Unschooling: in cosa consiste?

L'abbandono della tradizionale proposta educativa formale rende il mondo e la vita una scuola naturale. Non ci sono esami o pressioni e l'unschooling si propone di rispettare il desiderio del bambino di imparare. Vi diciamo in cosa consiste!
Unschooling: in cosa consiste?

Ultimo aggiornamento: 31 agosto, 2022

Vi ricordate gli anni della scuola? Sicuramente nella vostra memoria saranno ancora molta nitide la pigrizia, l’apatia, la noia e la sensazione che l’apprendimento e lo studio fossero obblighi. Non incolpate voi stessi, questo è ciò che accade quando il sistema educativo non rispetta i processi e i ritmi naturali dei bambini. Unschooling è una proposta che risolve molte di queste difficoltà, perché si basa sulla curiosità e sulla motivazione innata dei più piccoli quando si tratta di formarli e prepararli alla vita.

I modelli educativi tradizionali considerano il bambino come un agente passivo da indirizzare, come un contenitore vuoto che un adulto formato deve riempire attraverso l’applicazione di un piano strutturato. Insooma, hanno lo scopo di instillare contenuto nella mente dei bambini per pura formalità e spesso senza i bambini capiscano quale sia l’utilità o l’interesse di ciò che imparano. La conseguenza? I piccoli memorizzano per brevi periodi senza capire cosa studiano e, una volta terminata la valutazione, dimenticano quello che hanno imparato.

Unschcooling arriva a rompere con questi paradigmi e rimettere il bambino al centro del processo dando loro un ruolo di primo piano e adattando l’insegnamento ai loro bisogni.

Cosa si intende per unschooling?

Questo termine significa “apprendimento autoguidato”. In questo modo vengono eliminati dall’equazione scuole, insegnanti, curricula ed esami. La proposta è molto diversa: i bambini imparano attraverso esperienze quotidiane che suscitano il loro interesse e sono mossi dalla propria motivazione intrinseca. In questo modo sono più liberi e autonomi e seguono i propri ritmi.

A prima vista, questo può sembrare inverosimile; tuttavia, pensate a come i piccoli acquisiscono la loro lingua madre. Nessuno struttura una serie di classi teoriche e pratiche per insegnarlo. Semplicemente, con la semplice esposizione e l’essere immersi in un ambiente che parla loro, finiscono per imparare in modo naturale.

Allo stesso modo, pensate a una situazione che probabilmente è capitata con i vostri figli. Non riescono a finire il libro che è stato inviato loro dalla scuola, ma divorano la loro saga preferita; sono riluttanti a completare quel saggio che gli è stato dato come compito, ma si divertono a scrivere le proprie storie e storie. E, cosa più sorprendente, rimandano lo studio per un esame il più a lungo possibile mentre trascorrono ore affascinati alla ricerca di informazioni sui pianeti o sui dinosauri.

E questo succede perché con unschooling non si impara allo stesso modo quando si è costretti, strutturati e valutati, e quando prevale la libertà di voler imparare qualcosa perché ci interessa davvero.

Abbandonando il classico sistema educativo, i bambini acquisiscono conoscenze motivate dai propri gusti e interessi. I loro genitori li accompagnano nell’apprendimento.

Caratteristiche dell’unschooling

Per sintetizzare l’essenza di questa proposta educativa, vi lasciamo le sue principali caratteristiche:

  • Il bambino occupa il posto centrale ed è protagonista nel suo apprendimento. Non c’è una persona anziana che cerchi di forzare l’acquisizione di conoscenze, ma piuttosto la persona più giovane dirige il processo e pone domande in base alla sua curiosità e ai suoi interessi. L’adulto accompagna, guida, guida e risponde.
  • I ritmi dei bambini sono rispettati e non si tratta di imparare di fretta.
  • La vita stessa è scuola. Man mano che il bambino ha esperienze diverse, interessanti e arricchenti, acquisisce conoscenze e la sua curiosità e motivazione a saperne di più aumenta.
  • Non ci sono valutazioni o esami. Imparare non è un obbligo ma un diritto, quindi nessuno viene giudicato.
  • Il bambino decide cosa vuole imparare quando se ne presenta la necessità. In questo modo conosce l’utilità di ogni informazione che acquisisce e sa come applicarla nella vita. Ciò garantisce che l’apprendimento sia significativo e che duri nel tempo.

