambini?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come imparano a leggere e scrivere i bambini?

Imparare a leggere e scrivere implica per i bambini un processo complesso di costruzione del pensiero, una sfida anche per i genitori che li seguon...