Unschooling: un’alternativa efficace?

Essendo una proposta così innovativa, è normale per noi avere dei dubbi al riguardo. Pertanto, è importante considerare i suoi pro e contro. Innanzitutto, offre molteplici e importanti vantaggi e benefici, come i seguenti:

  • I bambini crescono con più libertà, con maggiore autonomia e più sicurezza. Sono in contatto con i loro interessi e preoccupazioni, sono più riflessivi e si conoscono meglio.
  • Sono più indipendenti e sanno come guidare il proprio apprendimento, porre le domande giuste e imparare in modo pratico attraverso la sperimentazione.
  • Le lezioni apprese sono solide e permangono nel tempo. Anche se al proprio ritmo, i bambini finiscono per sapere tutto ciò di cui hanno bisogno. Si nutrono e si coltivano mentalmente per i propri interessi.
  • Si godono di più la loro infanzia e il rapporto con i loro genitori è più forte. Se sono loro i responsabili della loro educazione non scolastica, condivideranno una moltitudine di esperienze arricchenti e momenti significativi.
  • Eliminando la scuola e gli esami, si riduce la pressione di essere giudicati, valutati e confrontati. Inoltre, con l’unschooling vengono evitati alcuni problemi come il bullismo a scuola o da parte degli insegnanti.
Perché questa proposta educativa sia attuabile, gli adulti devono impegnarsi molto per suscitare la curiosità dei bambini e guidarli nell’apprendimento.

Svantaggi di questa proposta educativa

D’altra parte, ci sono anche alcuni contro di cui tenere conto in questa proposta educativa:

  • Se non frequenta una scuola, il bambino perde l’opportunità di interagire con i suoi coetanei, di imparare a relazionarsi e di risolvere problemi sociali.
  • Qualora, in un secondo momento, si passasse a un sistema educativo tradizionale, potrebbero verificarsi problemi di adattamento al lavoro di gruppo, all’apprendimento meccanico o a un curriculum rigido e strutturato.
  • Se i genitori sono i supervisori nell’abbandono della proposta educativa formale, il loro coinvolgimento deve essere intenso e la loro dedizione quasi totale. Ed è proprio da questo che il bambino ha l’opportunità di imparare attraverso le esperienze quotidiane e di suscitare la sua curiosità. Anche per ottenere il supporto e le risposte di cui hai bisogno in ogni momento.

Unshcooling: un’alternativa vantaggiosa

In breve, l’abbandono della classica proposta educativa scolastica è un’alternativa molto vantaggiosa per i bambini, sebbene sia ancora poco applicata. È un modello molto rispettoso, incentrato sui bambini e focalizzato sul raggiungimento di un apprendimento solido e significativo. Inoltre, riduce le pressioni sui bambini e promuove il divertimento e lo sviluppo delle abilità quotidiane. Per tutto questo, è una proposta interessante da considerare.

Potrebbe interessarti ...
Far cambiare scuola al bambino senza il consenso del coniuge
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Far cambiare scuola al bambino senza il consenso del coniuge

Quando i genitori si separano o divorziano, far cambiare scuola al bambino può essere una decisione molto complicata e creare disaccordi.



  • Gray, P., & Riley, G. (2013). The challenges and benefits of unschooling, according to 232 families who have chosen that route. Journal of Unschooling & Alternative Learning7(14).
  • Ricci, C. (2011). Unschooling and the willed curriculum. Encounter24(3), 45-48.
  • Griffith, M. (2010). The unschooling handbook: How to use the whole world as your child’s classroom. Crown.